Allevamento pappagalli

Gabbia pappagalli

Quando si decide di allevare uno o più pappagalli bisogna provvedere come prima cosa ad allestire una gabbia o una voliera abbastanza grande da poterli ospitare comodamente. Le misure variano in base alla specie di pappagallo che si intende allevare. In generale le gabbie per pappagalli devono comunque svilupparsi in lunghezza più che in altezza per consentire all’animale di riuscire a volare. Le sbarre anziché in verticale devono essere disposte in orizzontale in modo da consentire al pappagallo di arrampicarsi con il becco. La gabbia deve avere un fondo estraibile per consentire la pulizia quotidiana. Il fondo può essere foderato con dei fogli di giornale o con della carta assorbente in modo da essere facilmente rimossa e sostituita con altra carta pulita. Nella gabbia bisogna prevedere almeno due posatoi, beverini e mangiatoie in numero pari agli animali ospitati. I posatoi possono essere in plastica o in legno naturale e possono essere acquistati nei negozi specializzati. All’interno della gabbia, inoltre, si possono mettere delle altalene e delle scalette su cui i volatili possano appoggiarsi. Le mangiatoie possono essere sia quelle di tipo interno che quelle esterne. Fondamentale per la salute del pappagallo è la pulizia della gabbia che deve essere lavata e disinfettata almeno una volta a settima con acqua sapone e candeggina. Insieme alla gabbia bisogna lavare anche tutti gli accessori presenti all’interno. Prima di rimettere il pappagallo nella gabbia bisogna sciacquare accuratamente tutti gli accessori per eliminare qualsiasi residuo di sapone. Nei mesi estivi è fondamentale prevedere anche una vaschetta contenente acqua fresca e pulita in cui il pappagallo possa rinfrescarsi e pulirsi. I pappagalli però non possono essere tenuti tutto il giorno in gabbia, ma, bisogna lasciarli liberi di volare almeno per un paio d’ore all’interno di una stanza appositamente allestita. I pappagalli sono molto rumorosi e disordinati, quindi, il loro allevamento può essere molto impegnativo.
Allevamento pappagalli

Voliera gabbia per uccelli roditori, dimensione esterna circa 146 x 54 x 54 cm, interna circa 116 x 54 x 54 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 69,95€


Alimentazione

I pappagalli sono vegetariani come la maggior parte degli uccelli e di tanto in tanto integrano la loro dieta con qualche insetto. Gli alimenti principali della loro dieta sono i semi e la frutta che, quando vivono allo stato selvatico, raccolgono direttamente dagli alberi. Per i pappagalli allevati in cattività si possono acquistare nei negozi specializzati mangimi specifici che contengono nettari, pollini, frutta, semi e bacche. Si tratta di pasti completi che riescono a garantire al volatile l’apporto di proteine e di vitamine necessario per il suo fabbisogno quotidiano. Il tipo di alimentazione può variare in base al tipo di pappagallo, ma, tendenzialmente gli ingredienti da combinare sono questi. Può essere utile, poi, introdurre nella gabbietta anche un osso di seppia che può rappresentare un’importante fonte di calcio soprattutto nel periodo dell’accoppiamento quando la femmina ha bisogno di assumerne in maggiori quantità per indurire il guscio delle uova. A volte può essere necessario integrare la dieta dei pappagalli allevati in cattività con integratori di proteine.


  • coppia cocorite La cocorita, detto anche pappagallino ondulato, è un uccello tropicale appartenente alla famiglia dei Psittacidae. Si tratta di pappagallini di piccole dimensioni che misurano circa diciotto centimetr...
  • coppia agapornis Quando si parla di pappagallini ci si riferisce principalmente a due specie particolari: i pappagallini ondulati e i pappagallini inseparabili. Si tratta di pappagallini appartenenti alla famiglia dei...
  • Calopsitte maschio La calopsitta è un pappagallino della famiglia dei Cacatuidi appartenente al genere Nymphicus. Si tratta di un pappagallo dalle dimensioni relativamente ridotte poiché arriva a misurare al massimo tre...
  • pappagallino inseparabile Gli inseparabili sono pappagallini domestici della famiglia degli Psittaciformes appartenenti al genere Agapornis, che in greco significa ‘uccelli che si amano’. Il loro nome deriva dal fatto che si ...

Animale Domestico Giocattoli Di Masticazione Del Pappagallo Colorato Legna Uccello Ara Grigi Africani Digrignare i Denti Gabbia Giocare Giocattolo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,99€


Allevamento allo stecco

Quando si acquistano pulcini di pappagallo è necessario allevarli a stecco o a mano. Questa tecnica di allevamento è molto complessa e consiste nello svezzamento dell’uccello in maniera artificiale attraverso una siringa con la quale si somministra al pullo una miscela di polveri nutrienti diluite in acqua calda. Questa miscela è studiata per essere il più possibile simile al latte materno. L’allevamento a stesso si rende necessario in tutti i casi in cui la madre per un qualsiasi motivo non può più allattare i suoi pulcini. L’allevamento a stecco si comincia tra la seconda e la terza settimana di vita poiché prima bisognerebbe provvedere a troppe poppate essendo il gozzo ancora troppo piccolo e poco capiente. Dopo la terza settimana, invece, potrebbe essere troppo tardi perché il pulcino potrebbe rifiutare l’alimento artificiale. Per allevare un pulcino di pappagallo a stecco bisogna dedicargli molto tempo poiché ha bisogno di poppate frequenti per poter crescere. Si tratta di una tecnica di allevamento molto complessa e quindi deve essere attuata solo da persone esperte o da allevatori professionisti per evitare di far morire i pulcini per inesperienza.


Allevamento pappagalli: C.I.T.E.S

pappagalli I pappagalli molto spesso appartengono a razze esotiche e spesso sono a rischio estinzione. Per questa ragione, quando si decide di allevare un pappagallo, prima di acquistarlo bisogna accertarsi che la razza scelta non sia tra quelle protette dalla Convenzione di Washington sulla flora e la fauna a rischio. Quando si acquista un pappagallo quindi bisogna sempre farsi consegnare il certificato Cites, l’unico tipo di documentazione capace di accertare la provenienza legale dell’animale. I pappagalli che non la possiedono o sono stati importati illegalmente o sono a rischio estinzione e quindi non commercializzabili. Tra i pappagalli domestici più comuni che non necessitano di certificazione cites ci sono i pappagallini ondulati, le Calopsitte, gli Inseparabili e i parrocchetti dal collare. Si tratta però di un elenco in continuo aggiornamento poiché ogni giorno nuove specie vengono minacciate dall’uomo che le caccia per fini di lucro o per scopi alimentari. Acquistare un pappagallo sprovvisto del certificato Cities significa esporsi a pesanti penali se si viene scoperti.



COMMENTI SULL' ARTICOLO