colubro lacertino

Caratteristiche

Il colubro lacertino (Molpolon monspessulanus) noto anche come colubro di Montpellier è un serpente velenoso appartenente alla famiglia dei colubridi. E’ il più grande ofide opistoglifo europeo con i suoi quasi due metri di lunghezza. Il corpo è possente e muscoloso con la testa piccola. Gli occhi sono molto grandi e presentano una pupilla tonda protetta da squame encefaliche che somigliano a delle sopracciglia. Il muso è appuntito con i denti rivolti all’interno per consentirgli una presa maggiore durante la caccia. Le zanne con cui inietta il veleno si trovano nella parte superiore della mandibola. La colorazione del corpo è molto variabile, ma solitamente varia dal verde oliva, al marrone fino al grigio. Nella parte superiore del corpo possono esservi tracce dell’antico disegno giovanile o può apparire completamente nera. Non esiste uno spiccato dimorfismo sessuale tra i due sessi, ma, i maschi risultano molto più grandi delle femmine.
colubro lacertino

Serpenti Australiani nello Zoo Reggente 1860 del Parco

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,7€
(Risparmi 13,1€)


Habitat naturale

e distribuzione

Il colubro lacertino è un serpente tipico delle regioni mediterranee. Il suo areale di distribuzione comprende la Penisola iberica, la Francia del sud, le regioni balcaniche, l’Africa mediterranea e l’Asia occidentale. In Italia è presente in Liguria, sull’isola di Lampedusa e sull’Isola Gallinara. Il suo habitat naturale è costituito in prevalenza da macchia mediterranea, zone aride o semiaride caratterizzate dalla presenza di cespugli e rocce. Si può trovare anche a ridosso delle zone antropizzate, nei pressi di campi coltivati o canneti.

  • colubro liscio Il colubro liscio, noto anche come Coronella austriaca, è un serpente non velenoso della famiglia dei colubridi. Di dimensioni medio piccole, supera raramente i 70 centimetri di lunghezza. Deve il su...
  • boa constrictor Non esistono veri e propri ‘serpenti domestici’, ma, serpenti che meglio di altri si adattano alla vita in una teca e al contatto quotidiano con l’essere umano. Si tratta di ofidi non velenosi, poco m...
  • serpente del grano L’Elaphe guttata, meglio conosciuto come serpente del grano, appartiene alla famiglia dei colubridi. Deve il suo nome al fatto che in natura si trovano soprattutto nei pressi di coltivazioni di mais e...
  • Biacco giallo verde In Sicilia vivono all’incirca sette specie di serpenti la maggior parte delle quali non velenose. Si tratta di ofidi appartenenti quasi tutti alla famiglia dei colubridi. L’unico serpente velenoso del...

Lanxivi Crocodile 218 Gold Rain penna stilografica penna roller pitone modello pelle PU giallo grigio Pen case set

Prezzo: in offerta su Amazon a: 37,44€


Riproduzione

La stagione degli amori per il colubro lacertino coincide con l’arrivo della primavera e il risveglio dal letargo. Si tratta di una specie ovipara, il che significa che la femmina depone le uova dopo la fecondazione. I primi accoppiamenti si verificano a partire dal mese di marzo. La femmina depone le uova, circa 20, in cavità naturali nel terreno, sotto pietre o tronchi di albero. La gestazione dura cinque mesi e i piccoli appena nati misurano già 25 centimetri e sono già perfettamente autosufficienti e dotati di denti del veleno.


colubro lacertino: Abitudini

e alimentazione

L’alimentazione del colubro lacertino si basa principalmente su mammiferi, roditori, sauri, uccelli e anche serpenti della sua stessa specie. La tecnica di caccia è molto particolare, poiché, questo serpente prima avvolge le prede nelle sue spire e poi le morde e attende che il veleno faccia effetto. Si tratta di un serpente diurno e terricolo. Va in letargo a fine ottobre e si risveglia a inizio marzo. Il suo morso non risulta velenoso per l’uomo.


  • colubro Il colubro leopardino, il cui nome scientifico è Zemenis situla, è un serpente non velenoso appartenente alla famiglia d
    visita : colubro

COMMENTI SULL' ARTICOLO