Cobra

Caratteristiche

I cobra sono una famiglia di serpenti tra i più velenosi al mondo. Appartengono alla famiglia degli Elapidae e vivono principalmente nelle regioni del sud est asiatico e in India. Si tratta di serpenti estremamente aggressivi e capaci con un solo morso di uccidere un elefante adulto. Caratteristica distintiva dei cobra è sicuramente la forma del collo che si allarga quando sono in procinto di attaccare o vogliono intimorire e spaventare eventuali aggressori. Con il termine generico ‘cobra’ si intendono di solito i serpenti appartenenti al genere Naja di cui non fa parte, però, il cobra reale che appartiene alla specie, Ophiophagus hannah. Il più conosciuto è sicuramente il cobra reale indiano. Si tratta di un ofide che raggiunge anche notevoli lunghezze con una crescita media di circa 3 metri. La pelle assume colorazione variabile a seconda dell’età del serpente: verde olivastra negli adulti, nera con strisce trasversali di colore più chiaro sul dorso nei giovani. Il ventre è sempre marrone chiaro con strisce scure. I cobra sono molto longevi e arrivano anche al traguardo dei 20 anni. Sono serpenti diurni a differenza della maggior parte degli altri serpenti e tendono ad uscire dalla tana durante il giorno per andare a caccia nelle foreste tropicali e nei mangroveti in cui vivono. I cobra, e quelli reali in particolare, si nutrono quasi esclusivamente di animali a sangue freddo e in special modo di serpenti. I cobra uccidono le loro prede con il loro morso letale, attendono che il veleno le porti alla morte e poi le ingoiano intere, iniziando dalla testa per evitare che le squame feriscano l’apparato digerente. Per evitare di essere predati i serpenti che condividono l’habitat con i cobra hanno sviluppato una particolare strategia difensiva che consiste nel non muoversi, acciambellarsi su se stessi e nascondere la testa sotto il corpo per impedirgli di sferrare l’attacco letale.
cobra reale

Cobra

Prezzo: in offerta su Amazon a: 9,73€


Habitat naturale

e distribuzione

cobra I cobra sono diffusi soprattutto in Asia e in particolare nel nord dell’India, nel sud della Cina, in Malesia, nelle Filippine e in tutto il sudest asiatico, isole comprese. Si adattano a vivere anche ad altitudini superiori ai 2000 metri dal livello del mare. Il cobra reale in particolare vive in India, in Bangladesh, nel Myanmar, in Cambogia, nella Cina Meridionale, nel Laos, in Thailandia, nel Vietnam, in Indonesia e nelle Filippine. Il suo habitat naturale è costituito da foreste tropicali e pluviali caratterizzate da una ricca e folta vegetazione e in prossimità di corsi d’acqua. Il cobra, infatti, è anche un ottimo nuotatore. Preferisce i boschi di bambù e le paludi di mangrovie. Il suo habitat naturale è rappresentato da zone con climi tropicali, con abbondanti precipitazioni e con temperature elevate in tutte le ore del giorno e con elevati tassi di umidità

  • cobra Con il termine cobra si tende ad identificare una particolare specie di serpenti velenosi appartenenti alla famiglia degli Elapidae. Il nome deriva dal portoghese “cobra de capelo”, ovvero, serpente c...
  • mamba verde I serpenti velenosi si dividono in due gruppi principali, gli elapidi e i viperidi. Il primo gruppo comprende i cobra e il serpente corallo, i serpenti africani come il mamba nero e verde; il secondo...
  • biacco Il biacco, noto anche come Coluber Viridiflavus, è un grosso serpente non velenoso tipico delle campagne e delle praterie mediterranee. Il termine biacco deriva da una parola longobarda “biach” che si...
  • Serpente cobra Esistono diverse specie di cobra con caratteristiche più o meno diverse. Tra queste ritroviamo il genere Naja tipici dell'immaginario collettivo capaci di dilatare il collo in caso di pericolo, il gen...

Arena Cobra Ultra, Occhialini Unisex – Adulto, Blue/White/Black, Taglia Unica

Prezzo: in offerta su Amazon a: 36,15€
(Risparmi 3,8€)


Riproduzione

I cobra sono ovipari quindi le femmine depongono le uova in buche appositamente scavate nel terreno. La stagione degli amori va da gennaio ad aprile. I maschi tendono a combattere fra di loro per conquistare la femmina e alla fine vince chi riesce a costringere l’altro ad abbassare la testa. Durante il corteggiamento il maschio accarezza a lungo la femmina sul dorso. L’accoppiamento può durare anche un’ora. In questo periodo maschio e femmina vivono insieme per proteggere le uova. La femmina costruisce un nido di foglie e rami schiacciati in cui depone dalle 21 alle 40 uova. La decomposizione della vegetazione fornirà il calore necessario per la schiusa. Il nido dei cobra è caratterizzato, infatti, da due camere: la camera bassa dove sono depositate le uova e la camera alta dove, invece, si sistema la madre per proteggere la prole. Per tutto il periodo dell’incubazione e i genitori non abbandonano mai il nido per evitare l’attacco di predatori o che vengano calpestate. Le uova si schiudono in autunno,dopo circa 90 giorni di incubazione e i piccoli appena nati sono già completamente autosufficienti e capaci di uccidere con il loro veleno. Al momento della schiusa delle uova i genitori si allontanano per evitare di mangiare i piccoli e da quel momento non si occuperanno più di loro.


Cobra: Il cobra reale

Il cobra reale è detto anche “mangiatore di serpenti”. Nome dovuto al fatto che questo particolare tipo di cobra si nutre esclusivamente di altri serpenti praticando, in alcuni casi, anche il cannibalismo. Si tratta di una specie in via di estinzione a causa della progressiva distruzione del suo habitat naturale che lo porta sempre più spesso ad avvicinarsi alle aree coltivate ed è per questa ragione che gli attacchi all’uomo sono aumentati con notevoli rischi per i contadini. Pur essendo un serpente molto aggressivo, il cobra reale, comunque cerca di evitare il confronto e se si sente minacciato cerca di spaventare e allontanare l’aggressore prima sibilando e poi sollevando la parte anteriore del corpo stendendo le nervature del collo e assumendo la tipica posizione di attacco. Quando assume questa posizione riesce a sollevare il corpo fino ad un metro dal terreno. Attacca, però, solo se costretto.



COMMENTI SULL' ARTICOLO