Galline ovaiole razze

Conoscere le galline

Le galline accompagnano la storia dell'uomo fin dai tempi antichi. Sono allevate per la carne, per la produzione di uova, ma anche come animali da compagnia e per esposizione. Nel tempo, le caratteristiche di questi volatili sono state selezionate ed esaltate per ciascuno dei campi citati, così da avere galline molto particolari nell'aspetto, o dalle ottime carni, o, ancora, per produrre uova di ottima qualità, grandezza e per periodi più lunghi. In genere le galline cominciano a produrre uova verso i sei mesi, cioè quando diventano adulte. Le uova saranno fertili se ci sarà la presenza di un gallo, oppure no, se il maschio è assente. L'animale produce comunque le uova, anche se non sono fecondate. Una gallina può produrre dalle 150 alle 250 uova all'anno; naturalmente le razze selezionate per questo scopo, le ovaiole appunto, sono quelle che ne producono in numero maggiore. Questi volatili depongono le loro uova in ceste o angoli nascosti. Tendono a "rubarsi" il posto l'una con l'altra e preferiscono deporre dove ci sono già altre uova. Da tener presente che le migliori ovaiole non hanno un grande istinto per la cova.
Esemplari di galline ovaiole

Galline ovaiole Nido in legno, smontato, 30 x 35 x 83 cm con einstreu 6 litri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 43,9€


Galline ovaiole e uova

Uovo appena deposto Il tipo di allevamento e quindi lo stile di vita della gallina influisce sulla qualità delle uova che produce. Va da sè che l'animale allevato in condizioni il più possibile "naturali", con un'alimentazione adeguata e non forzata, e con la possibilità di razzolare all'aperto produrrà uova più genuine e salutari. Le ore di luce influenzano la produzione: la gallina ha bisogno di circa 14 ore di luce al giorno per deporre un buon numero di uova. Altrettanto indispensabile è il sole, che per questo volatile significa mantenersi in salute e robusto, ma è importante la possibilità di stare al fresco, perchè una gallina che soffre il caldo riduce la quantità di uova. Il pollaio sarà preferibilmente esposto a sud, e la soluzione ideale è che sia coperto da piante ombreggianti. La temperatura ideale è sui 24° costanti. Alle galline sarà data la possibilià di razzolare e mangiare sassolini, che aiutano la digestione e contribuiscono alla formazione del guscio. Le ovaiole hanno un picco di produzione fino ai 2 anni di vita, poi comincia a diminuire il numero di uova deposte. Un'ovaiola vive in media dai 5 agli 11 anni, dipende dalla razza.

  • gallina La gallina appartiene alla famiglia dei Galliformi. E’ la femmina del gallo da cui si differenzia per le dimensioni più ridotte, per il colore più tenue delle piume, per la cresta più piccola e liscia...
  • Pesce Gallinella Il pesce gallinella (nome scientifico Chelidonichthys lucernus, Linneo 1758) è un pesce appartenente alla famiglia dei Triglidi, ed è conosciuto anche col nome di Trigla Lucerna, coccio, cappone o gav...
  • pollo I polli sono uccelli domestici allevati da millenni dall’uomo principalmente per scopi alimentari. In media i polli possono vivere fino a undici anni, ma, quelli allevati per la carne vengono uccisi d...
  • gallina ovaiola Le galline ovaiole sono dei volatili appartenenti alla famiglia dei Galliformi e devono il loro nome al fatto che vengono allevate principalmente per le uova che depongono in grosse quantità, arrivand...

Bec Shorefields Chick in plastica, cappuccio a scomparsa, Nido per uccelli

Prezzo: in offerta su Amazon a: 48,91€


Le migliori razze di galline ovaiole italiane

Gallina PadovanaTra le migliori razze di galline ovaiole primeggiano quelle italiane. Gli esemplari migliori depongono dalle 300 alle 320 uova all'anno e questo risultato possono darlo le Padovane e le Livornesi. Le prime si attestano su una media di 300 uova, mentre le Livornesi in media ne garantiscono 280, ma possono arrivare a picchi di 320. Le galline padovane, regine delle ovaiole italiane, producono uova dal guscio bianco e poroso e sono molto apprezzate anche per l'ottima carne magra. Le Livornesi si suddividono in diverse varietà, che si distinguono soprattutto per il colore delle piume: bianca, fulva, nera, dal collo argento o dal collo oro. Segue nella lista delle ovaiole italiane più produttive la Cocincina, grandi galline che arrivano a pesare fino a 4 chili, contro i circa 2 chili delle Padovane. La Cocincina ha origini asiatiche e si attesta su una produzione annua di circa 250 uova, ma ha il pregio di essere molto docile ed adattabile a diverse situazioni di allevamento. Infine meritano citazione, tra le razze italiane di migliore produzione di uova, la Valdarno e la Siciliana.


Galline ovaiole razze: Razze di galline ovaiole straniere

Gallina di razza New Hampshire Sono due le maggiori razze di ovaiole straniere: la New Hampshire e la Rhode Island. Sono entrambe varietà selezionate negli Stati Uniti. La New Hampshire, bruno dorato o bianca, è una gallina robusta che in media depone 220 uova all'anno, col guscio rossiccio; la Rhode Island, rosso mogano o bianca, produce da 200 a 220 uova nell'arco di un anno. Entrambe queste razze sono allevate anche per la carne e sono utilizzate per creare ovaiole ibride, accoppiandole con altre razze. In questo elenco può essere citata la Plymouth Rock barrata, razza americana di origini complesse: è una gallina piuttosto piccola, dai 2,5 ai 3 kg di peso, allevata al duplice scopo di ovaiola e produttrice di carne. La Lakenvelder, di origini contese tra la Germania e i Paesi Bassi, è snella ed elegante, tanto che la sua utilità si divide tra la produzione di uova e il settore espositivo, meno adatta come razza da carne. Produce uova dal guscio bianco rosato. La Redcap, inglese, fornisce uova grandi, bianche, mentre la Amburgo, razza presente in molte colorazioni, contesa tra Olanda, Germania ed Inghilterra, è ormai allevata in tutto il mondo come buona ovaiola.


  • galline ovaiole Le galline ovaiole devono il loro nome al fatto di essere in grado di deporre una quantità maggiore di uova rispetto all
    visita : galline ovaiole

COMMENTI SULL' ARTICOLO