cavallo andaluso

Caratteristiche

L’andaluso è sicuramente tra le razze più nobili e raffinate delle specie di cavalli mesomorfi, proveniente dal profondo sud della penisola Iberica, dalla regione dell’Andalusia, sembra sia un lontano discendente dei cavalli arabi che arrivarono in Spagna nel 711, poi incrociato con i cavalli stanziali presenti nella sud della spagna. Il cavallo andaluso si può definire un’ ottimo cavallo da sella, utilizzato spesso per lo sport o per le lunghe passeggiate. Questa specie si contraddistingue per il mantello che può essere di diversi colori come Grigio, Morello, Baio, Sauro o Roano. L’altezza al garrese varia dai 155 ai 160 centimetri. per un perso di circa 570 chili. Si tratta di un cavallo di grande maneggevolezza ed agilità con una coda ed un criniera molto lunghe e di cui gli spagnoli vanno molto fieri. Spesso si può notare nelle gare in tv come questi esemplari vengano addobbati e siano caratterizzati da dei crini che vengono intrecciati a formare una delicata treccia.
cavallo andaluso

Schleich 13668 - Cavalli, cavallo andaluso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,68€


Habitat naturale

e distribuzione

Il cavallo andaluso oggi viene allevato anche in altri stati europei e nell’ America del Sud, oltre che nei suoi territori natii situati nel sud della Spagna. Conosciuto anche come “Pura razza Spagnola”, questo cavallo ha delle origini ancora non molto chiare, dato che pare sia discendente dei cavalli arabi, ma, il suo primo avvistamento risale addirittura al 250 a.c. La leggenda vuole che sia stato introdotto nella penisola iberica da Asdrubale, direttamente dalla città di Cartagine. Negli anni successivi è stato usato per migliorare diverse razze europee. E’ stato fatto accoppiare anche con le razze di oltreoceano importate da Cristoforo Colombo nel suo secondo viaggio. Nel 1476 i monaci certosini di Jerez de la Frontera selezionarono la pura razza spagnola facendone così un derivato molto simile, denominato “certosino”, simile al cavallo andaluso, ma, più piccolo e rustico. Per le sue caratteristiche di robustezza, agilità e mansuetudine questo cavallo si è ben adattato anche in ambienti e habitat diversi da quelli originari.

  • Tutta l'imponenza del cavallo spagnolo Il cavallo spagnolo presenta una struttura forte e possente, anche se tutto sommato la corporatura di questo esemplare è tendente al tozzo. Infatti, l'altezza al garrese del cavallo spagnolo non dovre...
  • Stallone Morello Il cavallo arabo è una delle razze equine più antiche del mondo. Originario dell'Arabia Saudita, questo animale fa la sua comparsa intorno al 3000 AC, anche se la sua storia è avvolta nella leggenda ...
  • Purosangue Arabo Il Purosangue Arabo è uno dei cavalli più nobili e fieri che esistano, non a caso lo ritroviamo come progenitore e/o miglioratore di tantissime altre razze equine, compreso il celeberrimo Purosangue ...
  • cavalli spagnoli I cavalli di razza Spagnola possono essere considerati gli antenati delle razze dei cavalli esistenti. Essendo una razza molto antica furono noti fin dai tempi dei romani che li adoperavano come caval...

Playmobil 5521 - Paddock con Cavallo Andaluso e Fantina

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,95€
(Risparmi 5,68€)


Riproduzione

cavallo andalusoLa maturità sessuale nel cavallo andaluso avviene al completamento dei due anni di vita, ma negli allevamenti solitamente non si fanno accoppiare prima dei tre anni. I mesi i cui questi esemplari tendono ad avere una spiccata sensibilità sessuale sono quelli primaverili e in particolare nelle settimane tra Aprile e Maggio, ma, nulla vieta che possano accoppiarsi anche in altri mesi durante l’anno. L’esemplare femmina è un’animale poliestrale stagionale, ossia inizia ad entrare in calore con l’allungarsi dei giorni e quindi con l'aumento delle ore di luce. Nella stagione primaverile i vari calori si presentano ogni 21 giorni. Il maschio durante questo periodo riesce a montare 2 volte al giorno e diventa inquieto, nitrisce e mostra il suo apparato sessuale in erezione. La gestazione dura circa undici mesi, la cavalla diventa più mansueta e si notano le mammelle ingrossate. Il cavallo andaluso di solito da alla luce un solo puledro, e solo in casi molto rari si assiste a parti gemellari. Qualche giorno dopo il parto la cavalla torna di nuovo fertile e può essere di nuovo fecondata. Il puledro viene allattato per un periodo che va dai sei ai sette mesi dopodiché la madre si allontana ed il piccolo viene portato a cibarsi di fieno a pieno regime.


cavallo andaluso: Abitudini e alimentazione

E’ un cavallo dal particolare equilibrio psicofisico, muscoloso e resistente, oltre che affettuoso, viene spesso usato nelle manifestazioni sportive, ed ancora oggi il suo portamento viene sfoggiato nelle corride, mentre per la sua forza viene impiegato nelle lunghe passeggiate e negli allevamenti di bovini per domare le mandrie. La sua alimentazione è esclusivamente vegetale come avena, fieno ricco di fibre e granaglie ricche di principi nutritivi, riuscendo ad ingerire fino a 0.5Kg di fieno ogni 100 kg del suo peso. Allo stato brado, invece, il cavallo si nutre di graminacee che seleziona grazie a dei peli tattili posizionati sul mento e sul labbro superiore. L’erba mangiata gli consentirà di assorbire fibre e vitamine in modo da star bene in periodi di riposo e lontano da sforzi lavorativi. Inoltre un cavallo andaluso può bere sino ai 40 litri di acqua al giorno, in periodi di particolare lavoro poiché sudando perde acqua ed elettroliti. Spesso nelle scuderie vi sono anche blocchi di sale appesi alla parete per reintegrare i sali perduti dall’ animale. Si tratta di un cavallo molto robusto, veloce, elegante e fiero. E’ la razza prediletta dell’Alta Scuola, ovvero, quelle discipline equestri dove l’attenzione viene focalizzata sui movimenti del cavallo e sulla sua sottomissione al cavaliere. Oltre che per le competizioni equestri, il cavallo andaluso viene allevato anche come animale da pascolo, e ancora oggi è montato dai ‘vaqueros’ spagnoli mentre pascolano il bestiame. E’ anche un’ottima razza da riproduzione, tanto che da secoli viene utilizzato per migliorare altre razze equine. E’ stato utilizzato per la creazione della razza Lusitana, di quella frisona, Normanna, lipizzana ecc.


  • cavalli spagnoli I cavalli di razza Spagnola possono essere considerati gli antenati delle razze dei cavalli esistenti. Essendo una razza
    visita : cavalli spagnoli

COMMENTI SULL' ARTICOLO