leishmaniosi

Che cos'è

La Leishmaniosi è una grave patologia cronica canina che ha origine dal un protozoo detto Leishmania, un pericolosissimo microorganismo parassitario. La Leishmaniosi, in particolare, viene causata dal Leishmania infantum, un parassita veicolato dalla puntura degli insetti flebotomi, conosciuti come pappataci. Questi insetti, i pappataci, sono molto diffusi nelle zone collinari, nelle zone boschive ed umide e sono attivi soprattutto nella stagione estiva e nelle ore notturne. Esistono diverse specie di protozoi che differiscono per l’area geografica in cui proliferano. I più comuni sono: il leishmania brasiliensis, donovani, infantum, major, mexicana, e tropical. Così come esistono diversi protozoi esistono anche diversi tipi di leishmaniosi ovvero leishmaniosi cutanea, leishmaniosi canina, leishmaniosi virale ecc.

La trasmissione della Leishmaniosi può essere avvenire solo con la puntura di un pappatacio che abbia succhiato il sangue infetto di un animale; dunque non è possibile che un cane affetto da Leishmaniosi contagi direttamente l'uomo, ma, se un pappatacio lo punge e poi punge un altro animale o l'uomo, ecco che avviene il contagio. La Leishmaniosi si diffuse inizialmente nelle zone del sud e del centro Italia, ma,si sono riscontrati recentemente anche casi nel nord Italia, questo spostamento dei focolai si sta verificando, soprattutto, a causa delle variazioni climatiche. Purtroppo si tratta di una malattia che ha un decorso cronico, con danni progressivi che portano alla morte dell'animale. E' molto importante individuare tempestivamente i sintomi ed i soggetti colpiti e fare test annuali di controllo, un semplice prelievo del sangue.

leishmaniosi

Camon Collare LEIS cane protezione da leishmaniosi e zanzare all'olio di neem - L. 60 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 6,78€


Sintomi

Lo stadio iniziale della Leishmaniosi è viscerale, dunque la Leishmania si sviluppa all'interno delle cellule dell’animale da cui ne attacca il sistema immunitario. I sintomi sono difficili da scorgere precocemente poiché possono non presentarsi anche per molto tempo dopo il contagio. I sintomi della Leishmaniosi sono in parte visibili e in parte riscontrabili solo attraverso le analisi del sangue. I principali sintomi di questa infezione sono: affaticamento precoce, sonnolenza, dimagrimento, febbre, vomito, dissenteria emorragica, tosse, anemia a causa dell'incremento dei globuli rossi, epistassi per il ribassamento delle piastrine, aumento di volume di fegato e milza, incremento della diuresi, incremento della sete a causa dell'insufficienza renale, ipoproteinemia ovvero perdita delle proteine attraverso i reni, paresi e/o paralisi degli arti posteriori, ingrossamento dei linfonodi, dolori articolari.

Nella forma cutanea, invece, la Leishmaniosi si manifesta con i seguenti sintomi: ispessimento della pelle, desquamazione, rarefazione del pelo, onicogrifosi ovvero anomala crescita delle unghie, ulcere a livello di zona peri-oculare, cuscinetti plantari e muco cutanee e formazione di noduli cutanei.

Come si è evidenziato i sintomi della Leishmaniosi canina sono molti e vari ed è facile confonderli con quelli di altre infezioni. Ciò che deve destare allarme è la presenza contemporanea di più sintomi. In questo cosa occorre sottoporre prontamente l’animale alle analisi del sangue, le uniche in grado di rivelare con assoluta certezza la presenza di un infezione da pappatacio. I primo sintomi possono presentarsi già dopo i 12 mesi di età, senza distinzione alcuna tra razze e sesso.


  • filaria La Filaria è una patologia parassitaria che viene trasmessa agli animali domestici tramite la puntura di particolari zanzare appartenenti alla famiglia dei Culicidae (Culex, Anopheles e Aedes) che fan...
  • sintomi leishmaniosi La leishmaniosi è una malattia virale, trasmessa da un parassita, che può colpire il cane e che si manifesta con sintomi che diventano evidenti solo quando giunge ad una fase avanzata. Non è facile, d...
  • vaccino La leishmaniosi è una malattia provocata da protozoi; in ambito europeo, il principale veicolo di tale patologia è il pappatacio, che colpisce soprattutto nei mesi estivi e nelle ore serali. Si manife...
  • leishmaniosi La leishmaniosi è una malattia piuttosto grave, causata dal parassita Leishmania Infantum, e trasmessa dagli insetti comunemente detti pappataci. In Italia, i pappataci sono presenti soprattutto duran...

Scalibor Protector Band - Collare antiparassitario per cani contro la leishmaniosi (Grande (65 cm))

Prezzo: in offerta su Amazon a: 21,5€


Cause

leishmaniosi La Leishmaniosi ha origine dal protozoo Leishmania infantum diffuso nel Mediterraneo. Il cane contrae la leishmaniosi da un flebotomo, ovvero, un insetto veicolo (in questo caso il pappataci) che trasporta il protozoo della Leishmania. Il protozoo s'installa nelle cellule del cane e ne attacca il sistema immunitario con progressiva degenerazione dell'organismo. Se un flebotomo punge l'uomo, avviene la trasmissione. Il contagio non è mai diretto tra animale e uomo, o tra animale e animale, ma deve sempre essere veicolato da un parassita infetto. Il pappatacio è d'aspetto simile ad una zanzara, poiché facente parte delle Phlebotominae ed oltre a diffondere la leishmania è veicolo anche della meningite umana.

Occorre pertanto ricordare che il pappatacio vive e prolifera in zone umide e collinari, predilige le aree alberate, le fogne, le discariche di immondizia e le fonti d'acqua. E’ un animale notturno, quindi, occorre proteggersi soprattutto il tramonto con appositi repellenti. E’ attivo principalmente da maggio a ottobre. Seguire queste precauzioni è utile sia per il cane che per l’uomo.


leishmaniosi: Cure

La Leishmaniosi canina è una patologia curabile se presa in tempo, poiché si tratta purtroppo di una malattia cronica degenerativa. L’animale, infatti, non riuscirà mai a recuperare del tutto lo stato di salute precedente alla contrazione dell’infezione. La terapia attuale contro la Leishmaniosi canina è basata sull'associazione di antimoniato di N-metilglucammina (50 mg/kg ogni 12 ore sottocute per 4-8 settimane) con allopurinolo (10 mg/kg ogni 12 ore per almeno 6 mesi). Tali farmaci, naturalmente, vanno somministrati da cliniche specialistiche o dal veterinario. Con questa terapia la leishmaniosi può essere stabilizzata e tenuta sotto controllo con una notevole attenuazione dei sintomi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO