dermatite atopica foto

La dermatite atopica nei cani

La dermatite atopica, o atopia, è una forma di allergia cutanea che spesso colpisce cani particolarmente sensibili. Il sistema immunitario del soggetto reagisce agli allergeni presenti nell’ambiente, scatenando così la reazione allergica che può manifestarsi in diversi modi. Si tratta di una malattia spesso a carattere ereditario, e purtroppo non esistono cure definitive, ma solo una terapia che va seguita a vita. Gli allergeni che scatenano la malattia possono essere svariati, dai pollini, agli acari della polvere, alle muffe: il cane entra in contatto con essi tramite inalazione, e cominciano a manifestarsi i sintomi. E’ una malattia che in un primo momento si presenta a carattere stagionale, e alterna quindi dei picchi a dei periodi di quiete; col passare del tempo, in genere, diventa cronica e si manifesta più o meno intensamente per tutto l’anno. Essendo un male piuttosto subdolo, la diagnosi non è sempre semplice, e richiede tempo e una grande attenzione al quadro clinico. Stesso discorso vale per l’iter terapeutico, che andrà adattato al soggetto specifico e dovrà essere seguito scrupolosamente dal proprietario.
cane

MQMY bianco cappotto dottore l'infermiera abbigliamento donna maniche lunghe respirabile antibatterici vicino alla pelle durevole (XL, ispessimento)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 18,99€


Come si manifesta la dermatite atopica?

cane Ma quali sono i sintomi della dermatite atopica? Il primo e più evidente campanello d’allarme è il prurito. Il cane mostra di avere un forte prurito, localizzato in un punto specifico o, più di frequente, generalizzato. Tenderà quindi a leccarsi e a grattarsi in diversi punti, provocando la perdita di pelo e l’irritazione della pelle, spesso arrivando addirittura al sanguinamento. Il manto dei cani malati di dermatite atopica si presenta untuoso al tatto, opaco, ed emana un tanfo particolare, a causa dell’eccesso di sebo prodotto dalla cute. Inoltre la pelle del cane malato, provata dal continuo grattarsi e dall’indebolimento generale, può cadere facilmente vittima di funghi o batteri. Se sospettiamo che il nostro cane sia malato di dermatite atopica, consultiamo tempestivamente un veterinario, che tramite analisi del sangue e prove allergiche diagnosticherà la malattia e cercherà di risalire all’allergene che l’ha provocata (sebbene questa pratica nei cani sia piuttosto difficoltosa, per la grande frequenza di falsi positivi e negativi durante le indagini).

  • gatto senza pleo Il mio gatto ha una zampa a ciu manca il pelo,ed e' visibile la cute...cosa puo'essere?non ha sangue,ne altro GrazieFrancesca...
  • Malattie conigli Il coniglio è un animale piuttosto delicato, per il quale occorre molta cura onde evitare che si ammali o che possa sviluppare particolari patologie legate all'incuria. Naturalmente, in questo frangen...
  • dermatite atopica Proprio come accade alle persone, spesso i nostri amici a quattro zampe possono andare incontro, nel corso della loro esistenza, a disturbi e malattie di vario genere. In queste circostanze sta a noi ...
  • leishmaniosi La Leishmaniosi è una grave patologia cronica canina che ha origine dal un protozoo detto Leishmania, un pericolosissimo microorganismo parassitario. La Leishmaniosi, in particolare, viene causata dal...

MQMY bianco cappotto dottore l'infermiera abbigliamento uomini maniche lunghe respirabile antibatterici vicino alla pelle durevole (XL, sottile)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,99€


dermatite atopica foto: Curare la dermatite atopica

Purtroppo, anche una volta che la dermatite atopica è stata diagnosticata, non esiste modo di curarla in maniera definitiva. L’unico modo per evitare la reazione allergica sarebbe riuscire a far sì che il cane non entri in contatto con gli allergeni che la provocano, ma ciò è spesso impossibile (dato che, come si è già detto, entrano in contatto con l’animale per via aerea). La terapia, quindi, che andrà seguita per tutta la durata della vita del cane, mira ad arginare gli effetti della malattia, cercando per contro di non squilibrare il fisico del nostro amico a quattro zampe. Innanzitutto, i cani malati di dermatite atopica devono seguire una dieta particolare, poiché spesso manifestano reazioni ai conservanti e ad altri prodotti contenuti nei mangimi industriali: sarà il veterinario a consigliarci degli alimenti appositi, o in alternativa ad aiutarci a stilare una dieta casalinga. In quest’ultimo caso saremo noi stessi a preparare i pasti per Fido, potendo così monitorare in prima persona ciò che mangia. Spesso alla dieta vanno associati anche integratori alimentari appositi, come ad esempio di acidi grassi, che hanno buone proprietà antinfiammatorie. Altro alleato fondamentale nella cura della dermatite atopica è lo shampoo: esistono degli shampoo appositi per i cani che soffrono di tale patologia, che aiutano a dare sollievo alla cute dell’animale e ad alleviargli il prurito, e ci vengono anche in aiuto in caso di sovrapposizione di funghi o batteri. Ma dieta e shampoo medicati non sono sufficienti: saranno necessarie anche delle medicine vere e proprie per tenere a bada i sintomi. I farmaci più indicati sono senz’altro gli antistaminici, che arginano la reazione allergica: nei casi gravi, però, i semplici antistaminici non sono sufficienti, e sarà quindi necessario ricorrere al cortisone, con tutte le conseguenze del caso (un utilizzo prolungato del cortisone può essere molto dannoso per il corpo, esattamente come avviene per gli esseri umani). Spesso si opta per una terapia combinata di antistaminici e cortisone, così da ridurre gli effetti negativi di quest’ultimo. Utile anche la Ciclosporina, che allevia i sintomi della dermatite senza però presentare gli effetti collaterali di un cortisonico. Alla terapia antistaminica e antinfiammatoria va spesso aggiunta la somministrazione di farmaci antibiotici o antimicotici, per via delle già citate sovrapposizioni di funghi e batteri. Si può tentare, se il veterinario lo ritiene opportuno, anche una terapia che mira all’iposensibilizzazione. Il cane viene cioè sottoposto a piccole iniezioni dell’allergene responsabile della dermatite atopica, in modo da far abituare, per così dire, il sistema immunitario, che scatenerà quindi reazioni sempre meno violente.



COMMENTI SULL' ARTICOLO