pecora cornigliese

Origini e diffusione

La pecora Cornigliese, anche detta pecora del Corniglio o pecora Mucca, è originaria dell’Emilia Romagna, e più precisamente dell’alto Appennino Parmense. Le sue origini risalgono al ‘700, quando i Borboni ordinarono di far incrociare pecore della zona di Parma con pecore di razza Merinos, dalla Spagna, così da ottenere capi in grado di produrre lana pregiata. Nel ‘900 poi la razza subì un’ulteriore modifica, venendo incrociata con arieti Bergamaschi. Col tempo questa pecora, in origine diffusa solo nell’Appennino Parmense, si sarebbe diffusa anche a Bologna, Reggio Emilia e Ravenna. Al giorno d’oggi purtroppo la razza è considerata ancora in via d’estinzione, sebbene negli ultimi anni siano stati mossi dei passi volti a salvarla.
cornigliese

Tappeto pelle di capra di angora. 95x80 CMS. 100% Naturale.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 49€


pecora cornigliese: Caratteristiche

La pecora Cornigliese è una pecora di grande mole: le femmine arrivano a pesare 75 kg, per 85 cm di altezza al garrese, mentre i maschi superano addirittura i 100 kg, per un’altezza media di 95 cm Si tratta di una razza molto longeva, prolifica e feconda, il che la rende preziosa per gli allevatori: si cerca il più possibile di evitare di incrociarla con altre razze, così da conservarne inalterate tutte le qualità tipiche. Viene allevata solitamente in greggi transumanti. La testa della pecora Cornigliese, priva di corna in entrambi i sessi, presenta orecchie lunghe, larghe e pendenti. Il tronco è allungato, con petto e groppa piuttosto ampi. Il vello è per lo più bianco, e ricopre il ventre, la parte superiore degli arti e la parte frontale della testa; la testa e le estremità degli arti sono picchiettati di nero in modo irregolare. La lana è compatta, a tessitura semifine. Per quanto riguarda gli impieghi, la pecora Cornigliese viene utilizzata sia per la produzione di lana, che di latte, che di carni. Da ogni montone adulto si possono ottenere 6,5 kg di lana, mentre da una pecora 4-5 kg: la lana della pecora Cornigliese ha discrete qualità tessili, che opportunamente valorizzate permettono di realizzare capi pregevoli. La produzione di latte, invece, si aggira attorno ai 160 litri nei 180 giorni di lattazione. Per quanto riguarda le carni, infine, vista la grossa molte la pecora Cornigliese ben si presta alla produzione di agnelloni e di castrati.

  • La pecora La domesticazione della pecora si pensa abbia avuto luogo intorno a circa 10.000 anni fa, in piena Età della Pietra (Mesolitico). Fin da subito, infatti, la pecora si è resa indispensabile per l'uomo,...
  • Pecore vendita Sebbene le singole camere di commercio provinciali stimino i prezzi massimi e minimi di vendita delle pecore, non sempre nel contesto della quotidiana compravendita del bestiame accade che effettivame...
  • Pecore allevamento L'allevamento ovino è da sempre considerato molto importante e, in alcune regioni d'Italia come la Sardegna, può essere quasi definito come tipologia esclusiva di allevamento. Ma le pecore sono alleva...
  • Capre nane Simpatiche, allegre e ideali animali da compagnia, le capre nane rappresentano la razza caprina che maggiormente si adatta alla vita di animale da compagnia. Infatti, le capre nane non sono una fonte ...

Maschera da capra in gomma

Prezzo: in offerta su Amazon a: 14,76€


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO