falco pellegrino

Caratteristiche

Il falco pellegrino è un uccello appartenente alla specie dei Falconidi. Deve il suo nome alla presenza di una sorta di cappuccio nero sul capo, simile a quello un tempo utilizzato dai pellegrini. Si tratta di una specie di medie dimensioni. Gli adulti arrivano a misurare in media dai 40 ai 60 centimetri di lunghezza, con un’apertura alare di circa un metro. I due sessi sono molto simili tra loro, ma, le femmine si distinguono dai maschi per le dimensioni maggiori. Le femmine della specie, infatti, sono circa il 30% più grandi dei maschi. Il piumaggio è nero con riflessi metallici blu sul dorso e sulle ali. Queste ultime hanno una forma appuntita presentano le estremità nere. La parte inferiore del corpo è più chiara e presenta evidenti striature marroni e nere. La coda, lunga e sottile, ha una forma tondeggiante ed è nera con barre laterali bianche. La testa è nera, mentre i fianchi e la gola sono bianchi. La cera sul becco è gialla come anche le zampe. Becco e artigli, invece, sono neri. Il becco è appuntito e viene utilizzato per uccidere le eventuali prede. Gli occhi sono grandi e scuri con l’area orbitale gialla. Gli esemplari giovani si differenziano dagli adulti per la colorazione blu pallido della cera. Il corpo è compatto e massiccio. Attualmente sono state individuate circa 21 sottospecie che si differenziano sia per le dimensioni, sia per particolari nella colorazione del piumaggio.
falco pellegrino

non branded Fai da Te Decorazioni per la casa Pittura a Olio Digitale Pittura a Colori Manuale Adulti Bambini Vernice Numeri Kit Decorazioni per la casa Alpino gracchio Nero Uccelli Selvatici Rocce

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,92€


Habitat naturale

e distribuzione

Il falco pellegrino è presente in Europa, Asia, Africa mediterranea e Americhe. E' assente nei due poli. In Italia è stazionario. Si tratta di una specie estremamente adattabile caratteristica che le ha consentito negli anni di stabilirsi negli ambienti più disparati, dalla tundra delle regioni artiche fino ai deserti dell’Africa e dell’Australia. In generale, comunque, il suo habitat naturale è costituito da aree aperte e selvagge, dove trova luoghi adatti per la nidificazione e prede in abbondanza per nutrirsi. Predilige le zone rocciose con scarsa vegetazione. Lo si può avvistare facilmente nei pressi di scogliere, colline, paludi e cime montuose.Non ha paura dell’uomo e per questo non è insolito trovarlo a ridosso dei centri urbani e delle aree antropizzate. Può stabilirsi all’interno di edifici come campanili e torri o in costruzioni abbandonate dove va a caccia principalmente di piccioni. Non ama i luoghi chiusi o caratterizzati da una fitta vegetazione. Le popolazioni che vivono più a nord sono migratrici e tendono a svernare nei paesi più caldi come l’Africa mediterranea e l’area atlantica. Le migrazioni iniziano a settembre per quella autunnale e in marzo per quella primaverile.

  • falco pescatore Il falco pescatore, il cui nome scientifico è Pandion haliaetus, è un uccello rapace appartenente alla famiglia dei Pandionidae, di cui è l’unico esponente. Lungo poco più di 60 centimetri è così chia...
  • falco di palude Il falco di palude appartiene alla famiglia degli accipitride, leggermente più robusto di un’Albanella questo volatile può misurare fino a 55 cm di lunghezza con una conseguente apertura alare di 125 ...
  • gheppio Il gheppio è un rapace di piccole dimensione appartenente al genere dei falchi. Il suo nome scientifico, infatti, è Falco Tinnunculus, ovvero, ‘falco che tintinna’ in riferimento al suo verso molto si...

Vivid Arts Real Life Barbagianni ornamentale

Prezzo: in offerta su Amazon a: 17,52€


Riproduzione

falco pellegrinoIl falco pellegrino è una specie monogama. Le coppie una volta formatesi restano insieme tutta la vita. La stagione degli amori coincide con la primavera inoltrata e va dal mese di aprile a quello di luglio. La femmina costruisce il nido all’interno di buche e nicchie presenti nelle rocce, nei tronchi degli alberi o in qualche edificio abbandonato. In media vengono deposte dalla due alle sei uova che la femmina cova per circa un mese. Le uova di falco pellegrino sono bianche con macchie rosse e nere. Appena nati i piccoli sono ciechi e inetti. Dipendono in tutto dai genitori che li accudiscono e li nutrono. La prole lascia il nido intorno alla sesta settimana di vita. La femmina del falco pellegrino effettua un’unica covata l’anno.


falco pellegrino: Abitudini

e alimentazione

Il falco pellegrino si nutre essenzialmente di uccelli come pernici, anatre, cornacchie e gabbiani. Non disdegna comunque anche mammiferi come topi, scoiattoli e tassi. La composizione della dieta varia a seconda della stagione e degli animali disponibili. Il falco pellegrino è un rapace notturno e come tale ha abitudini crepuscolari. Durante il giorno resta appollaiato sui rami a riposare, mentre dopo il tramonto esce per andare a caccia di prede. Ha un carattere solitario e tende a vivere da solo o in coppia. In base al luogo in cui vive può essere sedentario o migratore. Il suo volo è agile e veloce, caratterizzato da lunghe planate intervallate da rapidi battiti di ali. Il suo grido d’allarme è molto acuto e penetrante. Avvista le prede dall’alto e poi le cattura gettandosi in picchiata ad una velocità di quasi 300 chilometri orari e afferrandole con i robusti artigli. Il falco pellegrino, infatti, è tra gli esseri viventi più veloci al mondo. Prima di iniziare la picchiata cerca di guadagnare la maggior quota possibile per poi piombare sulla preda e tramortirla con i talloni prima di ucciderla con il becco. Il falco pellegrino viene utilizzato fin da tempi antichissimi per la falconeria. In Italia il falco pellegrino è una specie protetta ed è severamente vietata l’uccisione e il prelievo in natura. A minacciare la sopravvivenza della specie ci sono vari fattori tra cui la depredazione dei nidi, la cattura degli esemplari per la falconeria, la progressiva distruzione degli habitat naturali e l’inquinamento causato dagli insetticidi. Molti esemplari, infine, muoiono perché restano impigliati nei cavi elettrici.



COMMENTI SULL' ARTICOLO