quaglia

Caratteristiche

La quaglia comune è un piccolo uccello, appartenente alla famiglia dei Fagianidi, allevato principalmente per scopi alimentari. E’ l’unico galliforme al mondo capace di compiere migrazioni. Il piumaggio è marrone uniforme su tutto il corpo, con striature rossicce nella parte superiore che diventano più scure sul dorso e sulla testa. La parte dell’addome è solitamente biancastra, mentre il ventre è color ruggine con strisce longitudinali gialle. La gola è caratterizzata dalla presenza di una sorta di collarino color ruggine. Gli occhi sono rossi, il becco è grigio e uncinato, mentre i piedi sono gialli. La testa è piccola. Misura in media diciotto centimetri di lunghezza, con un’apertura alare di 30 centimetri. Le ali sono lunghe circa dieci centimetri. Non esiste dimorfismo sessuale, ma, maschi e femmine risultano pressoché identici se non fosse per il fatto che le femmine presentano un piumaggio dai colori più sbiaditi rispetto a quello dei maschi.
quaglia

Il Fondamentalismo Hollywoodista: Viaggio in Iran Alla Scoperta Dell’invisibile Ideologia Dell’occidente

Prezzo: in offerta su Amazon a: 8,54€
(Risparmi 1,45€)


Habitat naturale

e distribuzione

La quaglia ha un areale di distribuzione molto ampio. Vive in tutta Europa, in Asia Centrale, nelle regioni dell’Africa Mediterranea spingendosi fino all’Equatore e al Capo di Buona Speranza. Una sottospecie è presente anche nell’America del nord. Si tratta di una specie migratoria che tende a svernare nei paesi caldi dell’Africa e dell’Asia. Le migrazioni cominciano a Settembre e si prolungano fino alla fine di ottobre. I viaggi non avvengono in gruppo, ma, ciascun esemplare inizia la traversata in solitaria, per poi riunirsi in un secondo momento. Le zone preferite per trascorrere il periodo invernale sono principalmente quelle dell’Europa Meridionale, del Mar Nero, tra cui Grecia, Italia, Turchia, Spagna e le coste asiatiche della Cina e del Giappone. In Italia è nidificante e di doppio passo. L’habitat naturale delle quaglie è rappresentato da ampi spazi aperti, pianure e aree ricche di vegetazione, dove riescono a mimetizzarsi alla perfezione con l’ambiente circostante. Nelle zone di montagna si stabiliscono principalmente vicino a paludi e acquitrini. Elemento fondamentale, nell’habitat naturale della quaglia è la presenza di coltivazioni di cereali come frumento e segale che rappresenta la base della loro alimentazione.

  • pavoncella La pavoncella, il cui nome scientifico è Vanellus Vanellus, è un uccello della famiglia dei Caradridi di cui è la specie più grande. Si tratta di un volatile di medie dimensioni dal piumaggio molto co...
  • Fagiano allevamento Con il termine fagiano si intende un intero gruppo di uccelli appartenenti alla famiglia dei Phasianidae. Gli uccelli di questa famiglia hanno tutti caratteristiche simili: corpo slanciato, collo cort...
  • fagiano Con il termine fagiano si indica un gruppo di uccelli della famiglia di Phasianidae che comprende diverse sottospecie. La caratteristica principale dei fagiani è la forma slanciata del corpo, con coll...
  • Gallo cedrone Il gallo cedrone, noto anche come urogallo, è un uccello della famiglia dei pahasianidae. E’ il più grande tra i gallinacei e misura in media tra i sessanta e i settanta centimetri di lunghezza, con u...

La quaglia e il sasso

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,18€
(Risparmi 2,32€)


Riproduzione

uova di quaglia La stagione degli amori per le quaglie inizia più tardi rispetto alle altre specie appartenenti alla stessa famiglia. La femmina, infatti, comincia a costruire il nido nel mese di giugno. I nidi vengono costruiti a terra, all’interno di piccoli solchi scavati nei prati o nei campi di frumento e ben nascosti dalla vegetazione. All’interno dei nidi vengono poste delle foglie secche e degli steli di erba per renderli più soffici. In genere vengono deposte dalle otto alle quattordici uova dal guscio biancastro con macchie scure. La cova dura circa tre settimane. I piccoli appena nati sono ciechi e rivestiti da una sorta di lanugine. La madre li accudisce e li conduce subito con sé alla ricerca di cibo. I piccoli crescono molto velocemente e a due settimane di vita sono già capaci di volare e lasciano il nido. A un mese di vita possono già intraprendere la prima migrazione autunnale. La costruzione del nido e la cova sono affidate esclusivamente alla femmina che, di solito, compie due deposizioni l’anno. I maschi difendono il territorio dagli altri maschi e tendono ad emettere dei richiami particolari per attirare le femmine che rispondo con dei pigolii. L’accoppiamento vero e proprio è preceduto da un preciso rituale di corteggiamento durante il quale il maschio gironzola intorno alla femmina offrendole del cibo trasportato nel becco. Se vivono in gruppi numerosi, praticano la poligamia, con i maschi che si accoppiano con più femmine. Nei gruppi piccoli diventano monogame.


quaglia: Abitudini

e alimentazione

L’alimentazione delle quaglie è costituita principalmente da semi, foglie e gemme a cui si aggiungono insetti e molluschi. Per favorire la digestione, le quaglie tendono a ingoiare piccoli ciottoli. La ricerca del cibo avviene sul suolo. Quando si trovano di fronte ad un pericolo, anziché volare via, tendono a scappare correndo velocemente. E’ un uccello dalle abitudini terricole e trascorre gran parte della giornata a terra spostandosi a passo svelto e muovendo continuamente la testa avanti e indietro. Il volo è breve e interrotto. Tra i cinque sensi, l’udito e la vista sono quelli maggiormente sviluppati. Poco socievole e solitaria, la quaglia evita qualsiasi contatto con l’uomo e con altri esemplari della sua specie, eccetto che durante le migrazioni e nel periodo della riproduzione. Nonostante queste sue caratteristiche ben si adatta a essere allevata in gabbia. La quaglia è allevata principalmente per scopi alimentari, poiché la sua carne è considerata un alimento molto pregiato. Molto ricercate sono anche le uova, piccole e molto saporite. Attualmente la specie è a rischio a causa della caccia da parte dell’uomo e per l’utilizzo di pesticidi che hanno ridotto di molto la quantità di cibo a disposizione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO