parassiti cani

Parassiti dei cani: cosa sono e cosa comportano?

I parassiti sono dei piccoli animaletti che vivono sfruttando le risorse di un altro essere vivente. Numerose sono le tipologie di parassiti, sia interni che esterni, che possono attaccare i nostri amici a quattro zampe; i parassiti spesso causano all’animale che li ospita patologie anche gravi, alcune delle quali trasmissibili all’uomo (zoonosi). Se abbiamo animali in casa, è molto importante conoscere quali sono i parassiti che potrebbero attaccarli, e sapere come difendersi. Per quanto riguarda i parassiti cutanei (pulci, zecche e via dicendo) il metodo più sicuro per mettere a riparo noi, il nostro cane e l’ambiente in cui viviamo da eventuali infestazioni, è fare un’adeguata profilassi. Esistono in commercio moltissimi antiparassitari per cani, sotto forma di pipette (spot on), di spray o di collarini; troviamo il prodotto più adatto alle nostre esigenze e utilizziamolo ogni qualvolta sia necessario. In genere spray e spot on vanno applicati una volta al mese, mentre l’azione dei collari dura qualche mese. Facciamo particolare attenzione durante la stagione estiva, che è il periodo di maggior attività per i parassiti, o nel caso in cui il nostro cane passi molto tempo all’aria aperta. Per gli endoparassiti, invece, la prevenzione è più difficoltosa, e si limita all’adottare le necessarie norme igieniche suggerite dal buonsenso; se si sospetta la presenza di parassiti intestinali nel cane, sarà il veterinario a trovare la terapia più adatta a seconda del caso.
parassiti cani

Collare Repellente Anti Insetti per Cani 12x9x2,5 Anti Parassiti Benessere Cane

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,99€


I parassiti esterni

parassiti caniI parassiti esterni del cane sono principalmente pulci, zecche, acari e flebotomi. Le pulci sono la tipologia di parassiti più diffusa: questi animaletti vivono durante tutto l’anno, e generalmente attaccano il nostro Fido durante le passeggiate. Possono però facilmente essere veicolate in casa in altri modi, quindi anche cani che non escono spesso sono a rischio; inoltre, le pulci si riproducono molto rapidamente, quindi basta davvero poco a generare un’infestazione. Se il nostro cane si gratta o perde pelo, potrebbe avere le pulci; questi parassiti vanno tempestivamente eliminati con prodotti appositi, poiché potrebbero causare dermatiti o addirittura trasmettere parassiti intestinali. Discorso simile vale per le zecche: anch’esse attaccano il cane prevalentemente durante le passeggiate, ma, a differenza delle pulci, sono attive quasi esclusivamente nelle stagioni calde. Le zecche possono essere facilmente individuate a occhio nudo, per cui è bene controllare di tanto in tanto il nostro cane, soprattutto dopo lunghe passeggiate in boschi o luoghi con erba alta: se troviamo una zecca, asportiamola subito e interamente con una pinzetta. Seppur di rado, le zecche possono essere foriere di gravi malattie infettive. Vi sono poi gli acari, parassiti solitamente presenti, in piccole quantità, sulla cute di quasi tutti i cani. Se il sistema immunitario dell’animale non è in grado di tenerli sotto controllo, possono causare patologie cutanee denominate rogne: si manifestano solitamente con intenso prurito, perdita di pelo, arrossamento della pelle, formazione di croste. A volte alla rogna si sovrappongono infezioni batteriche, che causano al cane febbre, problemi intestinali e letargia. Le rogne si trattano effettuando al cane bagni medicati, o somministrandogli particolari farmaci (per via orale o tramite iniezione); a volte, se in forma localizzata, possono guarire anche spontaneamente. Ultimi, ma non in ordine di pericolosità, sono i flebotomi. I flebotomi sono diffusi solo in particolari aree, ma il loro morso può causare una malattia molto grave: la leishmaniosi. La leishmaniosi può restare silente anche per molti anni prima di manifestarsi, quindi è utile effettuare test di screening periodicamente per assicurarci che il nostro cane sia negativo. Inoltre, se abitiamo in un’area a rischio, facciamoci consigliare dal nostro veterinario un’adeguata profilassi preventiva da adottare.

  • gratta cane Sono prodotti e composti chimici organici ed inorganici usati per distruggere i funghi e gli insetti nocivi per gli animali domestici . Oggi in commercio esiste un’ampia gamma di antiparassitari est...
  • Le zecche sono parassiti appartenenti alla famiglia degli Ixocidi. Sono dette anche Zecche dure per la presenza di uno scudo dorsale che ricopre tutto il corpo, nei maschi, o soltanto sua parte anteri...
  • Le pulci sono insetti appartenenti alla famiglia dei Afanitteri (che, letteralmente significa privi di ali). La pulce più comune nel gatto è la Ctenocephalides felis. Si tratta di animali parassiti es...
  • Tutti sappiamo, per esperienza, che i gatti possono essere attaccati da parassiti quali pulci e zecche, ma non dobbiamo dimenticare che accanto a questa possibilità c’è quella che siano vittima di alt...

DRONTAL PLUS FLAVOUR (6 cpr) - Per i parassiti intestinali dei cani

Prezzo: in offerta su Amazon a: 25,4€


parassiti cani: I parassiti interni

Oltre ai parassiti che vivono sulla cute dell’animale, vi sono anche quelli che attaccano gli organi interni. La presenza di tali parassiti è frequente nei cuccioli, e può essere molto pericolosa se non adeguatamente trattata; inoltre, alcuni parassiti intestinali possono colpire anche l’uomo. I tipi di parassiti interni che possono colpire il cane sono svariati: coccidi, giardia, ascaridi, tenie, ancilostomi, tricocefali ecc. In genere il primo campanello d’allarme è l’espulsione di feci anomale: se il nostro cane presenta diarrea, feci sanguinolente o con presenza di muchi, o feci in cui sono visibili piccoli vermicelli, portiamolo tempestivamente dal veterinario per effettuare esami più approfonditi, perché ci sono buone probabilità che si tratti di un’infestazione di parassiti. Altri sintomi frequenti sono il dimagrimento, la letargia, un generale malessere dell’animale e - a volte - la perdita dell’appetito. Dopo aver effettuato un esame delle feci, il veterinario sarà in grado di individuare il tipo di parassita presente nell’organismo del nostro cane, e di suggerirci la terapia più adatta; a volte la cura va ripetuta a distanza di qualche settimana, nel caso in cui sia efficace solo sui vermi adulti e non anche sulle larve.



COMMENTI SULL' ARTICOLO