Pappagallo Ara

Caratteristiche

Al genere Ara appartengono 23 specie di pappagalli tropicali tutti di grosse dimensioni e caratterizzati da un piumaggio molto variopinto e pittoresco. In base alla specie, i pappagalli Ara possono misurare da un minino di 45 fino ad un massimo di 90 centimetri di lunghezza. Il corpo è compatto e la coda è allungata con ali strette e lunghe, adatte per compiere lunghi voli in cerca di cibo. Caratteristica distintiva di questi pappagalli è il grosso e possente becco uncinato con cui si arrampicano, scavano, lottano e soprattutto frantumano il cibo di cui si nutrono. Generalmente è di colore nero, ma, in alcune specie come l’Ara Scarlatta e l’Ara Rossoverde la parte superiore è più chiara. La testa è grossa e massiccia. La zona oculare e delle guance è priva di piume, mentre, il resto del corpo è caratterizzato da un piumaggio molto pittoresco con la prevalenza di colori accesi come il verde, il giallo, l’azzurro e il rosso. Non esiste dimorfismo sessuale tra i due sessi che presentano la medesima colorazione. Tra le specie più conosciute ci sono la spettacolare Ara Ararauna, molto diffusa in cattività, l’Ara Macao, l’Ara Giacinto, Ara Scarlatta, l’Ara Militare, l’Ara Ambigua, l’Ara Rossoverde, l’Ara di Lear, l’Ara Glauca e l’Ara Gialloblu. La specie più grande è l’Ara Giacinto che arriva a misurare fino a 90 centimetri ed è caratterizzata dal piumaggio blu cobalto. La specie più diffusa, invece, è quella dell’Ara Scarlatta, grande circa 80 centimetri, che deve il suo nome al piumaggio rosso in gran parte del corpo con la sola eccezione delle ali che, invece, sono gialle. L’Ara Gialloblu, è tra le specie più variopinte con l’alternarsi del blu e del giallo nella parte superiore e inferiore del corpo. L’Ara Militare, infine, è quasi completamente verde con macchie blu sulle penne e sulla coda e con una fascia rossa sulla fronte.
pappagallo ara

Disegno Toscano per Blagdon QL129918 - Figura Decorativa (resina), disegno Ara pappagallo, giallo e blu

Prezzo: in offerta su Amazon a: 38,35€
(Risparmi 0,66€)


Habitat naturale

e distribuzione

I pappagalli Ara sono originari dell’America centrale e meridionale e vivono principalmente nelle aree tropicali che si estendono dal Messico fino all’Argentina. La colonia più nutrita si trova nel Bacino del Rio delle Amazzoni e nelle regioni al confine tra lo Stato di Panama e la Colombia. La specie con l’areale più esteso è l’Ara Scarlatta che si trova quasi ovunque dal Messico alla Bolivia. In Bolivia vivono l’Ara Golablu e l’Ara Fronterossa, mentre, l’Ara Militare, o grande Ara Verde, è diffusa in Messico, in Brasile e in Argentina. L’Ara Gialloblu estinta negli anni ’60 da Trinidad si trova ancora in Argentina, a Panama e in Paraguay. L’Ara Giacinto è diffusa soprattutto nelle giungle amazzoniche. Questi pappagalli sono molto adattabili e tendono a compiere migrazioni stagionali in cerca di cibo. Il loro habitat naturale è costituito principalmente da foreste pluviali non intaccate dall’intervento dell’uomo e da savane ricche di alberi dove poter trovare da mangiare e nidificare. Esistono poi differenze di habitat a seconda della specie

  • pappagallo Il termine pappagallo indica un’intera famiglia di uccelli appartenente all’ordine degli Psittaciformes. Caratteristiche distintive di tutti i pappagalli sono il becco ricurvo utilizzato per aprire fr...
  • Pesce pappagallo Il pesce pappagallo, il cui nome scientifico, introdotto nella prima volta nel 1758, è Sparisoma cretense, appartiene alla famiglia degli Scaridae,del genere scarus. In questa numerosa famiglia, esist...
  • Cenerini Il pappagallo cenerino è un pappagallo africano di medie dimensioni che deve il suo nome al piumaggio che è grigio cenere con punte bianche e con la coda che – a seconda della specie – può essere ross...
  • Pappagallo vendita Il costo di un pappagallo dipende da diversi fattori tra cui le dimensioni, la razza, il carattere e la capacità di articolare suoni e parole. Tra i pappagalli più comuni come animali domestici ci son...

Repubblica selvaggio 10865 - Peluche pappagallo Ara, 20 centimetri

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,09€


Riproduzione

pappagallo ara I pappagalli Ara tendono a nidificare in cavità scavate negli alberi e non disdegnano di utilizzare anche quelle preparate da altre specie. Le Are Rossoverdi e quelle Fronterossa possono nidificare anche nelle fessure presenti lungo le scarpate. Le femmine dell’Ara depongono in media 2 o 3 uova che vengono covate per circa un mese. Nel periodo della cova sono molto aggressive e tendono ad aggredire chiunque si avvicini alla loro nidiata. I piccoli appena nati sono nudi e ciechi. Ad un mese di vita aprono gli occhi, il becco comincia a scurirsi e le penne iniziano a spuntare. Restano nel nido per almeno tredici settimane nel corso delle quali vengono nutriti da entrambi i genitori. Poi cominciano ad uscire, ma, abbandoneranno i genitori solo una volta raggiunti i sei mesi di vita. Continueranno ad apprendere fino a quattro anni. La maturità sessuale viene raggiunta all’età di sei anni.


Pappagallo Ara: Allevamento

Tra i pappagalli del genere Ara esistono alcune specie che si sono adattate meglio di altre alla vita in cattività grazie alla loro spiccata intelligenza e al loro carattere gioviale e chiassoso. In natura tendono a vivere in gruppo e a spostarsi in grossi stormi. Si tratta di uccelli diurni che trascorrono la giornata a cacciare e a prendere il sole sui rami degli alberi, mentre, la notte tornano al loro nido per riposare. La loro alimentazione si basa essenzialmente su semi e frutta fresca, reperibili facilmente nei loro habitat naturali. Le are utilizzano il becco per frantumare i gusci dei semi e arrivare al frutto presente all’interno. A volte mangiano l’argilla per assorbire le sostanze velenose presenti in alcuni semi di cui si nutrono. In cattività sono ghiotti di alimenti come pane, burro e dolci. Non disdegnano di mangiare la carne visto che in natura si cibano anche di qualche insetto da cui ricavano le proteine animali. I pappagalli ara restano animali selvatici e quando si decide di allevarne un esemplare in casa occorre tenere sempre presente questa caratteristica fondamentale. Si tratta di animali difficili da gestire e soprattutto all’inizio potrebbero causare danni e problemi per la loro tendenza ridurre in pezzi tutto ciò che attira la propria attenzione, dalle sbarre della gabbia, ai mobili di legno fino ai fili della corrente. Inoltre essendo molto grandi necessitano di spazi grandi per poter vivere. Si tratta di animali molto intelligenti e di conseguenza facili alla depressione o all’aggressività.



COMMENTI SULL' ARTICOLO