orbettino

Caratteristiche

L’orbettino è un rettile appartenente alla famiglia degli anguidi. Spesso viene scambiato per un serpente per il suo aspetto, ma, in realtà si tratta di una semplice lucertola che nel corso della sua evoluzione ha perso le zampe. Come tutte le lucertole anche l’orbettino riesce ad auto amputarsi la coda (autotomia) in caso di pericolo, sfuggendo così a eventuali predatori. La coda dell’orbettino è molto lunga e rappresenta circa il 60% della lunghezza totale del corpo. Una volta persa non ricresce più e la ferita si cicatrizza. In generale questi rettili sono lunghi tra i venti e i quaranta centimetri per un peso di circa 50 grammi. Gli orbettini si differenziano dai serpenti anche per gli occhi che sono dotati di palpebre mobili. Come gli ofidi, però, non possiedono l’orifizio auricolare che è, invece, presente nelle lucertole. Il corpo dell’orbettino ha una forma cilindrica, con testa e coda indistinte dal tronco come nei serpenti. E’ rivestito completamente da squame che conferiscono alla pelle un aspetto lucido e liscio. La parte della pancia è dotata di placche ossee che lo aiutano nei movimenti e ne facilitano le operazioni di scavo nel terreno. La pelle solitamente è argentata, ma, ci sono anche esemplari marroni e color rame. Il ventre è nero. Le femmine si distinguono dai maschi per la presenza di una striscia scura sui fianchi e lungo le vertebre. Per il resto sono in tutto identiche ai maschi. I giovani hanno una colorazione più accesa. La pupilla è rotonda e l’iride è color rame.
orbettino

Orbettino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 0,99€


Habitat naturale

e distribuzione

Gli orbettini sono l'unica specie di Anguidi, insieme all’Ophisaurus apodus, a vivere in Europa, tutte le altre (circa ottanta specie diverse) risiedono esclusivamente nel continente americano. In Europa l’orbettino si trova quasi ovunque, ad eccezione dell’Irlanda e dell’Islanda. In Italia si può trovare in tutte le regioni eccetto che in Sardegna. E’presente anche in Africa e in particolare nelle regioni del Bacino del Mediterraneo. E' un rettile che riesce ad adattarsi molto bene a climi e ambienti diversi, ma, il suo habitat naturale è costituito essenzialmente da zone palustri, ricche di vegetazione ed erba alta dove potersi nascondere e rifugiare. Si stabilisce in zone umide, nei pressi di pascoli, boschi, campi coltivati e muretti a secco. Negli ultimi decenni si è stabilito anche in contesti urbanizzati. Predilige zone caratterizzate da climi freschi e umidi.

  • marasso La Vipera Berus, meglio conosciuta con il nome di Marasso, è un serpente appartenente alla famiglia delle vipere. Il morso del marasso, in linea generale non è pericoloso per l’uomo, poiché, la quanti...
  • biscia In Italia vivono attualmente serpenti appartenenti a due sole famiglie, quella dei colubridi e quella dei viperidi. I primi sono tendenzialmente innocui in quanto sprovvisti di ghiandole velenifere a ...
  • biscia in acqua La biscia è un serpente appartenente al genere Natrix e fa parte della famiglia dei colubridi. Si tratta di un serpente prevalentemente europeo con abitudini acquatiche. Il nome Natrix, infatti, deriv...

Stampi il Anguis C1890 501K131 Fragilis di Orbettino

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20€
(Risparmi 20€)


Riproduzione

orbettino Gli orbettini sono ovovivipari, il che significa che la femmina non depone le uova, ma le cova nel suo grembo dando poi alla luce i piccoli già vivi. La stagione degli amori coincide con l’arrivo della primavera e il risveglio dal letargo invernale. La gestazione dura circa tre mesi al termine dei quali la femmina da alla luce dai 6 ai 12 piccoli. I piccoli sono avvolti da una sottile membrana trasparente che si rompe subito dopo il parto. Appena nati, gli orbettini misurano appena otto centimetri e sono già completamente formati. La maturità sessuale viene raggiunta intorno ai tre anni di vita quando gli esemplari arrivano a misurare circa venticinque centimetri. Nella stagione degli accoppiamenti i maschi tendono a litigare ferocemente tra loro per conquistare la femmina.


orbettino: Abitudini

e alimentazione

L’alimentazione dell’orbettino è composta principalmente da insetti, lumache, lombrichi, molluschi e vermi. Questo rettile, infatti, non possiede né i denti veleniferi né le mascelle snodabili dei serpenti e quindi non può ingoiare prede troppo grandi. Si tratta di un animale crepuscolare che non necessita di stare steso al sole per molte ore come il resto dei rettili, quindi trascorre gran parte della giornata in buche scavate nel terreno o sotto qualche masso, termoregolando la sua temperatura corporea con il calore rilasciato dalle cose riscaldate dal sole. Al tramonto esce dalla sua tana e si mette alla ricerca di possibili prede. Fa ritorno nella tana a mattina inoltrata. Quando mangia le lumache tende poi a strofinare il muso sul terreno per ripulirsi dal muco. Si muove molto lentamente e con estrema circospezione. E’ un animale territoriale e difficilmente si allontana troppo dalla zona in cui si trovano le sue molte tane. Gli adulti sono solitari, mentre i giovani tendono a vivere in piccoli gruppi. Come tutti i rettili va in letargo nei mesi invernali. Si rifugia in una tana scavata nel terreno a novembre per poi uscire nuovamente nel mese di marzo. L’orbettino è un animale molto longevo e può vivere anche fino a cinquanta anni. In molti paesi questa lucertola viene scambiata per un serpente e quindi viene uccisa, ma, ci sono altrettanti paesi che la tutelano in quando riconoscono la sua utilità per l’agricoltura poiché si ciba degli insetti dannosi per i raccolti. In Crimea viene considerato un tesoro naturale. I principali predatori dell’orbettino sono gli uccelli, gli altri rettili e i mammiferi carnivori. L’orbettino, infine, è soprannominato la “lucertola di vetro” per la lucentezza delle squame che ne ricoprono il corpo. Il soprannome è dovuto anche alla rigidità dei suoi movimenti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO