gipeto

Caratteristiche

Il gipeto è un grosso uccello appartenente all’ordine degli Accipitriformes, unico membro della famiglia dei Gypaetus. Noto anche come avvoltoio barbuto o avvoltoio degli agnelli, il gipeto è uno dei più grandi e comuni avvoltoio Europei. Attualmente se ne coscono 3 sottospecie: il Gipeto dell’Himalaya, il Gipeto barbuto diffuso principalmente in Europa, Asia e Africa settentrionale e il Gipeto meridionale, diffuso nelle regioni dell’Africa meridionale. Il gipeto è un uccello di grosse dimensioni, arrivando a superare il metro di lunghezza per un peso di circa 7 chili. Imponente l’apertura alare che supera i 2 metri e mezzo. La sola coda è lunga circa 40 centimetri. La specie non presenta dimorfismo sessuale e i due sessi appaiono pressoché identici. La femmina è leggermente più grande del maschio, ma, la differenza non è tale da risultare immediatamente evidente. Il gipeto presenta un piumaggio molto caratteristico con testa e ventre chiaro e ali e dorso scuri. Gli adulti tendono a strofinare il ventre nel terreno assumendo una tipica colorazione ruggine. Sul viso sono presenti dei ciuffi di vibrisse nere che dall’occhio arrivano fino al becco formando una sorta di barba, da cui poi deriva il nome della specie. L’occhio presenta l’iride gialla e anello periculare rosso. I giovani, invece, presentano un piumaggio completamente scuro fino al settimo anno di vita, quando raggiungono la maturità sessuale e assumono l’abito adulto.
gipeto

Bullyland 69386 - Uccelli - Gipeto

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,99€


Habitat naturale

e distribuzione

L’areale di distribuzione del gipeto è molto ampio e comprende l’Europa, l’Asia e l’Africa spingendosi fino al Tibet e all’Himalaya a nord e oltre il Sahara a sud. In Europa e in Asia vive sulle principali catene montuose, dalle Alpi ai Carpazi fino ai Monti Altai in Mongolia e all’Himalaya in Tibet. In Africa lo si può trovare lungo la catena dell’Atlante, sui monti tra il Marocco e la Tunisia, fino agli altipiani dell’Africa orientale e le catene montuose del Sudafrica. Il suo habitat naturale è costituito da zone montuose con scarsa vegetazione e ricche di pareti rocciose su cui nidificare. Come tutti gli avvoltoi tende a cacciare negli spazi aperti, quindi, evita le foreste o le regioni troppo pianeggianti come le savane africane.

  • grifone Il grifone è un grosso uccello della famiglia degli accipitridi. Nell’aspetto assomiglia molto all’avvoltoio comune, infatti, il suo nome latino, Gyps fulvus, significa avvoltoio fulvo. Il grifone è u...
  • capovaccaio Il capovaccaio è un piccolo avvoltoio africano, noto anche come avvoltoio degli egizi perché presente in molti geroglifici dell’antico Egitto. Il capovaccaio ha un piumaggio completamente bianco, con ...
  • cardellino Il Carduelis carduelis, meglio noto come cardellino, è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi. Questo piccolo uccellino, grande appena 12 centimetri, deve il suo nome alla...
  • Tordo Il tordo è un piccolo uccello passeriforme della famiglia dei Turdidi. Gli esemplari possono raggiungere un massimo di 33 centimetri per un peso di circa 80 grammi. La colorazione del piumaggio varia ...

Diario del mare

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10€


Riproduzione

gipeto Il gipeto è una specie monogama, il che significa che le coppie una volta formatesi restano insieme per tutta la vita. Il periodo della riproduzione occupa l’intero arco dell’anno, poiché inizia in autunno con la preparazione del nido e si conclude l’autunno successivo, quando i giovani lasciano il nido e gli adulti riprendono con le parate nuziali. Ogni coppia individua e occupa un territorio con un’estensione pari a 300 km e al suo interno costruisce più nidi che vengono utilizzati in maniera alternata. Il nido di gipeto è costruito generalmente all’interno di cavità presenti lungo le pareti rocciose e viene realizzato con rami intrecciati, lana e piume. La femmina depone le uova tra gennaio e febbraio. In genere vengono deposte solo 2 uova ad una settimana di distanza l’una dall’altra. Le uova sono tonde con il guscio color crema con macchie più scure. La cova dura circa due mesi ed è affidata principalmente alla femmina con brevi intervalli in cui il maschio prende il suo posto. I pulcini vengono alla luce a marzo, quando la disponibilità di cibo è maggiore. Solitamente sopravvive solo il fratello maggiore, poiché si impadronisce di tutto il cibo portato dai genitori, causando la morte del fratello minore. Tale comportamento viene detto ‘cainismo’. Dopo la schiusa un genitore resta sempre nel nido con i pulcini, mentre l’altro va alla ricerca del cibo per sfamare la famiglia. I giovani sono in grado di volare già dopo il primo mese e escono con i genitori alla ricerca di cibo. Lasceranno il nido solo l’autunno successivo, quando saranno ormai diventati autosufficienti.


gipeto: Abitudini

e alimentazione

Il gipeto come tutti gli avvoltoi è necrofago, ovvero, si nutre quasi esclusivamente delle carcasse di animali morti. Si nutre principalmente del midollo osseo e di piccole ossa. Per recuperare il midollo osseo dalle ossa più grandi tende a farle cadere da grosse altezze per frantumarle. Il gipeto è privo di gozzo ed è dotato di una particolare conformazione dell’esofago che gli consente di ingoiare anche ossa di 30 centimetri. La digestione è favorita dalla presenza nello stomaco di succhi gastrici altamente acidi capaci di sciogliere i sali minerali contenuti nelle ossa. Il gipeto si nutre principalmente delle carcasse di bestiame domestico e di allevamento e di ungulati selvatici. Difficilmente entra in competizione con altri avvoltoi o rapaci, ma tende a defilarsi e ad attendere il proprio turno per cibarsi delle ossa lasciate dagli altri necrofagi. Il gipeto è un abilissimo volatore e sfrutta sia le correnti ascensionali che quelle di pendio. E’ molto abile nelle acrobazie grazie alla forma stretta e lunga delle ali e alla coda a cuneo. Quando è alla ricerca di cibo tende a volare a bassa quota per perlustrare il suolo in cerca di carcasse. La ricerca del cibo occupa gran parte della giornata del gipeto che necessita di almeno un kg di carne e ossa giornaliere.



COMMENTI SULL' ARTICOLO