Ramarro

Caratteristiche

Il ramarro orientale, il cui nome scientifico è Lacerta Viridis, è un sauro appartenente alla famiglia delle Lacertidi e deve il suo nome al colore verde brillante della sua pelle. E’ la più grossa tra le lucertole italiane con i suoi quaranta centimetri di lunghezza coda inclusa. Si nutre principalmente di insetti e piccoli vertebrati che cattura grazie alla rapidità dei suoi movimenti, o di uva di uccelli che riesce a trovare arrampicandosi sui rami più bassi degli alberi. Integra la sua alimentazione anche con bacche e vegetali. Il ramarro si distingue dalle lucertole comuni per il colore verde brillante del dorso. Le femmine della specie presentano il colore della pelle leggermente più scuro con due o quattro striature longitudinali più chiare. Il ventre è giallo. Il dimorfismo sessuale si evidenzia, oltre che nel colore della pelle, anche nelle dimensioni della testa, che nei maschi è più grossa rispetto alle femmine, e per una maggiore larghezza della coda. Nel periodo degli amori, infine, la gola dei maschi assume un colore blu vivo. Va in letargo da novembre fino alla fine di febbraio e ricomincia ad uscire dalla tana e a nutrirsi ai primi di marzo. I ramarri possono raggiungere i quindici anni di età. I potenziali predatori della specie sono le donnole, i gatti, i serpenti e i roditori. Altro grande nemico del ramarro è l’uomo che con l’uso di pesticidi ha messo a forte rischio la sopravvivenza della specie. Oltre al ramarro orientale, esiste anche un’altra specie detta ramarro occidentale, o lacerta bilineata, che si differenzia dalla lacerta viridis solo per le dimensioni, essendo leggermente più piccola. Il suo areale si sovrappone a quello del ramarro orientale.
ramarro in amore

Ramarro. Primo supereore masochista. Ediz. integrale: 1

Prezzo: in offerta su Amazon a: 24€


Habitat naturale

e distribuzione

ramarro in un prato Il ramarro è una lucertola tipica delle regioni a clima temperato europee. Si trova in Austria, Italia, Germania, Slovenia, Bosnia, Croazia, Macedonia, Serbia, Kosovo, Montenegro, Albania, Grecia, Bulgaria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ungheria, Moldavia, Polonia, Romania, Ucraina e in Turchia. Si tratta di animali territoriali e diurni. Escono dalla tana durante il giorno per cacciare e per riposarsi su qualche muretto al sole. A differenza della lucertola muraiola non ama arrampicarsi ma preferisce restare mimetizzato nell’erba. Il suo habitat naturale è dato da pendii assolati, prati con erba alta, cespuglietti, siepi, boscaglie e bordi di strade e sentieri. Non sopporta il caldo eccessivo e per questa ragione nelle regioni meridionali si troverà in zona più umide o in montagna. Il mattino e al tramonto lo si può trovare a sostare su rocce e muretti esposti al sole per catturare il calore dei raggi e attivare la termoregolazione.

  • serpente gigante I cinque serpenti più grandi al mondo appartengono tutti alla famiglia dei Boidi, di cui fanno parte le specie dei pitoni e dei boa e sono il pitone reticolato, l’anaconda verde, il pitone delle rocce...
  • vipera in terrario Quando si decide di allevare un serpente in casa la prima cosa da fare è comprare o costruire un terrario adatto ad ospitarlo. Il terrario, infatti, altro non è che una teca abbastanza grande per cont...
  • iguana L’iguana è un rettile appartenente alla famiglia delle iguanidi. Nell’aspetto è molto simile ad una grossa lucertola e si caratterizza per la presenza in età adulta, di una lunga cresta sul dorso. Nel...
  • pelle serpente La pelle dei serpenti è composta da due strati distinti, ovvero, il derma e l’epidermide. Il primo rappresenta lo strato più profondo, mentre il secondo è quello più superficiale che si trova al di so...

Ramarro marrone [Explicit]

Prezzo: in offerta su Amazon a: 1,29€


Riproduzione

La stagione degli amori per i ramarri coincide con l’arrivo della primavera e in alcuni casi si protrae fino a giugno. Si tratta di una specie ovipara, ovvero si riproduce tramite la deposizione di uova. La femmina del ramarro depone dalle cinque alle venti uova alla volta, in una buca, di circa venti centimetri, scavata nel terreno e coperta dalla vegetazione. Le uova sono grandi circa quindici millimetri e hanno il guscio morbido. La deposizione avviene nel mese di maggio. L’incubazione dura circa dodici settimane. Nel periodo degli accoppiamenti i maschi ingaggiano violente lotte per il predominio del territorio. Tendono a sollevare la parte anteriore del corpo per mostrare il sottogola blu e ad agitare la coda in aria come se fosse una frusta per spaventare l’avversario e costringerlo a sottomettersi. Anche la fase dell’accoppiamento vero e proprio è molto violento. Il maschio, infatti, morde la femmina sui fianchi per trattenerla finendo col ferirla. I ramarri raggiungono la maturità sessuale intorno al secondo anno d’età. Le femmine depongono le uova con la frequenza di due volte all’anno e abbandonano subito il nido senza prestare nessuna cura parentale alla prole che una volta usciti dall’uovo rimuovono la terra che copre la buca e si disperdono nell'ambiente circostante.


Ramarro: Curiosità

Sono numerosi i proverbi e le curiosità legate al ramarro. Notissima, ad esempio, è l’ostilità nutrita da questa lucertola nei confronti delle vipere e de i serpenti velenosi in genere con cui ingaggia lotte violentissime da cui esce quasi sempre vincitore. Secondo la tradizione, infatti, il ramarro non teme il veleno dei serpenti perché se morso, poi riesce sempre a salvarsi mangiando una misteriosa erba che annulla l’effetto del veleno. Un detto popolare recita: “Il ramarro tienilo alla tua destra perché ti fischia nell’orecchio”, poiché si pensa che il ramarro avverta le persone della presenza di animali velenosi emettendo un fischio sibilante.

Proverbiale è anche la tenacia del ramarro, tanto che si dice “tenace come un ramarro” alle persone molto decise. Il ramarro deve questa nomea al fatto che quando morde una persona, non lascia la presa per nessun motivo, resistendo anche al fuoco. Il ramarro, infine, viene spesso confuso con il basilisco, figura mitologica di rettile che si pensi nasca da un uovo di gallo.



COMMENTI SULL' ARTICOLO