Tosatura pecora

Informazioni generali

La tosatura della pecora è da sempre un momento molto importante nelle comunità che si dedicano all'allevamento di questi animali. Fin dall'antichità, infatti, l'uomo ha compiuto questa azione per “liberare” dal vello le pecore durante il periodo estivo, ma nel tempo, è divenuta un vero e proprio rituale.

La lana, infatti, è un bene prezioso, utile non solo per le imbottiture, ma anche e soprattutto per la realizzazione di tessuti caldi e naturali. Va da sé, dunque, che la tosatura della pecora si renda necessaria non solo ai fini fisiologici, ma anche a quelli economici: la lana come fonte di reddito per l'allevatore e, di riflesso, per la comunità che vi ruota attorno.

In tempi recenti, però, la tosatura della pecora è divenuta piuttosto infruttuosa a livello economico, in quanto la lana viene spesso sostituita con materiali sintetici a buon mercato, maggiormente richiesti soprattutto in tempi di crisi. Accade così che la lana prodotta dalle pecore, specie nei piccoli allevamenti, non venga lavorata ma addirittura gettata via.

Tosatura pecora

Sheep Clipper 320W con valigetta - Tosatrice per pecore professionale elettrica - Macchina per la tosatura delle pecore - tosapecore tosa pecore capra capre pecora tosapecora rasoio cesoia cesoie lana ovini in valigia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 98,92€


Metodi e tecniche di tosatura

Tosatura pecora Non ci si improvvisa tosatori, in quanto esistono tecniche precise per effettuare una tosatura efficace, che non leda l'animale e che soprattutto sia a regola d'arte. Per prima cosa bisogna tener conto che la pecora è un animale per natura molto pauroso, quindi il taglio dovrà essere dato in maniera netta e precisa, senza creare escoriazioni o, peggio, danni alla pelle, bloccando l'animale in maniera decisa ma non violenta. Alcuni allevatori sostengono che il miglior modo per tosare una pecora sia legare le quattro zampe a due a due: un comportamento discutibile, che serve solo a traumatizzare l'animale.

Più saggio e consono è rinchiudere le pecore in un recinto chiuso e portare via, di volta in volta, solo la pecora che deve essere tosata: in questo modo si evitano “allarmismi” da parte degli altri capi che, notando l'agitarsi delle compagne e l'assenza di vello, possono innervosirsi e divenire particolarmente inquiete.

La tosatura non ha un periodo preciso, poiché molto dipende dalle condizioni atmosferiche del posto dove l'allevamento risiede: in Italia, ad esempio, la tosature delle pecore avviene da aprile a luglio, ma non mancano i casi in cui, se si prospetta un'estate lunga e torrida, la tosatura debba essere realizzata due volte (di solito in aprile e poi a fine luglio).

Prima della tosatura occorre che le pecore vengano lavate e asciugate perfettamente, così come importante è che il vello non sia bagnato né umido al momento del taglio: per tale motivo, si preferisce far alloggiare le pecore in stalla il giorno prima della tosatura, in modo tale che neanche la rugiada notturna possa essere d'intralcio.

Per la tosatura vera e propria, occorrono specifici arnesi del mestiere. Di solito si ricorre a cesoie a molla molto affilate, del tutto simili ad un rasoio, ma non mancano scuole di pensiero che prediligono un più moderno rasoio elettrico. Fondamentale, però, che il vello venga tosato in maniera uniforme, restando compatto una volta tagliato come se fosse ancora sul corpo dell'animale.

Una volta tosato, il vello della pecora viene arrotolato su sé stesso – con la parte del pelo rivolta all'interno per non rovinarsi – e portato nei centri specifici dove verrà avviato a classificazione.

  • pecora sarda La pecora sarda è una delle razze ovine più antiche d’Europa. Viene allevata fin dall’antichità in Sardegna soprattutto per la produzione di latte da cui si ricavano formaggi come il pecorino sardo ed...
  • La pecora La domesticazione della pecora si pensa abbia avuto luogo intorno a circa 10.000 anni fa, in piena Età della Pietra (Mesolitico). Fin da subito, infatti, la pecora si è resa indispensabile per l'uomo,...
  • Pecore vendita Sebbene le singole camere di commercio provinciali stimino i prezzi massimi e minimi di vendita delle pecore, non sempre nel contesto della quotidiana compravendita del bestiame accade che effettivame...
  • Pecore allevamento L'allevamento ovino è da sempre considerato molto importante e, in alcune regioni d'Italia come la Sardegna, può essere quasi definito come tipologia esclusiva di allevamento. Ma le pecore sono alleva...

FORBICE PER PECORA CM. 32 *AUSONIA (004068)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,5€


La lana

Tosatura pecoraUna volta giunto nelle strutture specifiche per la classificazione, il vello viene diviso in base alla lunghezza e alla finezza delle fibre: migliore sarà la lana e quindi il filato che se ne otterrà dopo la lavorazione, maggiore sarà il prezzo al chilo della lana grezza.

In generale, possiamo affermare che la lana del dorso e delle spalle della pecora è sempre di prima qualità, mentre il vello di petto e addome è di seconda qualità. In fondo alla lista, invece, il vello di coda e cosce, classificato di terza qualità.

Dopo questo processo, la lana viene opportunamente lavorata nelle fabbriche specializzate fino ad ottenere filati naturali da immettere poi sul mercato industriale o al dettaglio.


Tosatura pecora: Dopo la tosatura

Tosatura pecora Oltre che per alleggerire gli animali in vista del caldo, la tosatura della pecora è utilissima per vagliare lo stato di salute dei capi e per eseguire le profilassi di stagione.

Una volta tolto il vello, infatti, l'animale presenta la pelle “nuda” e può essere così effettuata un'analisi di rito delle condizioni di salute. Solitamente, se non si è esperti in materia, si predilige la presenza di un veterinario di fiducia che possa somministrare eventuali medicinale oltre che visitare e controllare le pecore.

Generalmente, considerato il fatto che le pecore vengono tosate in primavera oppure all'inizio dell'estate, vengono eseguiti la vaccinazione, la sverminazione e il trattamento per i parassiti esterni (utilissimo andando incontro al caldo). Si controlla poi l'assenza di eventuali escoriazioni dovute al taglio improprio della tosatrice (nel caso, vanno immediatamente curati e disinfettati), così come l'assenza di masse sospette.

Importante anche il controllo delle unghielli, che andranno tagliati all'occorrenza onde evitare la zoppia dell'animale.


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO