Le 5 migliori piante per acquario d'acqua dolce

Ceratophyllum demersum

Una delle piante più facilmente reperibili in commercio; è formato da lunghi steli, capaci di superare diversi metri di lunghezza, e foglie aghiformi. Ha pochissime esigenze e ha il pregio di crescere molto velocemente colonizzando ogni angolo della vasca. È ideale per chi ha avviato da poco l’acquario: è infatti un avido consumatore di nitrati e fosfati sopperendo così alla non completa maturazione del filtro e alla carenza di batteri atti a degradare ammonio, nitriti e nitrati (pericolosi ad alte concentrazioni per i pesci e principale causa del proliferare delle alghe). Dal punto di vista estetico è molto decorativa e, essendo molto fitta, rappresenta un ottimo rifugio per gli avannotti. Attenzione però perché potrebbe diventare invasiva: impegniamoci in frequenti potature!
Ceratophyllum demersum

smardy HOME 190 Sistema Filtrazione Acqua - Impianto Osmosi 3 con Filtro - Osmosi Inversa

Prezzo: in offerta su Amazon a: 65€


Limnophila sessiliflora

Limnophila sessiliflora Una dei vegetali più semplici in assoluto da inserire in vasca. Ha infatti una crescita estremamente vigorosa (gli steli possono superare il metro) e regala un aspetto vivace all’ambiente grazie alle foglie fini disposte a rosetta, di circa 6 cm di lunghezza. Di solito è di bel verde acceso, ma se posizionata nei pressi di una fonte di luce più intensa (neon o una finestra) gli apici prendono sfumature rossastre che creano un gradevole contrasto. Grazie alla sua struttura costituisce un riparo per i giovani pesci ed è un substrato ideale per l’insediamento degli batteri utili per il ciclo dell’azoto.

Per quanto riguarda la coltivazione non c’è molto da dire, perché è estremamente adattabile; in generale vuole temperature tra i 18 e i 28°C, un pH subacido e durezza media.


  • Esempio di acquario con piante Le malattie delle piante dell’acquario sono dovute a innumerevoli fattori, riguardanti sia la condizione che si trova all’interno dell’acquario stesso e la tipologia di piante scelte a seconda o meno ...
  • Acquario in salute La scelta del fertilizzante per le piante d’acquario non è cosa semplice perché occorre tenere in considerazione innumerevoli varianti. I concimi sono molto importanti ma allo stesso tempo devono esse...
  • Potatura piante acquario La potatura delle piante dell'acquario è un'operazione fondamentale per garantire il benessere delle piante stesse e dell'ecosistema dell'intero acquario. La potatura le farà infatti crescere rigoglio...
  • Un bellissimo esempio di piante per acquario Agripetgarden.it è un sito che si occupa sia della vendita di piante per acquari che di piante da laghetto, carnivore e tropicali. Offre una grande varietà di scelta e prodotti i quali vengono in gene...

Tetra Co2 Plus - 250 ml

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,15€


Vallisneria Gigantea

Vallisneria Gigantea Altra pianta semplicissima da trovare in commercio e forse la più diffusa in assoluto negli acquari.

È apprezzata per la facilità di coltivazione, per la crescita veloce e per il suo aspetto vivace. Si distingue dalle altre per le belle foglie nastriformi, verde acceso, lunghe fino ad un metro. Per acquistarla rechiamoci presso un negozio specializzato e fornito: le varietà a disposizione in realtà sono moltissime! Possiamo scegliere quella più adatta alle dimensioni della nostra vasca oppure creare una vera e propria collezione. Ci sono cultivar nane (con foglie che non superano i 10 cm), l’”Asiatica” (foglie da 30 cm a spirale), la “mini twister”, piccolissima, anch’essa con foglie a cavatappi.

Le esigenze colturali comprendono acqua basica (quindi calcarea) e temperatura intorno ai 20°C.


Cryptocoryne Wendtii

Cryptocoryne Wendtii Elemento vegetale particolare e tra i più apprezzati tra gli acquariofili! Originaria dello Sri Lanka, può vantare una grande adattabilità a condizioni diverse; per lei non è un problema la durezza dell’acqua e cresce bene con temperature al di sopra dei 20°C. A differenza di altre piante vanta un apparato radicale importante, che si sviluppa in orizzontale: richiede quindi un fondo un po’ più ricco e pesante, dove riesca ad ancorarsi stabilmente. Nelle vasche avviate da tempo può inoltre chiedere l’utilizzo di concime specifico in tavolette. In commercio si trova in tre varianti, a seconda del colore delle foglie, dal verde medio al rosso al marrone.

Alle volte patisce il trapianto e l’adattamento: perderà parte del fogliame, ma in breve tempo si riprenderà!


Le 5 migliori piante per acquario d'acqua dolce: Anubia barteri nana

Anubia barteri nana Pianta resistente e interessante per la particolare forma delle foglie, cuoriformi con un lungo stelo, diversa da quella delle più diffuse. Può produrre un fiore simile alla calla.

Date le sue dimensioni contenute e la crescita lenta (produce al massimo 4 foglie all’anno) è adatta ai primi piani delle vasche e non dà grande impegno per la manutenzione: difficilmente dovremo occuparci di potarla. Il suo apparato radicale è imponente, ma non va sotterrato pena la comparsa di marciumi e conseguente deperimento generale. Per essere stabile, richiede di essere legata ad un elemento decorativo, magari con uno spago trasparente. Molto tollerante per quanto riguarda durezza e pH, richiede poca luce e temperature intorno ai 25°C. Può necessitare l’uso di concimi a base di CO2, ferro e magnesio.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO