tortora

Caratteristiche

La Streptopelia turtur, meglio conosciuta con il nome di tortora comune, è un uccello della famiglia dei Columbidi. Grande circa ventotto centimetri, per un peso medio di circa 150 grammi, la tortora si distingue dagli altri uccelli della stessa famiglia per la presenza di evidenti strisce bianche e nere presenti sul collo e sulla testa. Il piumaggio è rossiccio con macchie marroni, il petto è rosa e la pancia è bianca. La coda è lunga, nera con la punta bordata di bianco. Il corpo è slanciato, il becco è nero, corto e coperto da uno strato di pelle detto ‘cera’. Le zampe, invece, sono rosa intenso. Gli occhi sono marroni e cerchiati di rosso. Caratteristica di questo uccello è anche il verso che consiste in una serie di ‘tryuu tryuu’ dal tono lamentoso, da cui deriva anche il nome ‘tortora’, che è una voce onomatopeica con cui si riproduce, appunto, il richiamo di questo uccello. Il volo della tortora è caratterizzato da battiti di ala veloci e ripetuti e dall’alternanza dell’inclinazione del corpo a destra e a sinistra. Attualmente si conoscono quattro diverse sottospecie, tutte caratteristiche di una precisa area geografica: c’è la tortora europea, la tortora tipica dell’Africa e dell’Estremo Oriente, la tortora egiziana e quella tipica delle regioni del Sahara meridionale.
tortora

BRANDANI BARATTOLO BATTICUORE CUORE PROVENZALE TORTORA BEIGE IN ALLUMINIO 55796

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15,4€


Habitat naturale

e distribuzione

La tortora è un uccello molto comune nelle città e negli agglomerati urbani. Come tutti i columbidi si può trovare ovunque in Europa, Asia e Africa. In Itali vive e nidifica in tutte le regioni ad esclusione della fascia alpina e di alcune aree della Puglia. In autunno tende a migrare nei paesi più caldi come l’Africa Mediterranea e il Sahara, dove trascorre i mesi invernali per poi tornare a nord in primavera. Il suo habitat naturale è rappresentato da aree coltivate, zone rurali, campi e frutteti. In generale preferisce zone caratterizzate dalla presenza di grandi alberi dove poter nidificare come boschetti e parchi pubblici. Si può trovare anche nelle periferie delle città ricche di aree verdi, su terrazze e balconi di abitazioni dove, se non viene disturbata, può anche nidificare. Di solito non si spinge al di sopra dei mille metri di altitudine, ma, predilige le zone pianeggianti.

  • colombaccio Con il termine colombaccio si indica il Columba Palumbus, una specie di uccello appartenente alla famiglia dei Columbidi. Il colombaccio, con i suoi 42 centimetri di lunghezza, per un peso complessivo...
  • verdone Il verdone, noto anche con il nome di Verdello, è un piccolo passeriforme della famiglia dei fringillidi. Grande appena quindici centimetri per un peso di circa 25 grammi, deve il suo nome alla partic...
  • rondine La Hirundo rustica, meglio conosciuta come rondine comune è un passeriforme della famiglia degli Hirundinidae. Si tratta di un piccolo uccello migratore molto comune nelle città e nelle aree urbanizza...

Modul'Home 6RAN789BC - Mensole a cubo, in MDF, 11,8 x 30 x 30 cm, pannello MDF, Tortora, 3 taglie 23 cm/26,5 cm/30 cm

Prezzo: in offerta su Amazon a: 23,27€


Riproduzione

tortora La stagione degli amori per la tortora coincide con l’arrivo della primavera. Si tratta di una specie monogama, quindi, le coppie una volta formatesi, restano insieme per sempre. Le cure parentali sono affidate a entrambi i genitori. La riproduzione si ha tra marzo e settembre. In questo periodo la femmina riesce a portare a termine due covate annuali. L’accoppiamento vero e proprio si verifica tra i mesi di maggio e giugno, quando gli stormi migranti hanno terminato il loro viaggio di ritorno dai paesi africani . L’accoppiamento è preceduto da un rituale di corteggiamento tipico della specie. In questa fase i maschi compiono la cosiddetta parata nuziale che consiste nell’esibirsi in brevi voli tra un ramo e l’altro o sul terreno, mentre, tubano con insistenza. La preparazione del nido è affidata a entrambi i genitori. Viene costruito tra i rami degli alberi o in cima ad alti cespugli utilizzando ramoscelli, radici e fili di erba intrecciati tra loro. Ha una forma piatta e un aspetto molto rudimentale. Dopo l’accoppiamento, la femmina depone due sole uova a un giorno e mezzo di distanza l’una dall’altra. Le uova hanno il guscio bianco e semi lucido. La cova spetta a entrambi i genitori che covano a turno per due settimane. Quando vengono alla luce, i pulcini sono ciechi e nudi. Vengono alimentati da entrambi i genitori con il ‘latte di piccione’, una secrezione prodotta da una ghiandola presente nel gozzo. I piccoli lasciano il nido dopo circa tre settimane.


tortora: Abitudini

e alimentazione

Le tortore sono uccelli granivori come gran parte dei colombi. La loro dieta è, quindi, costituita principalmente da grano, miglio, frumento, ravizzone, semi di finocchi, grano saraceno e semi di ravanello. All’occorrenza si nutre anche di insetti e piccoli molluschi come vermi, bruchi, tarme della farina e lombrichi. Si procura da mangiare direttamente dai rami o ispezionando il terreno e raccogliendo chicchi, semi e insetti direttamente con il becco. Grazie alle zampe robuste riesce a spostarsi agevolmente sia sul terreno sia da un ramo all’altro. Tipico della specie è il modo di bere con il becco completamente immerso nell’acqua. L’acqua viene ingerita grazie a profonde ispirazioni. La tortora non familiarizza molto con l’essere umano e tende a vivere nelle periferie e nelle aree ai margini della città, caratterizzate da una minore presenza umana. E’ una specie molto adattabile e poco esigente che, negli ultimi decenni, si è adattata agli habitat più diversi, anche se frequenta prevalentemente aree coltivate a cereali e boschetti caratterizzati dalla presenza di specchi d’acqua. La tortora è un uccello solitario e diffidente e tende a vivere isolato o in piccoli gruppi. Solo nel periodo delle migrazioni forma grossi stormi che si muovono rumorosamente verso la destinazione finale. Il volo è rapido e cadenzato.



COMMENTI SULL' ARTICOLO