Accoppiamento cavalli

vedi anche: Cavalli

Accoppiamento cavalli

Il cavallo raggiunge, solitamente, la maturità sessuale attorno ai due anni di età; la fase di maturità sessuale ha una durata piuttosto estesa: una puledra, infatti, mantiene la sua fertilità per quasi quindici anni, mentre il maschio è in grado di accoppiarsi in ogni momento della sua vita. Solitamente, però, i cavalli da allevamento, nonostante il manifestarsi dei primi sintomi sessuali avvenga attorno al primo anno di vita dell’animale, vengono fatti accoppiare soltanto al raggiungimento del terzo anno di età. Il periodo prediletto da questi animali per la riproduzione è quello della primavera e, in parte, dell’estate: la fase di monta, infatti, ha solitamente inizio nel mese di marzo. In ogni caso, comunque, questo animale è capace di riprodursi in qualsiasi periodo dell’anno. Occorre ricordare, inoltre, che, durante la stagione della monta, il maschio riesce a compiere due salti al giorno. Occorre, inoltre, ricordare che la fase della gestazione del cavallo ha una durata pari ad undici mesi e solitamente la cavalla non partorisce più di un cucciolo, soprattutto in considerazione di quelle che sono le dimensioni del neonato. La fase della gravidanza può risultare anche molto dolorosa e fastidiosa per l’animale: è essenziale non lasciare che esso rimanga completamente inattivo durante il trascorrere di quei mesi, in quanto una forte inattività potrebbe portare l’animale ad ingrassare eccessivamente, cosa che renderebbe il parto anche molto difficile. Durante il parto la puledra risulta solitamente molto indipendente ed autonoma; è necessario garantire, inoltre, all’animale un periodo di riposo di un mese dopo il parto, in modo tale che essa riesca a riprendere completamente le sue attività abituali.
cavalli

Cartera unisex // M00315072 Cavalli accoppiamento Brema Pascolo // Small Size Wallet

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,99€


Scelta degli animali da riproduzione

cavalli Nella riproduzione dei cavalli risulta importantissima la scelta dei soggetti da far accoppiare. La scelta degli animali deve essere effettuata tenendo in considerazione quelle che sono le caratteristiche fisiche e funzionali dell’animale stesso; devono essere considerate, inoltre, anche la forza e l’abilità dell’animale e, ovviamente, la purezza della sua razza. Per quanto riguarda i maschi, occorre ricordare che, solitamente, gli allevamenti effettuano una differenziazione tra i cavalli adatti alla riproduzione e quelli che saranno utilizzati solo per finalità lavorative; questi ultimi vengono solitamente sottoposti ad una sterilizzazione parziale che permetterà agli allevatori di verificare, tramite l’uso di questi animali, se la femmina è disposta ad accoppiarsi con il cavallo selezionato per la riproduzione. Gli stalloni da monta, inoltre, vengono curati e seguiti dagli allevatori per fare in modo che siano garantite al meglio la loro fertilità e la qualità del loro stato di salute. La scelta della puledra è meno rigida di quella dello stallone da monta: per essa deve semplicemente verificarsi l’assenza di difetti morfologici gravi che renderebbero probabile la presenza degli stessi difetti nei cuccioli. Ovviamente, sarà importante considerare anche se la puledra ha già subito altri parti e quale sia stato, in passato, il suo livello di fertilità. Una puledra non fertile in passato, infatti, difficilmente verrà scelta come nuova fattrice per un diverso stallone da monta. Solitamente, comunque, è richiesto, per l’accoppiamento presso allevamento, il controllo del pedigree dell’animale; tramite questo documento potrà essere accertata la purezza della razza dell’animale, consentendo agli allevatori di assicurare la nascita di un animale di razza pura.

  • cavallo in libertà Il cavallo è un mammifero ungulato appartenente alla famiglia Equidae. Reperti archeologici rilevati durante vari scavi, hanno permesso di datare orientativamente la presenza del cavallo sulla Terra g...
  • Stallone Morello Il cavallo arabo è una delle razze equine più antiche del mondo. Originario dell'Arabia Saudita, questo animale fa la sua comparsa intorno al 3000 AC, anche se la sua storia è avvolta nella leggenda ...
  • Cavallo Frisone Il cavallo frisone è una razza equina originaria della Frisia, una regione dell'Olanda del nord. Proprio qui, infatti, sono stati ritrovati numerosi resti appartenenti a questa razza e che sono databi...
  • Cavalli Charolais Il cavallo Charolais è stato da sempre un animale utilizzato nel campo agricolo e del lavoro pesante soprattutto grazie alla sua massiccia costituzione, il che lo rendeva un cavallo forte, robusto e i...

PU Billetera de Cuero Caso Titular de la tarjeta Carcasa Funda para // M00315072 Cavalli accoppiamento Brema Pascolo // Sony Xperia M2 D2303 D2305 D2306

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,94€


Il calore della puledra

Le puledre raggiungono, come già ricordato, la loro maturità sessuale attorno ai due anni di vita, sebbene i primi sintomi sessuali possono apparire anche in periodi precedenti. Il calore della cavalla ha una durata di circa 5/6 giorni; solo in questi giorni, quindi, è possibile far riprodurre l’animale. La fase di calore del cavallo si presenta ogni tre settimane per circa quattro mesi all’anno, solitamente da marzo a giugno, mentre durante gli altri periodi dell’anno il calore si presenta più raramente. In seguito al verificarsi di questo periodo di calore, l’animale entrerà in diestro, ossia in un periodo dalla durata di circa quindici giorni durante il quale la puledra rifiuta costantemente il maschio. La presenza del calore nel cavallo può comportante irascibilità ed estrema sensibilità dell’animale e anche un leggero stato di agitazione. Dal punto di vista fisico, potremo notare che l’animale tenderà ad urinare più frequentemente e a trascorrere molto tempo con la propria coda alzata. Questo gesto, unito ad una maggiore flessibilità ed umidità della zona genitale, implica solitamente che la puledra è pronta per l’accoppiamento: è importantissimo, infatti, saper cogliere il momento più adatto per la riproduzione, onde evitare di perderlo. Nel caso in cui la puledra non venga fecondata durante questa fase, potrebbero verificarsi successivi periodi di calore più lunghi.


Gestazione cavallo

cavalla incinta Come abbiamo già detto nei precedenti paragrafi, la gestazione della cavalla dura circa undici mesi. Durante questo periodo l'alimentazione deve essere uguale a quella prevista per gli altri animali, in modo da mantenerla sana ma, allo stesso tempo, ponendo particolare attenzione ad evitare dimagrimenti o ingrassamenti eccessivi. E' sconsigliata l'inattività assoluta ma non deve essere assolutamente essere impiegata in lavori troppo faticosi. Nell'ultimo periodo di gravidanza, ad esempio, è bene portarla ogni tanto a fare delle tranquille passeggiate. E' meglio tenere sotto stretta osservazione la salute dell'animale, in particolare tenendola lontana dalle malattie infettive e dai parassiti. Durante il periodo di gestazione il carattere dell'animale è più tranquillo, anche per via dell'aumento di peso. Ma tornerà ad essere irrequieta all'ultimo mese di gravidanza, alzandosi e coricandosi di frequente. Dopo il parto, la cavalla dovrà essere lasciata tranquilla ancora per circa un mese e poi potrà riprendere la sua attività gradualmente.



  • animali da monta La fase dell'accoppiamento degli asini è un processo che va ponderato sia sotto il profilo legislativo che quello dell'a
    visita : animali da monta

COMMENTI SULL' ARTICOLO