gongilo

Caratteristiche

Il gongilo, o Chalcides ocellatus, è un piccolo rettile appartenente alla famiglia degli Scincidi. Grande circa 30 centimetri, questo sauro è caratterizzato dalla testa piccola e dal corpo cilindrico con coda corta e tozza. Le zampe hanno cinque dita per ciascun piede e raramente vengono utilizzate per camminare, poiché questo rettile preferisce spostarsi strisciando come i serpenti. Si tratta di una lucertola molto variopinta, con una colorazione di base marrone e numerose ocellature bianche e nere lungo tutto il corpo. Il ventre è beige uniforme. A differenza di altri sauri, il gongilo è dotato di palpebre a protezione degli occhi. Si tratta di un rettile dall'aspetto molto primitivo che facilmente può essere scambiato con un serpente per la sua abitudine di muoversi strisciando.
gongilo

Ragazzo morso da ramarro

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Habitat naturale

e distribuzione

Il gongilo è un rettile tipicamente mediterraneo e il suo areale di distribuzione comprende l’Europa e l’Africa. Lo si può trovare in Grecia, Italia, Malta, Turchia, Cipro, Africa Mediterranea e in alcune regioni dell’Asia. In Italia vive principalmente in Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna. Il suo habitat naturale è costituito da zone aride e sabbiose, macchia mediterranea, vigneti, oliveti, muretti a secco e zone rocciose. Predilige le zone sabbiose o comunque caratterizzati da terreni facili da scavare, poiché il gongilo ha l’abitudine di ‘nuotare nella sabbia’, ovvero, strisciare sotto lo strato superficiale di terreno. Questi rettili tendono a nascondersi sotto terra per ripararsi dal sole e dal caldo tipici dei territori in cui risiedono abitualmente.

  • geco comune I gechi  appartengono alla famiglia dei sauri e derivano il loro nome dal malese gekok, una parola onomatopeica che riproduce il suono emesso da queste piccole lucertole. Sono di dimensioni medio picc...
  • iguana verde L’iguana verde, detta anche iguana dai tubercoli è un sauro appartenente alla famiglia delle Iguanidi. Si tratta di una specie erbivora e arboricola, originaria dell’America centrale e meridionale. Co...
  • ramarro in amore Il ramarro orientale, il cui nome scientifico è Lacerta Viridis, è un sauro appartenente alla famiglia delle Lacertidi e deve il suo nome al colore verde brillante della sua pelle. E’ la più grossa tr...
  • lucertola comune Gli animali, reali o fantastici, sono spesso i protagonisti di molti dei nostri sogni, facendosi portavoce delle istanze più profonde del nostro inconscio. Tra gli animali che maggiormente popolano il...

Camaleonte

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,5€
(Risparmi 1,5€)


Riproduzione

Il gongilo è una specie ovovipara, il che significa che la femmina non depone le uova, ma, le cova nel suo ventre dando alla luce i piccoli già formati non appena queste si schiudono. La stagione degli amori per il gongilo coincide con la primavera e il risveglio dal letargo. In media la femmina può partorire dai 3 agli 11 piccoli che accudisce per le prime settimane di vita. I parti avvengono in estate. Ad ottobre il gongilo si rifugia nelle tane sotterranee e inizia la latenza invernale, in attesa dell’arrivo della primavera e dell'aumento delle temperature.


gongilo: Abitudini e alimentazione

Il gongilo è un sauro prettamente insettivoro. Si nutre principalmente di insetti, molluschi e piccole lucertole che caccia con la tecnica dell'agguato. Se necessario non disdegna la frutta. Si tratta di una specie diurna e quando si sente in pericolo tende a scappare tra le piante o in qualche buca nel terreno. Si tratta di una specie a rischio e come tale è protetta dalla Convenzione di Berna che ne vieta la cattura e l'uccisione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO