Canarini cova

I canarini da allevamento

Originari delle Isole Canarie, i canarini selvatici sono prevalentemente di colore verdastro. Grazie alle selezione che da tempo gli appassionati operano sui soggetti di allevamento, sono stati ottenuti esemplari di tantissimi colori. Inizialmente erano i monaci a dedicarsi all'allevamento dei canarini, vendendo i maschi e tenendo per sé le femmine ed alcuni maschi migliori per la riproduzione. Questa prassi durò piuttosto a lungo, anche perché i canarini maschi sono quelli che cantano meglio, e quindi i più richiesti. Quando questo monopolio finì, l'allevamento del canarini diventò una pratica comune per tutti gli appassionati e, di conseguenza, anche il prezzo diminuì, consentendo a chiunque di poter avere uno o più di questi volatili. Per un lungo periodo di tempo i canarini sono stati usati nelle miniere come segnalatori della fuga di gas pericolosi. Inoltre, i piccoli uccelli capaci di ricordare, imparare e riprodurre melodie a qualsiasi età, sono stati studiati per approfondire le ricerche sulla neurogenesi.
Canarini in cattività

GABBIA COVA CM58X32X38 PER UCCELLI CANARINI PAPPAGALLI IN METALLO

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33€


Caratteristiche e comportamento dei canarini

Coppia di canarini intenti alla cova Grandi in media 15 centimetri, molto socievoli e dotati di un canto melodioso e piacevole, i canarini sono allevati con passione dagli amanti degli uccelli. Si prestano ad essere incrociati con altre razze, come il Verdone, il Lucherino o il Cardellino, ed anche con specie esotiche come il Cardinalino del Venezuela o il Carpodaco del Messico. Attualmente le varietà riconosciute sono 30, ma la costanza e la passione degli allevatori è pronta a produrre ulteriori razze. Possiamo dedurre, quindi, che l'allevamento e la cova del canarino sono condizioni ottenibili con relativa facilità e, rispettando le esigenze dei piccoli soggetti, possibili a tutti. Perché una coppia di canarini si dedichi alla cova, occorre che siano in salute, in uno spazio adeguato e nelle condizioni di poter covare. La giusta alimentazione permetterà a genitori di riprodursi e ai piccoli di crescere sani. Il periodo migliore per la cova, ed anche quello più naturale, è la primavera. Il caldo e le ore di luce influiscono sulla riuscita di una cova, come una buona pulizia della gabbia e la discreta osservazione dell'allevatore, pronto ad intervenire se necessario.

  • gabbia canarino Quando si decide di allevare uno o più canarini in casa la prima cosa che bisogna fare è quella di allestire una gabbietta grande abbastanza da poter ospitare comodamente l’animale consentirgli di spi...
  • Canarini in gabbia I canarini sono tra gli uccelli domestici più venduti al mondo. Il costo di un canarino può dipendere da molti fattori e in primis dalle sue caratteristiche fisiche quali il colore, il disegno e l’ass...
  • canarino giallo I canarini gialli, contrariamente a quanto si possa pensare, sono il frutto di una mutazione della cromia avvenuta intorno agli anni ’60 del secolo scorso ad opera di alcuni allevatori. La loro diffus...
  • Allevatori canarini L’allevamento dei canarini conta milioni di appassionati in tutto il mondo. Da secoli, infatti, l’uomo si è cimentato nell'allevamento di questi splendidi uccelli tropicali. Per diventare allevatori d...

Gabbia 3 posti - In metallo, con divisorio e cassetto, completa di accessori, per razziera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 64,2€


Canarini: cova

Canarina con uovaLa coppia di canarini destinata alla cova dovrebbe essere messa insieme già durante l'inverno, in modo che i soggetti abbiano modo di conoscersi. Precisiamo che le informazioni di seguito illustrate sono relative ad una riproduzione amatoriale: gli esperti si occuperanno anche di selezionare i soggetti per ottenere esemplari ben definiti in modo da avere canarini selezionati per le mostre o per la riproduzione. Il semplice appassionato avrà come scopo quello di far nascere canarini sani e solo in seguito si divertirà a selezionare le razze. Detto questo, vediamo come agevolare la cova dei canarini. A marzo si può introdurre nella gabbia un nido che dovrebbe attrarre l'interesse della femmina. Può essere messo sia all'interno che all'esterno, l'importante è che sia schermato in modo che la canarina si senta riparata e non troppo osservata. Quando comincia ad interessarsi al nido, si aggiungerà il materiale per foderarlo. Sconsigliati i fili di cotone nei quali si potrebbe aggrovigliare e da preferire invece corti fili di iuta. In genere le femmine costruiscono da sole il nido, ma se necessario si può dar loro un piccolo aiuto a sistemarlo.


Canarini cova: Allevamento dei canarini

Canarina con i suoi piccoli La femmina deporrà 3 - 5 uova, raramente di più. Molti consigliano di togliere le prime uova deposte, sostituendole con altre finte, per non creare troppa differenza di età tra il primo e l'ultimo nato. Se togliete le uova, deponetele su ovatta e ricordate di girarle ogni giorno. Dopo il terzo uovo, rimettete le uova nel nido e togliete quelle finte. La schiusa si avrà dopo 13 giorni, circa. Le uova devono avere il giusto grado di umidità per aprirsi facilmente; a questo scopo, si può aggiungere nella gabbia una vaschetta di acqua per il bagno. I piccoli aprono gli occhi dopo alcuni giorni e sono alimentati dai genitori. Bisogna quindi fornire quotidianamente il pastoncino all'uovo e la miscela di semi. La madre alimenterà i piccoli fin verso il sedicesimo giorno, poi ricomincerà a pensare ad una prossima cova e dei giovani si occuperà il padre. In genere, sono pronti a lasciare il nido al diciottesimo giorno e sono indipendenti a 1 mese di età. Nel frattempo i genitori si appresteranno ad una nuova cova e i piccoli andranno trasferiti in un'altra gabbia. E' bene non consentire più di 3 cove l'anno per non debilitare la canarina.


  • cova canarini I canarini sono uccelli abbastanza prolifici, quindi il loro accoppiamento garantisce buoni risultati anche per chi non
    visita : cova canarini

COMMENTI SULL' ARTICOLO