moretta

La Moretta

Con il termine moretta, scientificamente Aythya fuligula linnaeus, si identifica comunemente un uccello anseriforme, diffuso per la prima volta nel 1758, facente parte della famiglia degli Anatidi. La Moretta un animale abbastanza comune, che non presenta alcuna sottospecie, essendo, infatti, un animale monotipico. Si tratta di un animale che vive solitamente in laghi e fiumi, anche abbastanza profondi; per le sue caratteristiche comportamentali tipiche, la moretta viene anche denominata anatra tuffatrice. Si tratta, inoltre, di un uccello migratore diffuso in tutto il territorio dell’Eurasia temperata settentrionale; la Moretta può essere vista con più difficolta in territorio americano, sebbene possa capitare di incontrare alcuni stormi di Moretta sulle cose settentrionali degli Stati Uniti d’America o su quelle del Canada, in particolare nl periodo invernale. La ragione per cui questo animale viene spinto a migrare può essere trovata, con estrema probabilità nella massimizzazione della circolazione delle acque dolci dovuta sicuramente alla raccolta della ghiaia nelle diverse zone di habitat naturale, fenomeno che ha permesso la diffusione, in zone precedentemente scoperte, delle cozze d’acqua dolce, le quali rappresentano senza alcun dubbio l’alimento preferito di questo uccello. Le migrazioni delle Morette avvengono durante tutto il corso della vita di questi animali. Tra i luoghi preferiti da questo particolare tipo di uccello possiamo ricordare le regioni più miti dell’Asia Meridionali e del Regno Unito.
moretta

Probios la Moretta, senza Latte Gusto Fondente - 1 Pezzo

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,95€
(Risparmi 0,04€)


Aspetto fisico della Moretta

morettaIl maschio e la femmina della moretta si differenziano in base a differente caratteristiche: un esemplare maschio adulto di una moretta, infatti, è solito presentare un piumaggio di colore nero con macchie bianche nella zona dei fianchi. Esso presenta, inoltre, un particolarissimo becco di colore azzurro ed è solitamente caratterizzato da un ciuffo di penne molto marcato, ciuffo che ha fatto guadagnare a questo animale il nominativo di anatra col ciuffo. Gli esemplari femmine adulte della moretta, invece, presenta, a differenza degli esemplari maschi, un piumaggio color marrone scuro, con macchie più chiare (solitamente tendenti al beige o al bianco) presenti nella zona dei fianchi. Le macchie chiare possono essere, inoltre, presenti anche nella zona del becco e del viso in generale. Le femmine di moretta, proprio a causa del loro piumaggio, vengono spesso confuso con altri esemplari di anatra. L’importante differenza cromatica esistente tra il maschio e la femmina di Moretta non deve però sorprenderci, in quanto si tratta di una differenza esistente in quasi tutte le famiglie di anatre. Sia i maschi che le femmine di Moretta presentano una lunghezza di circa quaranta- cinquanta centimetri. Nonostante le sue piccole dimensioni, comunque, questo animale riesce facilmente ad immergersi anche in acque particolarmente profonde.

  • moretta La moretta è un uccello della famiglia degli Anatidi. Caratteristica peculiare della specie è la presenza di un ciuffo nero sulla testa tanto che nei paesi di lingua anglosassone viene chiamata ‘Tufte...
  • codone Con il termine codone comune si indica un uccello acquatico appartenente alla famiglia delle Anatidi. Quest’anatra deve il suo nome alla coda molto lunga e appuntita, caratterizzata dalla presenza di ...
  • codone Il termine codone viene comunemente utilizzato per indicare un uccello della famiglia degli Anatidi, per la prima volta identificato nel 1758 con il nome scientifico di Anas Acuta Linnaeus. Il codone ...
  • orecchione L’orecchione è un animale facente parte della classe dei mammiferi, dell’ordine dei chirotteri ed, in particolare, della famiglia dei verspertilionidi. Il nome scientifico di questo particolare mammif...

T-shirt Moretta city grigia

Prezzo: in offerta su Amazon a: 13,9€


moretta: Caratteristiche comportamentali della Moretta

Dal punto di vista caratteriale, la Moretta si mostra come un uccello per niente schivo, ma anzi, essa risulta estremamente abituata al contatto con l’uomo che circonda il suo habitat naturale. La moretta è solita vivere in zone paludose, soprattutto nei pressi di grossi laghi, e talvolta, di grossi fiumi. Questi uccelli, inoltre, prediligono le zone ricche di vegetazione, soprattutto se composta da piante molto alte e fitte, in quanto esse sono solite nascondere, all’interno delle stesse, i propri nidi, di cui sono, ovviamente, estremamente gelose. La scelta di questi habitat naturali permette, inoltre, alla Moretta di vivere isolata dalle altre specie di uccelli: questi animali, infatti, nonostante la non avversione nei confronti dell’uomo, risultano estremamente schive quando si parla del rapporto con altre tipologie di anatre o di uccelli in generale. Le morette, infatti, tendono a formare degli stormi estremamente selettivi, dove è quasi del tutto impossibile trovare uccelli appartenenti ad altre famiglie. Queste particolari tipologie di habitat, inoltre, permettono anche alla Moretta di essere maggiormente tutelata dai possibili attacchi dei predatori. Questi uccelli sono soliti trascorrere la maggior parte del giorno in attività, soltanto raramente, infatti, essi tendono a nutrirsi o a volare in orari notturni. A causa della particolarità del loro habitat naturali, questi uccelli sono soliti nutrirsi con molluschi, piante marine, piccoli pesci o altri piccoli organismi che possono essere trovati nei laghi o nei fiumi dove esse si trovano. Si ricorda, inoltre, che l’alimento preferito dalla Moretta è sicuramente la cozza di acqua dolce. La “caccia” del proprio cibo risulta semplice per questa particolare tipologia di uccello, grazie alle sue doti peculiarissime di tuffatrice e nuotatrice. La moretta, infine, è solita entrare nel periodo dell’amore durante la stagione primaverile. In questi mesi, infatti, vengono costruiti i nidi, che rappresentano delle vere e proprie colonie. Una femmina di moretta può deporre un massimo di dodici uova; queste vengono covate per quattro settimane.



COMMENTI SULL' ARTICOLO