Moretta

Caratteristiche

La moretta è un uccello della famiglia degli Anatidi. Caratteristica peculiare della specie è la presenza di un ciuffo nero sulla testa tanto che nei paesi di lingua anglosassone viene chiamata ‘Tufted Duck’ che significa ‘anatra con il ciuffo. Il maschio e la femmina sono molto diversi tra loro. Gli esemplari maschi presentano una colorazione nera uniforme sul capo, sul collo, sul dorso e sul petto. Le ali, anch’esse nere, presentano una banda bianca. I fianchi e la pancia sono bianchi. Il becco è color ardesia con la punta nera. Gli occhi sono gialli e le zampe giallognole. Gli esemplari femmina, invece, sono brune su tutto il corpo con bordature grigie sui fianchi. Il becco è azzurrognolo con punta bianca. Il ciuffo sulla testa è meno pronunciato rispetto ai maschi. Gli esemplari giovani sono molto simili alle femmine, da cui si distinguono per la colorazione più scura di addome e schiena e per il becco che non presenta la punta bianca. I maschi in fase eclissale presentano una livrea molto simile a quelle delle femmine. Si tratta di una specie tuffatrice di medie dimensioni che può pesare fino a 600 grammi. Il corpo è compatto, il collo e la coda sono corti e la testa è grossa rispetto al resto del corpo. Il becco è corto e largo. Non possiede sottospecie.
moretta

Canotta mezza spalla Moretta in 100% cotone mercerizzato liscia con bordino in raso (4°, Bianco)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Habitat naturale

e distribuzione

La moretta è un’anatra migratrice originaria dell’Europa. La si trova principalmente nelle regioni settentrionali e nord-occidentali, come l’Islanda, i Paesi Scandinavi, l’ex Unione Sovietica, la Gran Bretagna. Nell’ultimo secolo ha cominciato a colonizzare anche le regioni dell’Europa centro-occidentale. E’ molto diffusa anche in Asia e in particolare nelle regioni del nord. In Italia si trova soprattutto in Piemonte, Lombardia e nelle regioni dell’alto Adriatico. Ci sono colonie anche in Sardegna e nelle regioni dell’Italia Centrale. Il suo habitat naturale è costituito da ampi laghetti, pozze d’acqua circondate da una fitta vegetazione. Non ama le acque agitate o attraversate da troppe correnti, ma, predilige gli specchi d’acqua poco profondi e calmi. La moretta è una specie molto adattabile e all’occorrenza si adatta anche a vivere in acque libere o nei bacini di decantazione di acque salmastre. Trattandosi di un uccello migratore, la moretta tende a svernare in Europa centro-occidentale e nelle regioni euroasiatiche. Nidifica in quelle più settentrionali e in particolare nelle isole britanniche. Nei mesi invernali può spingersi anche fino alle coste degli Stati Uniti e del Canada. Il loro habitat di nidificazione è costituito da paludi, lagune costiere, stagni riparati e coste. Nella scelta del luogo in cui costruire il nido incide la presenza di una fitta vegetazione dove poter nascondere le uova dall’attacco di eventuali predatori.

  • moretta Con il termine moretta, scientificamente Aythya fuligula linnaeus, si identifica comunemente un uccello anseriforme, diffuso per la prima volta nel 1758, facente parte della famiglia degli Anatidi. La...
  • codone Con il termine codone comune si indica un uccello acquatico appartenente alla famiglia delle Anatidi. Quest’anatra deve il suo nome alla coda molto lunga e appuntita, caratterizzata dalla presenza di ...
  • anatra germano reale L’anatra, dal latino anitra, è un uccello acquatico della famiglia degli Anatidi, di cui fanno parte anche le oche e i cigni. L'anatra in particolare appartiene al genere Anas che comprende circa 150 ...
  • anatra L’allevamento delle anatre in cattività è tra i più diffusi al mondo. Insieme alle oche le anatre sono state tra le prime specie di uccelli a essere stati addomesticati dall’uomo fin dalla notte dei t...

Collana Antica Murrina Venezia MORETTA COA14A02 Vetro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 59€


Riproduzione

moretta La stagione degli amori per le morette coincide con l’arrivo della primavera. In questa fase le femmine costruiscono il nido da sole o insieme con altre femmine, costituendo delle colonie. I nidi vengono sempre costruiti sulla terraferma o tra i rami delle piante acquatiche, nei pressi di specchi d’acqua poco profondi, ben nascosti dalla vegetazione. L’interno del nido è tappezzato con piante e foglie fresche per renderlo più soffice. In media la femmina depone dalle sette alle dodici uova che vengono covate per circa 4 settimane. Le uova hanno il guscio grigio tendente al verde e vengono deposte a partire dal mese di aprile e fino agli inizi di giugno. Le uova si schiudono tutte nello stesso momento. I giovani vengono accuditi solo dalla madre per circa due mesi dopodiché lasciano il nido. Appena nati vengono portati subito in acqua per iniziare a nutrirsi. Le cure parentali sono affidate esclusivamente alla madre. Nella stagione degli amori il maschio assume la cosiddetta livrea nuziale, nera e bianca, con il lungo ciuffo in evidenza sulla testa.


Moretta: Abitudini

e alimentazione

La moretta è una specie tuffatrice. Si nutre principalmente di piccoli insetti acquatici, molluschi, lumache, piante acquatiche, bacche, germogli e semi. E’ molto ghiotta di cozze e conchiliacei. Si procura da mangiare direttamente in acqua, tuffandosi anche fino a due o tre metri di profondità e strappando le piante dai fondali. Quando non è necessario, si procurano da mangiare restando in superficie. Cacciano anche durante la notte. E’ un animale gregario, dal carattere socievole e vive in nutrite colonie. Le colonie di morette si spostano insieme per la ricerca del cibo e durante le migrazioni che avvengono con regolarità. Nel periodo riproduttivo vivono in Europa settentrionale e in Asia, mentre durante l’inverno si spostano nelle regioni dell’Europa occidentale, centrale e in quelle mediterranee. Ottima nuotatrice e camminatrice. Il volo è dritto e veloce con rapidi battiti di ali. Vive in specchi di acqua dolce poco profondi in cui riesce a reperire cibo a sufficienza sia di origine animale che vegetale. Non ama i laghi troppo grandi o gli specchi d’acqua poco profondi. Si tratta di una specie che ben si adatta all’allevamento in cattività.



COMMENTI SULL' ARTICOLO