leishmaniosi cane

La leishmaniosi

La leishmaniosi è una malattia piuttosto grave, causata dal parassita Leishmania Infantum, e trasmessa dagli insetti comunemente detti pappataci. In Italia, i pappataci sono presenti soprattutto durante i mesi estivi, nelle ore dal tramonto all’alba; fino a qualche anno fa le zone endemiche erano soprattutto il centro e il sud Italia, ma più recentemente i flebotomi si sono andati diffondendo anche nel settentrione. La leishmaniosi è una antropo-zoonosi, e cioè è una malattia che può colpire anche l’uomo, ma solo in caso di difese immunitarie particolarmente basse; molto frequente è, ad esempio, lo sviluppo di tale patologia nei pazienti già affetti da HIV. Va sottolineato, però, che non si trasmette direttamente da cane a uomo, ma sempre tramite la puntura del flebotomo (ovvero se il flebotomo punge un cane portatore del parassita, e successivamente punge l’uomo, trasmettendoglielo a sua volta): quindi in condizioni normali il possesso di cani affetti da leishmaniosi non è di per sé pericoloso per gli umani.
leishmaniosi

Scalibor Protector Band - Collare antiparassitario per cani contro la leishmaniosi (Grande (65 cm))

Prezzo: in offerta su Amazon a: 19,9€


Leishmaniosi del cane: sintomi e diagnosi

leishmaniosiNon sempre la leishmaniosi è una malattia semplice da diagnosticare. Ciò avviene non solo perché ha un periodo di incubazione molto lungo, e prima di manifestarsi può restare silente per diversi anni, ma anche perché presenta una sintomatologia molto varia e che coinvolge diversi organi, quindi non è semplice identificarla rapidamente. Esistono però dei test appositi che si possono effettuare sul sangue dell’animale, e che, in caso di sospetta leishmaniosi, permettono di dissipare ogni dubbio. Le avvisaglie della malattia possono essere molte. Innanzitutto, un generale deperimento dell’animale, che dimagrisce, sembra svogliato e depresso; molte volte i cani affetti da leishmaniosi manifestano alterazioni della cute, con prurito, desquamazione, e alopecia attorno agli occhi, alle orecchie o in altre zone. Altri sintomi possono essere perdita di sangue dal naso, crescita accelerata delle unghie, dolori articolari. Fra gli organi interni quelli più spesso colpiti dal parassita Leishmania sono i reni: il cane quindi tende a bere e a urinare troppo spesso, e a volte ad avere episodi di vomito e diarrea. Questi sintomi possono manifestarsi tutti insieme o separatamente, il che ci riporta alla difficoltà della diagnosi. Scoprire la leishmaniosi allo stadio iniziale non è affatto semplice, per cui stiamo allerta e, in caso dovessimo notare sintomi sospetti, ricorriamo immediatamente a un consulto veterinario. Attenzione anche ai falsi negativi: non sempre il test individua la presenza di Leishmanie al primo colpo, soprattutto se i parassiti nel corpo dell’animale sono pochi; in caso di esito negativo è comunque opportuno ripetere il test più di una volta.

  • leishmaniosi La Leishmaniosi è una grave patologia cronica canina che ha origine dal un protozoo detto Leishmania, un pericolosissimo microorganismo parassitario. La Leishmaniosi, in particolare, viene causata dal...
  • filaria La Filaria è una patologia parassitaria che viene trasmessa agli animali domestici tramite la puntura di particolari zanzare appartenenti alla famiglia dei Culicidae (Culex, Anopheles e Aedes) che fan...
  • sintomi leishmaniosi La leishmaniosi è una malattia virale, trasmessa da un parassita, che può colpire il cane e che si manifesta con sintomi che diventano evidenti solo quando giunge ad una fase avanzata. Non è facile, d...
  • vaccino La leishmaniosi è una malattia provocata da protozoi; in ambito europeo, il principale veicolo di tale patologia è il pappatacio, che colpisce soprattutto nei mesi estivi e nelle ore serali. Si manife...

Scalibor Collare Antiparassitario Per Cani di Taglia Piccola e Media 48 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,95€


Curare un cane affetto da leishmaniosi

E se scopriamo che il nostro cane ha la leishmaniosi, come lo curiamo? La cattiva notizia è che dalla leishmaniosi non si guarisce mai completamente, o almeno non con le cure conosciute oggigiorno; la buona notizia, invece, è che la malattia può essere tenuta sotto controllo tramite farmaci, e quindi anche un cane malato può condurre una vita quasi normale. Molto dipende dal singolo soggetto, ovvero sia dallo stadio a cui la malattia viene diagnosticata, sia dalla risposta del paziente alle cure. La terapia dovrà essere elaborata dal veterinario, tenendo conto anche dell’età e delle condizioni generali di salute del cane. I farmaci utilizzati sono solitamente il Glucantime, antimoniato di metil-glucamina (una soluzione iniettabile, che però risulta molto pesante per i reni, e quindi è da evitare in soggetti anziani o con insufficienza renale) oppure il Milteforan, miltefosina, una sospensione orale, più indicato per cani deboli o anziani, ma che purtroppo ha un costo piuttosto elevato. A questi due farmaci viene sempre associato anche l’Allopurinolo


leishmaniosi cane: Leishmaniosi: la prevenzione

Se è vero che la leishmaniosi è una malattia difficile da diagnosticare e curare, è anche vero che può venirci in aiuto la prevenzione: adottando delle misure precauzionali, soprattutto se viviamo in zone endemiche, possiamo diminuire sensibilmente le possibilità che il nostro cane si ammali. Innanzitutto, utilizziamo periodicamente prodotti antiparassitari sull’animale, così da ridurre le possibilità che venga punto da un pappatacio infetto; per lo stesso motivo, può essere anche utile effettuare operazioni di bonifica e disinfestazione negli spazi aperti attorno alla nostra casa. Evitiamo poi, soprattutto nei mesi estivi, di far stare troppo a lungo il cane all’aperto nelle ore serali, dato che sono le ore in cui i pappataci attaccano. Da qualche anno a questa parte, inoltre, sui mercati europei è arrivato anche il vaccino contro la leishmaniosi, che può essere somministrato ai cani che hanno già compiuto i sei mesi d’età, e consta in una prima fase di tre iniezioni a distanza di tre settimane l’una dall’altra, e successivamente di richiami annuali. Purtroppo l’efficacia del vaccino non è totale, e i suoi costi sono piuttosto elevati. La lotta alla leishmania è ancora ben lungi dall’essere vinta, ma prevenzione e vaccino rappresentano un passo avanti nella sconfitta della patologia.



COMMENTI SULL' ARTICOLO