ghiandaia

Caratteristiche

La ghiandaia, o Garrulus glandarius, è un uccello di medie dimensioni della famiglia dei Corvidi. Deve il suo nome alla sua abitudine di nutristi essenzialmente di ghiande. Misura in media 34-35 centimetri con un’apertura alare di circa 53 e un peso complessivo di 170 grammi. E’ caratterizzata dal piumaggio di base marrone chiare su cui si evidenziano le ali nere con evidenti macchie blu e bianche, la coda nera e il dorso bianco. Sulla testa sono presenti lunghe piume erettili bianche e nere. Il becco è nero, corto e uncinato in punta. Le zampe sono marrone chiaro. In volo si riconosce grazie alla pancia bianca e alla coda quadrata e nera. Il colore degli occhi è azzurro. Non esiste dimorfismo sessuale tra i due sessi, ma il maschio e la femmina sono pressocchè identici. Attualmente si conoscono due sottospecie: la Garrulus cervicalis tipica della Tunisia e dell’Algeria e la Garrulus atricapillus che vive in Crimea, Turchia e Tunisia.
ghiandaia

The Hunger Games Mocking Jay Collana in bronzo antico Incisioni dettagliate su Mockingjay

Prezzo: in offerta su Amazon a: 2,45€


Habitat naturale

e distribuzione

La ghiandaia è un uccello originario dell’Europa, dell’Africa e dell’Asia, dove si può trovare anche in Giappone e in Cina. In Italia è presente in tutta le regioni e può essere sia stazionaria che di passo. Il suo habitat naturale è costituito essenzialmente da foreste sempreverdi o cedue. Non è raro però, trovarla anche nei giardini e nei parchi pubblici. I suoi habitat preferiti sono i faggeti, i castagneti e i querceti. Si tratta comunque di una specie molto adattabile e nel tempo è riuscita ad adattarsi agli habitat più svariati. Difficilmente, comunque, lascia i boschi per le pianure e le distese aperte. Trascorre gran parte della sua giornata tra i rami degli alberi, nascosta tra le foglie delle querce o delle conifere dove può procurarsi facilmente il suo cibo preferito: le ghiande. Difficilmente si lancia sui terreni aperti per timore di eventuali predatori. Non ama i climi rigidi e le zone con scarsa vegetazione.

  • cardellino Il Carduelis carduelis, meglio noto come cardellino, è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi. Questo piccolo uccellino, grande appena 12 centimetri, deve il suo nome alla...
  • Tordo Il tordo è un piccolo uccello passeriforme della famiglia dei Turdidi. Gli esemplari possono raggiungere un massimo di 33 centimetri per un peso di circa 80 grammi. La colorazione del piumaggio varia ...
  • Airone cenerino L’airone cenerino è un grosso uccello appartenente alla famiglia degli Ardeidi, tipico delle regioni del Vecchio Continente. L’airone cenerino conta tre diverse sottospecie: l’Ardea Cinerea cinerea, l...
  • Cinciallegra La cinciallegra, il cui nome scientifico è Parus Major, è la specie più grande della famiglia dei Paridi. Si tratta di un piccolo uccello grande appena 15 centimetri caratterizzato dalla presenza di u...

SPILLA PIN HUNGER GAMES MOCKINGJAY GHIANDAIA IMITATRICE ALTA QUALITA'

Prezzo: in offerta su Amazon a: 5,26€


Riproduzione

ghiandaiaLa stagione degli amori per le ghiandaie coincide con l’arrivo della primavera. In questo periodo si formano le coppie che iniziano la costruzione del nido. La ghiandaia è una specie monogama e le coppie restano insieme non solo nel periodo della riproduzione, ma, per tutta la vita. I nidi sono piatti e vengono costruiti sui rami più bassi degli alberi. Vengono costruiti con rami e sterpi intrecciati mentre l’interno viene rivestito di radici morbide, muschio e fili d’erba. La deposizione delle uova si ha tra aprile e maggio. In genere la femmina depone 5-6 uova dal guscio bianco sporco con macchie marroni. La gestazione dura due settimane. La cova è affidata a entrambi i genitori. I piccoli restano nel nido per 20 giorni. Appena nati sono nudi e ciechi e dipendono in tutto dai genitori che li nutrono e li difendono. La ghiandaia effettua un’unica deposizione l’anno. Il maschio difende il territorio e la femmina dalla presenza di altri esemplari e se necessario ingaggia anche furibonde lotte.


ghiandaia: Abitudini

e alimentazione

La ghiandaia, come si intuisce già dal nome, si nutre principalmente di ghiande. La sua alimentazione, comunque, comprende anche altri alimenti come noci, nocciole, fiori, bacche, cereali e anche insetti, larve, piccoli mammiferi e uova di altri uccelli. Tende a raccogliere il cibo e a nasconderlo nel terreno, nei buchi degli alberi e nei ceppi, per poi andare a recuperarlo in un secondo momento. Nasconde principalmente le ghiande, per poterle mangiare anche in inverno e nei periodi in cui non ci sono. Riescono a trasportare nella gola fino a 9 ghiande e 90 pinoli. Le ghiandaie sono dotate di una spiccata memoria visiva e riescono a scovare le ghiande nascoste nel terreno anche dopo molto tempo e anche se coperte di neve. In autunno la dieta della ghiandaia è composta principalmente da questi frutti, ma, negli altri periodi dell’anno diversifica l’alimentazione nutrendosi di altri semi e di insetti mostrando un’indole adattabile e opportunista. E’ un uccello schivo e solitario, non vive in stormi ad eccezione del periodo delle migrazioni, quando è capace di coprire grandi distanze in volo. Tende a restare nascosta tra gli alberi e difficilmente esce allo scoperto per paura di finire nelle grinfie di eventuali predatori. Un’altra caratteristica della ghiandaia è il cosiddetto ‘anting', ovvero, l’abitudine di ricoprirsi volontariamente di formiche – poggiando il corpo in prossimità di un formicaio. Un comportamento dovuto forse al fatto che le formiche producono acido formico, un potente antiparassitario. Le ghiandaie probabilmente sfruttano queste secrezioni per ripulirsi dei parassiti che le attaccano. Tende a spostarsi da un ramo all'altro compiendo lunghi balzi. Quando è sul terreno saltella goffamente. Il volo è lento. Il suo canto è stridulo, molto simile ad un gracidio e viene udito anche a lunghe distanze. E’ capace di imitare il verso di altri uccelli e di altri animali, come ad esempio il gatto o la poiana. La ghiandaia è una specie protetta in Italia ed è severamente vietata la detenzione e la vendita di esemplari privi di anello alla zampetta e sprovvisti della documentazione relativa alla nascita in cattività. Non si possono prelevare in natura esemplari selvatici e la caccia è fortemente regolamentata.



COMMENTI SULL' ARTICOLO