Allevamento polli biologici

vedi anche: Allevamento polli

Regolamento

Un allevamento di polli biologici deve rispettare tutta una serie di caratteristiche e di requisiti imposti dal Regolamento CE 834/2007. Questo regolamento stabilisce il tipo di alimentazione che occorre somministrare ai soggetti allevati, le tecniche di allevamento da utilizzare, gli aspetti sanitari e le razze da allevare al fine di ottenere polli biologi con standard qualitativi molto elevati. A differenza dei polli allevati in maniera intensiva, i polli biologici vengono allevati a terra e sono lasciati liberi di razzolare all’aria aperta. La carne dei polli biologici si presenta, quindi, più magra e consistente con maggiori concentrazioni di ferro, antiossidanti e grassi polinsaturi. I polli biologici sono a lento accrescimento, vengono nutriti esclusivamente con mangimi biologici e lasciati liberi di razzolare e a scavare nel terreno per tutta la giornata alla ricerca di cibo. Per questo, rispetto agli ibridi commerciali ingrassano più lentamente e la loro carne è composta essenzialmente da fibre muscolari e solo in minima parte da grasso. Anche le uova provenienti da allevamenti biologici hanno un sapore e una consistenza superiore rispetto a quelle prodotte da galline allevate in maniera intensiva.
allevamento polli biologici

Imperial Wentworth Pollaio Gabbia per Pollo Grande Conigliere - Può Contenere Fino a 4 Uccelli a Seconda dei suoi Dimensioni - con Recinto, Vassoio e una Sistema Innovativa di Bloccaggio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 199,97€
(Risparmi 200,02€)


Alimentazione

allevamento polli biologici Uno degli aspetti più delicati dell’allevamento di polli biologici è rappresentato dall’alimentazione. Spesso si incorre nell’errore di pensare che nutrendo i polli con alimenti di produzione casalinga e lasciandoli liberi di razzolare nell’aia si ottengono polli biologici. In realtà non è così. Un pollo per poter essere definito biologico, oltre a potersi procurare da mangiare da solo razzolando, deve essere alimentato solo con granaglie di agricoltura biologica. Questa è la differenza principale tra i polli ruspanti allevati nei pollai domestici e i polli biologici. In commercio si possono trovare mangimi biologici appositamente studiati per l’allevamento di polli biologici, contenenti il giusto mix di granaglie e nutrienti per la corretta alimentazione dei volatili. Lo stesso discorso vale per gli altri tipi di alimenti come frutta, verdura e farine varie. I polli biologici devono essere alimentati solo con cibi di agricoltura biologica siano essi acquistati o di produzione propria. Il resto della dieta sarà completato dagli insetti, dai semi e dai minerali che i polli si procureranno autonomamente beccando e scavando nel terreno durante il giorno. Quella relativa all’alimentazione, inoltre, è anche la voce di spesa più che incide maggiormente sul bilancio di un allevamento biologico poiché, i mangimi biologici costano molto di più rispetto ai mangimi utilizzati negli allevamenti normali e intensivi.

  • pollo I polli sono uccelli domestici allevati da millenni dall’uomo principalmente per scopi alimentari. In media i polli possono vivere fino a undici anni, ma, quelli allevati per la carne vengono uccisi d...
  • Allevamento polli da carne I polli sono allevati fin dall’antichità per la loro carne e per le uova. La carne di pollo è molto apprezzata perché povera di colesterolo e più digeribile rispetto a quella di manzo o di maiale in q...
  • allevamento polli ruspanti Con la definizione ‘pollo ruspante’ si intende un gallinaceo maschio allevato all’aria aperta secondo i metodi di allevamento tradizionali e alimentati principalmente con granaglie. I polli per poter ...

Come allevare galline felici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,42€
(Risparmi 1,48€)


Ricovero

La normativa europea sull’allevamento di polli biologici impone anche rigide direttive in merito alle caratteristiche dei ricoveri. I pollai, infatti, devono essere delle strutture coperte dove possono essere ospitati fino ad un massimo di 6 polli ogni metro quadro. Ogni ricovero, comunque, non può ospitare più di 3mila polli. All’interno bisogna prevedere i posatoi per il riposo notturno, delle vasche per l’acqua e per il cibo. I ricoveri devono essere sempre dotati di una finestra per consentire il ricambio dell’aria all’interno. Per quanto riguarda, invece, lo spazio esterno, bisogna garantire almeno 4 metri quadri a ogni esemplare.


Allevamento polli biologici: Razze

Non tutte le razze sono adatte a essere allevate con le tecniche dell’allevamento biologico. In linea di massima, comunque, le razze più indicate sono quelle autoctone, poiché sono le uniche ad aver conservato l’istinto al razzolamento e alla vita all’aria aperta. Le razze ibride - quelle selezionate per ottenere una maggiore produttività - non sono adatte a un tipo di allevamento biologico proprio perché incapaci di procurarsi da mangiare scavando e beccando il terreno, quindi la loro alimentazione è totalmente a carico dell’allevatore con un aggravio economico non sostenibile per un allevamento a carattere biologico. Le razze autoctone, invece, essendo più rustiche si adattano meglio all’ambiente circostante riescono a ricavare dal pascolo buona parte dei nutrienti necessari per il loro sviluppo con notevoli vantaggi per la loro salute, per la qualità della carne e delle uova e per l’allevatore che così risparmierà sul mangime e noterà notevoli miglioramenti dal punto di vista della gestione. Le razze autoctone più diffuse per l’allevamento biologico sono quelle italiane e in particolare l’Ancona e la Livornese. Molto apprezzate sono anche la Valdarno e la Padovana. Queste razze sono meno produttive degli ibridi allevati intensivamente, ma, in compenso hanno una mortalità più bassa e producono uova per un periodo di tempo più lungo. Inoltre la qualità e il sapore della carne raggiungono standard molto più alti rispetto a quelli dei grossi e grassi polli provenienti dagli allevamenti industriali, alimentati esclusivamente con mangimi secchi e tenuti per tutta la vita, fermi su di un posatoio a ingrassare il più velocemente possibile.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO