Murgese

Le origini

Il cavallo Murgese trova le sue origini nel Sud Italia, in Puglia, in una zona impervia chiamata Murge. Questa località è stata da sempre contraddistinta da clima difficile, con estati torride e inverni freddi, ghiacciati dalle correnti di bassa pressione provenienti dai Balcani e dai Carpazi: qui i cavalli autoctoni, dai quali discende lo stesso Murgese, hanno sempre dovuto fare i conti con la rusticità dell'ambiente, caratterizzato anche da un terreno dal quale affiorano rocce carsiche, spesso privo o comunque dal pascolo scarso.

Tutte queste difficoltà ambientali hanno permesso che il Murgese si sviluppasse come un cavallo molto resistente, robusto, con arti muscolosi dai forti zoccoli, capaci di muoversi con velocità anche su di un terreno così ostile come quello delle Murge.

Proprio da questi cavalli autoctoni (dalle fattrici) si fanno risalire i primi incroci con cavalli di razza berbera, araba e andalusi, portati dai coloni delle Murge già a partire dall'epoca romana.

Murgese

Apulia Design - Murgese. Cavallo a dondolo in legno di rovere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1880€


La storia

MurgeseLa storia del cavallo Murgese inizia con l'imperatore Federico II di Svevia, che governò sul Sacro Romano Impero nel XIII secolo. Federico II era un appassionato di cavalli e della Puglia in particolare, terra che amava sopra ogni altre nel suo regno: qui avvenne proprio il primo incontro con i cavalli autoctoni, che giudicò forti e nobili, e da lì iniziarono i vari incroci con altre razze equine importate. Il sovrano pretese che i suoi cavalli da guerra, dei Murgesi ovviamente, fossero allevati non nelle pianure erbose, ma nella zona delle Murge, inospitale e difficile, che avrebbe temprato i cavalli rendendoli frugali e dagli zoccoli molto forti.

Proprio nelle Murge Federico II volle installare ben 3 diversi allevamenti di cavalli, ai quali imporre metodologie di cura e selezione approntate passo passo secondo le sue direttive: di tutte queste informazioni ne abbiamo riscontro nel “De Medicina Equorum”, testo scritto da Giordano Ruffo di Calabria, scudiero personale di sua maestà Federico II nonché annoverato fra i primi studiosi di veterinaria. Altre fonti che trattano circa il Murgese le ritroviamo nel celebre trattato di falconeria “De Arte Venandi Cum Avibus”, scritto proprio da Federico II, grande appassionato della caccia col falcone alla quale partecipava proprio in sella ad un Murgese.

Durante il periodo che va dal XV al XVI secolo, la Repubblica Serenissima di Venezia predilesse il Murgese sia come cavallo militare, sia come razza sportiva e civile. Fu infatti creato un allevamento, il più importante della Serenissima, proprio nelle Murge, al fine di allevare cavalli forti e “virtuosi”.

Grande influsso ebbe sulla razza del Murgese il cavallo di Conversano, creato dalla famiglia degli Acquaviva d'Aragona, e dal quale discenderebbe anche uno dei capostipiti del cavallo Lipizzano.

La prima vera selezione del Murgese si ebbe però intorno al 1926, quando l'allora Ministero dell'Agricoltura e il Regio Deposito Stalloni di Foggia (oggi chiamato Istituito Regionale Incremento Ippico) diedero inizio alla definizione delle caratteristiche tipiche delle razza e alla sua registrazione formale.


  • Maremmano cavalcato da un Buttero Il cavallo Maremmano è originario della Maremma, la vasta zona che ingloba parte del litorale tirrenico che va dalla Toscana meridionale fino alla parte alta del Lazio. Le origini di questo cavallo si...
  • Cavallo Salernitano Le origini del cavallo Salernitano si fanno risalire a tempi antichi, quando la zona oggi occupata dalla Piana del Sele e dai comuni di Eboli, Paestum e Battipaglia si trovava alla mercé degli invasor...
  • Sella Italiano in allenamento La razza del Sella Italiano è di origine relativamente recente, anche se l'Italia già a partire dal Medioevo poteva contare su ottimi cavalli da sella e da traino, animali molto richiesti in Europa pe...
  • Vacca bruna alpina La razza bruna alpina è il risultato di incroci di razza bovine autoctone provenienti dalla Svizzera, dall'Austria e dalla Bavaria. Grazie alla ottime doti di rusticità di questo animale, la razza bru...

Hannover

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,63€


Caratteristiche fisiche

Murgese Il Murgese è un cavallo di tipo mesomorfo, con un'altezza al garrese che può variare dai 150 ai 162 centimetri per le femmine, mentre per i maschi può oscillare fra i 155 e i 170 centimetri. Il peso, in genere, varia fra i 350 e i 400 chilogrammi. La testa si presenta molto solida, ben attaccata e con fronte e narici larghe. Il profilo è rettilineo, ma in alcuni esemplari non è raro trovarlo anche montonino. Le orecchie sono regolari e gli occhi molto dolci ed espressivi. La criniera è fluente e ondulata, con il classico ciuffo che ricade sulla fronte. Il collo è armonico, mentre il tronco si presenta possente e muscoloso, con petto ampio e torace molto sviluppato. La coda è ben attaccata, con peli lunghi e ondulati al pari della criniera.

Gli arti si presentano solidi, piuttosto muscolosi, con una accentuata apertura del garretto. I piedi sono rivestiti da uno zoccolo nero molto duro, risultato dell'allevamento sul terreno carsico delle Murge, ma al tempo stesso si presenta sufficientemente elastico.

Il mantello è sempre morello corvino e non sono ammesse macchie di nessun tipo. Una piccolissima percentuale di Murgesi ha però il mantello grigio ferro testa di moro.


Murgese: Attitudini e impieghi

Murgese Il Murgese, pur essendo un cavallo dal temperamento docile, si presenta come un animale vivace, ideale compagno nelle passeggiate e per questo molto utilizzato nel turismo equestre e nell'equitazione da campagna. Molto intelligente, apprende con facilità quanto insegnatogli e si rivela molto bravo sia negli esercizi dell'alta scuola, sia nel salto ad ostacoli, tanto da essere stato spesso utilizzato anche negli spettacoli equestri. Alcuni esemplari si sono rivelati molto bravi nell'attacco e nel dressage.

Robusto e lavoratore, il Murgese è ancora oggi impiego oltre che come cavallo da sella, anche per il lavoro dei campi. Le fattrici si sono rilevate anche delle ottime produttrici di latte.



COMMENTI SULL' ARTICOLO