sparviere

Caratteristiche

Lo sparviere, il cui nome scientifico è Accipiter Nisus, è un uccello appartenente alla famiglia degli Accipitrade. Attualmente se ne conoscono otto specie distinte in base al territorio in cui vivono. Gli sparvieri sono caratterizzati da ali corte e arrotondate e dalla coda lunga. Caratteristiche, queste ultime, che lo distinguono dal gheppio. Il corpo dello sparviere e snello, la testa è piccola su cui spicca il becco adunco. Le zampe sono lunghe e sottili e dotate di artigli con cui afferra le sue prede. In generale gli adulti misurano in totale 30 centimetri di lunghezza, 10 dei quali sono costituiti dalla coda. L’apertura alare è di 60 centimetri. Il piumaggio è grigio scuro nella parte superiore e bianco con striature ondulate rossiccie nella parte inferiore. La coda è attraversate da sei fasce nere ed è bianca alla punta. Il becco è azzurro mentre i piedi e gli occhi sono gialli. I giovani si distinguono dagli adulti per la colorazione del piumaggio grigio uniforme. La specie presenta uno spiccato dimorfismo sessuale sia per le dimensioni sia per il piumaggio. La femmina è più grande del maschio e arriva a misurare anche sei centimetri in più. Anche la livrea presenta delle differenze. La femmina ha le parti inferiori bianche con strisce grigie, che nel maschio diventano rossastre. La parte superiore è color lavagna nel maschio e nera nella femmina. Le zampe sono gialle in entrambi i sessi. Lo sparviere è tra i rapaci europei più agili e veloci. Gli spostamenti sul terreno sono un po’ impacciati. E’ un uccello fiero e coraggioso e per questo è stato utilizzato per secoli come uccello da caccia.
sparviere

Franciacorta Brut DOCG 75 cl. - 2009 - Lo Sparviere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 33,9€


Habitat naturale

e distribuzione

Lo sparviere è un uccello dall’areale molto esteso. E’ presente in Europa, Asia e Africa. In Europa vive solo nelle regioni settentrionali, in Asia si può trovare nelle zone centrali e in India. In inverno sverna nelle regioni dell’Africa Mediterranea. Il suo habitat naturale è costituito in prevalenza da boschi non troppo folti dove riesce a individuare dall’alto le sue prede e afferrarle poi con i suoi possenti artigli. Vive principalmente in zone boschive, dalla pianura fino al limite dell’arco alpino. Caccia, invece, in ambienti semiaperti come radure e margini dei boschi. Essendo un uccello migratore tende a svernare nei luoghi più caldi. In Italia è sedentario e nidificante. Rispetto ad altre specie simili come il gheppio o l'astore, lo sparviere è meno selettivo e ha capacità di adattamento maggiori. Si adatta anche a vivere in zone boscate a ridosso dei centri urbanizzati.

  • corvo Il corvo comune, o Corvus frugilegus, è un uccello appartenente al genere Corvus e alla famiglia dei Corvidi. E’ caratterizzato dall'inconfondibile piumaggio nero brillante, omogeneo su tutto il corpo...
  • gazza La Pica Pica, meglio nota come Gazza Ladra, è un uccello rapace appartenente alla famiglia dei corvidi da cui deriva alcune caratteristiche peculiari della specie. La gazza è riconoscibile per il suo ...
  • biancone Il Biancone, è un rapace di grosse dimensioni, conosciuto anche con il soprannome di “aquila dei serpenti”, poiché la sua dieta è costituita principalmente da ofidi, velenosi e non. Il biancone appart...
  • civetta La civetta è un rapace notturno appartenente alla famiglia degli Strigidae. Si tratta di un uccello di medie dimensioni, lungo circa 23 centimetri per un peso di 200 grammi. Il corpo è tozzo, la testa...

Draper 40938 - Sparviere per intonaco in ABS, 330 x 330 mm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 10,3€
(Risparmi 3,17€)


Riproduzione

nido sparviere La stagione degli amori per lo sparviere coincide con l’arrivo della primavera e si protrae fino al mese di agosto. In questo periodo i maschi corteggiano la femmine con spettacolari parate nuziali caratterizzate da vertiginose picchiate e risalite. Il nido viene costruito sui rami più alti degli alberi, ben nascosto dalla vegetazione. E’ costituito da ramoscelli intrecciati e tappezzato con piume che la femmina si strappa appositamente. Il nido viene costruito da entrambi i membri della coppia e solitamente ne vengono costruiti più di uno per poi riutilizzarli negli anni successivi. La femmina depone dalle tre alle cinque uova. Le uova di sparviere hanno il guscio bianco con macchie rossicce. Vengono covate per 5 settimane dalla femmina, mentre il maschio si occupa di trovare da mangiare. I piccoli appena nati vengono accuditi e nutriti da entrambi i genitori. I piccoli accettano il cibo solo dalla madre, mentre il padre si occupa della caccia. I giovani imparano a volare dopo un mese, ma, restano con gli adulti per molti altri mesi. La maturità sessuale viene raggiunta a due anni.


sparviere: Abitudini

e alimentazione

Lo sparviere è un predatore e si nutre principalmente di altri uccelli di qualsiasi dimensione. La tecnica di caccia è un misto di astuzia e di prudenza, poiché individua le prede restano nascosto nel folto della vegetazione per poi piombarvi addosso a sorpresa. Si scaglia sulla preda con picchiate veloci e repentine e non è raro che la rincorra anche sul terreno. Oltre che dagli uccelli, la sua dieta è composta anche da mammiferi e rettili. Una volta afferrata la preda la trasporta in un luogo nascosto e la divora. Le penne e le parti non digeribili vengono poi rigettate. Caccia a quote medio basse ed è molto abile a muoversi attraverso la vegetazione. Possiede una vista molto acuta che gli consente di avvistare anche le prede più piccole. Lo sparviere ha un volo agile e veloce con lunghe planate effettuate sfruttando le correnti ascensionali. E’ una specie solitaria, dalle abitudini diurne. Può essere sia sedentaria che migrante a seconda del luogo in cui si stabilisce. Trascorre gran parte della giornata appollaiato sui rami degli alberi in attesa di avvistare una preda su cui scagliarsi. E' un cacciatore solitario e vive in coppia solo nel periodo della riproduzione. Si tratta di una specie a rischio. Le minacce alla sua sopravvivenza sono rappresentate principalmente dalla distruzione del suo habitat naturale e dal bracconaggio. E' molto sensibile all'uso di pesticidi che riducono di molto le prede a sua disposizione.



COMMENTI SULL' ARTICOLO