Allevatori canarini

Come diventare allevatori

L’allevamento dei canarini conta milioni di appassionati in tutto il mondo. Da secoli, infatti, l’uomo si è cimentato nell'allevamento di questi splendidi uccelli tropicali. Per diventare allevatori di canarini occorre avere tanta passione, tanto tempo a disposizione e molta buona volontà per non rischiare di vedere vanificati tutti i propri sforzi. Gli allevatori di canarini possono essere professionisti o semplici amatori. Nel primo caso i canarini vengono allevati e selezionati per essere poi rivenduti, mentre, nel secondo caso l’allevamento è senza scopo di lucro e i volatili vengono allevati per pura passione o per partecipare a mostre e concorsi. Gli allevatori di canarini devono essere iscritti al FOI (Federazione Ornicoltori Italiani) per ricevere gli anellini personalizzati recanti il codice RNA dell’allevatore, l’età dell’esemplare, il numero progressivo e al sigla della federazione. Gli anellini sono fondamentali per poter riconoscere e identificare in ogni momento gli esemplari. Esistono poi numerose associazioni ornitologiche amatoriali a cui potersi iscrivere per ricevere sostegno e aiuto per il proprio allevamento. Gli allevamenti di canarini, infine, possono essere anche di tipo sportivo. In questo caso vengono selezionati solo volatili perfetti per poter prendere parte alle gare organizzate dalla FOI.
Allevatori canarini

Johnston e Jeff nigerseed 1 kg

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,79€


Nozioni

di canaricoltura

La canaricoltura è la disciplina che studia le tecniche di allevamento dei canarini domestici. Un buon allevatore deve conoscere le regole e le tecniche di allevamento per garantire ai propri uccelli una vita più lunga e più sana possibile. Le regole base sono anche regole di buonsenso e consistono nel rispetto delle norme igienico sanitarie, nella somministrazione di un’alimentazione adatta ed equilibrata e nella cura di eventuali malattie e infezioni. La canaricoltura stabilisce anche le regole base per gli incroci e le ibridazioni volte ad irrobustire un determinato ceppo e a selezionare soggetti sempre migliori dal punto di vista sia fisico che estetico. Gli incroci in alcuni casi sono anche mirati alla creazione di nuove varianti della specie con nuove caratteristiche anatomiche e morfologiche. Un buon allevatore, infine, deve disporre anche di nozioni di serinologia, ovvero la scienza che studia i canarini. Se non si conoscono a fondo le caratteristiche, le abitudini e il carattere di questi piccoli volatili allo stato selvatico difficilmente si riuscirà ad allevarli con successo e difficilmente si riuscirà ad effettuare incroci ed ibridazioni di valore.

  • canarino giallo I canarini gialli, contrariamente a quanto si possa pensare, sono il frutto di una mutazione della cromia avvenuta intorno agli anni ’60 del secolo scorso ad opera di alcuni allevatori. La loro diffus...
  • Canarini di colore Tra i canarini di colore si distinguono circa 400 varietà di colore diverso. Sono essenzialmente canarini domestici frutto di una selezione fatta dagli allevatori in base alla colorazione del piumaggi...
  • Canarini in gabbia I canarini sono tra gli uccelli domestici più venduti al mondo. Il costo di un canarino può dipendere da molti fattori e in primis dalle sue caratteristiche fisiche quali il colore, il disegno e l’ass...
  • canarino rosso Il canarino rosso è un canarino di colore frutto dell’ibridazione tra il canarino giallo e il Cardinalino del Venezuela, a cui si deve il colore rosso brillante del piumaggio. I canarini rossi, infatt...

Gabbia Tetto con Accessori per Uccelli Canarini Pappagalli in metallo 29x21x38cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,9€


Scegliere i canarini

Allevatori canarini Quando si decide di diventare allevatori di canarini e di mettere su un allevamento sia esso amatoriale o professionale occorre come prima cosa decidere quale tipo di canarino allevare, poiché esistono molte specie diverse, ciascuna con caratteristiche e necessità particolari. Una volta scelta la specie a cui dedicarsi bisogna quindi scegliere le prime coppie per avviare l’allevamento. I soggetti devono essere giovani e sani. Per conoscere l’età basta guardare l’anellino inamovibile che deve essere presente sulla zampa su cui è scritto l’anno di nascita. Per riconoscere i soggetti sani basta tenere presente poche semplici regole: i canarini devono avere occhi vivi e brillanti, devono mostrare vivacità, il piumaggio deve essere liscio e aderente al corpo. Se soffiando sotto il ventre, si notano delle macchie scure allora vuol dire che il canarino ha problemi al fegato ed è meglio non acquistarlo. Prima di acquistare un canarino, inoltre, bisogna avvicinarlo all’orecchio e accertarsi che non emetta fischi quando respira. Il fischio, infatti, si sente solo se l’uccellino è asmatico.


Allevatori canarini: Competizioni

I canarini hanno da sempre catturato l’immaginario collettivo per due caratteristiche principali: la bellezza del piumaggio e la melodiosità del loro canto. In base a queste due caratteristiche vengono organizzate delle vere e proprie competizioni tra canarini. Per quanto riguarda le competizioni estetiche, in Italia, vengono organizzate dalle varie associazioni ornitofile. Alle esposizioni è presente sempre un giudice FOI che esamina gli esemplari in gara e rilascia una scheda con relativo punteggio per ciascun concorrente. Queste gare servono agli allevatori di canarini per valutare l’effettivo valore dei propri esemplari, capire quali difetti correggere e quali utilizzare poi per la riproduzione grazie alla valutazione espressa dal giudice di gara. In più a queste competizioni spesso è collegata anche una vincita in denaro e gli esemplari che si piazzano ai primi posti acquistano anche un maggiore valore economico. I concorsi di canto, invece, si svolgono tra novembre e gennaio. In quest’arco di tempo, infatti, i canarini non sono impegnati nelle cove e possono esprimere al massimo le loro doti canore. Durante la gara ciascun canarino ha diritto a mezz’ora di esibizione al termine della quale i giudici esprimeranno il proprio giudizio. Anche in questo caso le gare, al di la della competizione vera e propria, servono agli allevatori per migliorare le proprie tecniche di addestramento e per migliorare la qualità dei soggetti allevati.



COMMENTI SULL' ARTICOLO