filariosi

Cos'è la filariosi

Con il termine filariosi si intende una malattia parassitaria che può colpire gli animali domestici e in particolare cani, gatti e furetti. Viene trasmessa dalle punture delle zanzare – in particolare da quelle della zanzara tigre - che inoculano nell’animale le loro larve che poi sviluppandosi vanno ad intaccare il sistema cardiopolmonare. La filariosi può essere essenzialmente di due tipi: “difilaria immitis” che causa la filariosi cardiopolmonare e la “difilaria repens” responsabile della filariosi cutanea. Responsabili delle infezioni sono due diversi parassiti. Nel primo caso le larve della dirofilaria immitis si introducono nel sistema cardiocircolatorio del cane nutrendosi del suo sangue e sviluppandosi fino a diventare vermi adulti con una lunghezza che può arrivare anche a 15 centimetri. Questi vermi si stabiliscono nel cuore e nei polmoni causando problemi sia cardiaci sia respiratori all’animale. Una volta diventati adulti, inoltre, i vermi avviano un nuovo ciclo producendo altre larve che continuano l’azione di infestazione dell’animale. La filariosi cardiopolmonare se non diagnosticata e curata in tempo porta al decesso dell’animale. Le larve della “dirofilaria repens”, invece, una volta diventate adulte si stabiliscono sotto la pelle dell’animale dando luogo alla filariosi cutanea. Questa forma di filariosi può essere trasmessa anche all’uomo a differenza di quella cardiopolmonare. La filariosi cutanea è un’infezione diffusa in tutta Italia, mentre, quella cardiopolmonare viene localizzata principalmente nelle regioni del centro-nord, e in particolare in Pianura Padana e nelle zone del Po, anche se negli ultimi anni è stato registrato un aumento dei casi anche nelle regioni meridionali. La scoperta di nuovi focolai in aree un tempo considerate ‘non endemiche’ suscita una certa preoccupazione tra i veterinari che sottolineano l’importanza della prevenzione. Il periodo di maggiore rischio è quello che va da febbraio a novembre, con un picco nei mesi estivi.
filariosi

Sostegno avanzato per la digestione e il sistema immunitario dei Cani E Dei Gatti – maxxidigest più – probiotiques e prébiotiques per animali – Polvere 375 g

Prezzo: in offerta su Amazon a: 39,87€
(Risparmi 20€)


Cause e modalità di trasmissione filariosi

La filariosi viene trasmessa all’animale sano dalla puntura delle zanzare che sono il principale veicolo di trasmissione dell’infezione. La modalità di trasmissione è molto semplice: la zanzare punge un cane infetto e insieme al suo sangue succhia anche le larve in circolo nel sistema sanguigno. Queste larve, dette ‘microfilarie’ saranno inoculate dalla zanzara nel cane che sarà punto successivamente. Una volta iniettate nell’animale ‘ospite’ , le micro filarie entrano in circolo nel sangue, crescono, diventano vermi adulti e vanno ad intaccare il cuore e i polmoni ( nel caso della filariosi cardiopolmonare) o si stabiliscono nella zona sottocutanea (nel caso della filariosi cutanea). Una volta diventate adulte, le micro filarie iniziano un nuovo ciclo riproduttivo deponendo nuove larve che vengono immesse in circolo allargando l’infestazione. Ogni animale ospite può essere infestato da un minimo di tre ad un massimo di 50 vermi adulti che possono sopravvivere anche fino a sette anni.

  • filariosi Ogni padrone vorrebbe che il suo cane fosse sempre in salute, felice e attivo. Eppure, nell’arco della vita del nostro amico a quattro zampe, non è raro che possa insorgere qualche patologia o qualche...
  • malattie La filariosi è una malattia piuttosto grave appartenente alla famiglia delle zoonosi, ossia a quella famiglia comprendente tutte le malattie che possono essere trasmesse dagli animali all’uomo e vicev...
  • Circolo della filariosi cardiopolmonare nel cane La filariosi cardiopolmonare nel cane, se non presa in tempo può causare dei danni irreparabili a livello del cuore e dei polmoni. Essa viene anche chiamata filaria o filariosi, è causata da un parass...
  • Filaria in sede cardiaca Il vaccino contro la filaria è molto importante per i nostri cani, perché in Italia esistono numerosi casi di animali infettati da questo dannoso parassita; le larve di filaria si insinuano nell'organ...

Salute gastrointestinale per il tuo animale, indicata per colon irritabile, vermi intestinali, parassiti nei cani, alternativa naturale ai farmaci per le malattie dei cani, aloe vera per cani e gatti DAONLY (Sapore di pollo, 90)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,95€
(Risparmi 3€)


Sintomi filariosi

filariosiLa filariosi si presenta con sintomi specifici anche se non sempre evidenti all’inizio dell’infezione che, però, diventano più evidenti nelle fasi successive della malattia. La filariosi cardiopolmonare si manifesta principalmente con tosse, stanchezza e dimagrimento rapido del cane. Quando compaiono questi sintomi vuol dire che i vermi hanno già infestato polmoni e cuore e bisogna, quindi, correre subito ai ripari per evitare il verificarsi di lesioni ancora più gravi ai due organi interni. Se non curata in tempo la filariosi cardiopolmonare può portare a insufficienza cardiaca, problemi neurologici, accumulo di liquidi nell’addome e morte dell’animale. La filariosi cutanea, invece, si manifesta principalmente con eccessivo prurito e con la presenza di noduli sottocutanei. Se si notano questi due sintomi nel cane, è consigliato portarlo dal veterinario per una visita approfondita.


Profilassi e cura

filariosi

Poiché nelle prime fasi dell’infezione non è semplice notare i sintomi della filariosi, diventa fondamenta - per la salute e il benessere dell’animale - la prevenzione. E’ consigliato eseguire ogni anno – specie nelle zone endemiche – un esame di controllo dal veterinario. L’animale viene sottoposto ad un prelievo del sangue che poi viene analizzato e dopo pochi minuti si conosce già il risultato. Fondamentale, quindi, è seguire la profilassi prevista per questa malattia che consiste nella somministrazione una volta al mese di una pastiglia per tutto il periodo della presenza delle zanzare, nella somministrazione mensile di una fialetta sulla cute dell’animale e in un’iniezione da fare una volta all’anno dal veterinario. Seguire la profilassi è l’unico modo per mettere l’animale al riparo dal rischio di contrarre l’infezione. In caso di infezione in corso è necessario sottoporre il cane o l’animale domestico ad una terapia farmacologica decisa dal veterinario. La somministrazione dei farmaci può avvenire sia per via orale sia per quella endovenosa. Purtroppo la filariosi è una malattia degenerativa e anche dopo la cura l’animale resterà debilitato, specie se la malattia non è stata diagnostica in tempo e i vermi hanno già creato danni al cuore e ai polmoni.




COMMENTI SULL' ARTICOLO