andaluso

Il cavallo andaluso

Il cavallo andaluso appartiene al genere mesomorfo ed è un cavallo molto diffuso, soprattutto in Europa. Si tratta di un animale molto elegante di origine ispanica, in particolare, infatti, esso inizia a diffondersi nella regione andalusa, doveva veniva spesso utilizzato nelle corride e nelle scuole di equitazione, anche per insegnare ai più piccoli a cavalcare. Si ritiene che esso sia comparso per la prima volta in Spagna nel 250 a.C. e che le sue origini derivino da quelle dei cavalli della Numidia, ossia i Berberi, portati da Asdrubale nel territorio ispanico durante la conquista della stessa penisola. Tracce dell’esistenza di questo maestoso animale si ritrovano anche negli scritti di Cesare, il quale parla proprio di un equus ibericus, che presenterebbe tutte le caratteristiche dell’Andaluso. Altre teorie sono state poi manifestate circa l’origine di questo cavallo, la qual cosa rende i natali dello stesso sicuramente molto misteriosi. Quello che possiamo dire con certezza è che, sebbene esso sia stato utilizzato semplicemente come animale da lavoro e trasporto, ben presto divenne un cavallo da guerra e da gareggiamento. La massima diffusione di questo animale si ebbe durante il Medioevo, grazie all’interesse manifestato nei suoi confronti da parte della monarchia spagnola. Dal punto di vista caratteriale si presenta come un animale estremamente coraggioso, fiero ed attivo, cosa che lo rende molto partecipe nell’attività fisica da svolgersi con il suo padrone. Si tratta, infatti, di un animale estremamente agile ed attento. L’andaluso, inoltre, è uno dei cavalli che più facilmente riesce a stringere un rapporto amichevole ed armonioso con l’uomo; proprio per questo motivo, esso è considerato un animale adatto per partecipare a gare equestri sia con bambini che con adulti. Ricordiamo, infine, che da questo cavallo, sono derivati il Certosino, un cavallo piuttosto piccolo ed elegante, derivato da selezioni effettuate verso la fine del XV secolo e il Minorchino, altro cavallo molto diffuso in Spagna ed estremamente utilizzato nei circhi, a causa della sua grande agilità fisica.
andaluso

Lo scialle andaluso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,2€
(Risparmi 1,8€)


Aspetto fisico del cavallo andaluso

andaluso Come già ricordato, il cavallo andaluso fa parte della tipologia dei mesomorfi. Esso presenta un’altezza massima al garrese di circa 156/161 centimetri, mentre il suo peso massimo oscilla attorno ai 570 chilogrammi. Una delle principali caratteristiche fisiche di questo animale è sicuramente il mantello, molto folto, il cui colore può variare dal grigio, al moro al sauro. Il colore del manto più diffuso è, comunque, il grigio. Esso richiede un’attenta manutenzione, in quanto, a causa della sua lunghezza e della sua importanza, presenta molto spesso nodi che potrebbero risultare molto fastidiosi per il cavallo. Il cavallo andaluso presenta una testa di medie dimensioni, molto proporzionata ed espressiva; questa non presenta discontinuità. Gli occhi di questo cavallo sono piuttosto grandi e dolci, mentre le narici sono elastiche ed estremamente dilatate. Tutto il corpo del cavallo andaluso, inoltre, si presenta come estremamente muscoloso, cosa che lo rende estremamente agile nei movimenti. L’ossatura del cavallo, così come la sua muscolatura, è molto possente. Tale cavallo presenta, inoltre, una coda molto bassa ed un torace molto profondo ed arcuato, con un addome dalla forma arrotondata. Per quanto riguarda gli arti, invece, possiamo notare come essi siano non eccessivamente lunghi ma sempre molto possenti, con una muscolatura estremamente resistente.

  • cavallo andaluso L’andaluso è sicuramente tra le razze più nobili e raffinate delle specie di cavalli mesomorfi, proveniente dal profondo sud della penisola Iberica, dalla regione dell’Andalusia, sembra sia un lontano...
  • Tutta l'imponenza del cavallo spagnolo Il cavallo spagnolo presenta una struttura forte e possente, anche se tutto sommato la corporatura di questo esemplare è tendente al tozzo. Infatti, l'altezza al garrese del cavallo spagnolo non dovre...
  • andalusian Il cavallo andaluso Il cavallo andaluso è un cavallo di razza pure proveniente dalla Spagna, e più precisamente dalla regione dell’Andalusia. Il cavallo andaluso viene oggi considerato uno stretto dis...
  • cavallo in libertà Il cavallo è un mammifero ungulato appartenente alla famiglia Equidae. Reperti archeologici rilevati durante vari scavi, hanno permesso di datare orientativamente la presenza del cavallo sulla Terra g...

Schleich 13669 - Cavalli, Puledro andaluso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,59€


Uso del cavallo andaluso

Come già ricordato, il cavallo andaluso è da sempre un animale molto utilizzato nelle attività umane, grazie alla sua forza e alla sua immensa resistenza. Il suo corpo possente e la sua muscolatura sviluppata, infatti, l’hanno da sempre reso un animale adatto al trasporto dell’uomo e delle sue merci. Nonostante fossero queste le sue iniziali occupazioni, comunque, in breve tempo tale animale fu anche utilizzato per altre funzioni, in particolare dalle scuole di equitazione. Esso ha, inoltre, ottenuto un posto d’onore anche nell’Alta Scuola, ossia in quella scuola di equitazione dove l’elemento essenziale nella valutazione delle gare riguarda la valutazione del movimento armonico dell’animale e del suo coordinamento con il cavaliere. In passato, inoltre, questo animale è stato spesso utilizzato per varie esibizioni equestri, soprattutto dalla famiglie reali, e per la corrida. Oggi, esso viene anche utilizzato nell’allevamento dei bovini. L’Andaluso viene, inoltre, molto spesso utilizzato come animale da monta, anche e soprattutto al fine della creazione di nuove razze equestri. Il motivo di questo specifico utilizzo è piuttosto ovvio: trattandosi di un animale molto forte e vigoroso dal punto di vista fisico, oltre che determinato e pacifico dal punto di vista caratteriale, si ritiene utile cercare di creare delle tipologie equestri che presentino le sue stesse caratteristiche psicofisiche.




COMMENTI SULL' ARTICOLO