Tordo Sassello

Caratteristiche

Il Tordo Sassello, Turdus Iliacus è un passeriforme della famiglia dei Turdidi grande circa ventidue centimetri per circa 70 grammi di peso. Molto simile al tordo bottaccio, il sassello se ne differenzia per la colorazione della parte sottostante dell’ala che è di un colore rosso intenso, tanto da essere conosciuto anche con il nome di ‘tordo rosciolo’. Il tordo sassello, come tutti i tordi, è caratterizzato dal piumaggio bruno sulla parte superiore del corpo e bianco con macchie scure su quella inferiore, mentre la coda è marrone scuro. Il becco è piccolo ma robusto che utilizza per frantumare e mangiare le bacche, i corbezzoli, le sorbe e le olive di cui è molto ghiotto. La sua dieta è mista ed è costituita prevalentemente da bacche e frutti, ma, spesso si nutre anche di piccoli insetti. Gli esemplari di questa specie tendono a occupare, in gruppo o da soli, zone ricche di cibo come campagne e frutteti. A differenza del tordo bottaccio, il sassello preferisce le zone aperte. Si tratta di un uccello dalle abitudini gregarie e lo si può vedere spesso volare in stormi con cesene e tordi bottacci. E’ una specie migratoria che nidifica nelle regioni del nord dell’Europa e sverna nel bacino del Mediterraneo. Attualmente, sono state individuate due sottospecie di tordo sassello, il turdus iliacus e il turdus coburni.
tordo sassello

1909 l'Uccello Adulto Maschio di Iliacus del Turdus del Tordo Sassello

Prezzo: in offerta su Amazon a: 20,5€
(Risparmi 20,5€)


Habitat naturale

e distribuzione

Il tordo sassello è un passeriforme tipico dell’Europa, dell’Asia e dell’Africa del nord. Il suo habitat naturale è dato da boschi di conifere, campagne coltivate e frutteti, dove può trovare cibo in abbondanza. Non ama le zone montane, ma preferisce restare sotto i 2000 metri di altitudine. Nidifica in aree caratterizzate dalla presenza di alberi ad alto fusto come betulle, pini e ginepri. Il suo areale si estende al nord fino all’Islanda e a sud fino alla Gran Bretagna e alle regioni dell’Europa dell’est. In autunno il tordo sassello migra nelle regioni meridionali e in particolare nell’area del bacino del mediterraneo. In questo periodo dell’anno lo si può trovare in Italia, nella Penisola Iberica e nelle aree del Maghreb dove si stabilisce nei boschi di conifere e latifoglie, nelle zone a macchia mediterranea, nei boschi di faggi, castagneti, nei prati, nei frutteti, nelle pinete costiere, nei boschi di pioppi e nelle aree caratterizzate da arbusti di ginepro. In Italia la maggiore concentrazione di tordi sassello si registra in Lombardia, Emilia Romagna e Puglia.

  • Tordo bottaccio Il tordo bottaccio è un piccolo volatile appartenente alla famiglia dei Turdidi. E’ un uccello di dimensioni ridotte poichè arriva a misurare appena ventidue centimetri, per un totale di circa 75 gra...
  • richiamo tordo Per la caccia al tordo vengono utilizzati dei richiami vivi. Con il termine ‘richiamo vivo’ si intende un uccello della stessa specie, quindi un tordo bottaccio o un tordo sassello, utilizzato durante...
  • cesena La Cesena, o Turdus pilaris, è un piccolo uccello migratore appartenente alla famiglia dei Turdidi. Si tratta di un tipico uccello delle regioni del nord Europa ed è caratterizzato da una silhouette d...

Tordo sassello semi di cipolla ibridi, Professional Service Pack, 100 semi / Pack, Aspetto Superiore ortaggi, legumi # NF828

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,99€


Riproduzione

tordo sassello I tordi sassello sono una specie monogama, il che significa che le coppie una volta formatesi restano insieme per tutta la vita. La femmina costruisce il nido sui rami bassi degli alberi o in cima ai cespugli, utilizzando muschio e fili d’erba per foderarlo. Raramente il nido può essere costruito anche sul suolo. La stagione degli amori coincide con l’arrivo della primavera e le deposizioni iniziano ad aprile per terminare ad agosto. In media la femmina del tordo sassello depone cinque o sei uova che vengono covate per circa 15 giorni dalla madre. Le uova del tordo sassello sono azzurre. I pulcini restano nel nido per circa due settimane e vengono accuditi dai genitori che provvedono a nutrirli. I piccoli appena nati sono ciechi e privi di pelo. Ogni coppia depone in media due covate l’anno.


Tordo Sassello: La sopravvivenza

La sopravvivenza del tordo sassello è gravemente minacciata in tutta Europa. La minaccia principale per questo piccolo passeriforme è rappresentata dall’uomo. Il tordo sassello, infatti, è tra le specie consentite per l’attività venatoria ed è tra le specie maggiormente cacciate in Italia e in tutte le regioni del Mediterraneo. In base ad uno studio recente, infatti, si stima che ogni anno gli esemplari abbattuti sono più di un milione. Una vera e propria mattanza che sta mettendo in serio rischio la sopravvivenza della specie. I tordi sasselli, inoltre, vengono catturati in natura per poi essere utilizzati come richiami vivi per attirare gli altri uccelli durante le battute di caccia. Si tratta di una pratica molto utilizzata dai cacciatori italiani anche perché è consentita dalla legge. Altro fattore di rischio per la sopravvivenza della specie è costituito dall’inquinamento e dalla progressiva distruzione degli habitat naturali propri della specie. Negli ultimi anni, infatti, si è assistito a una netta diminuzione della popolazione svernante in Italia, proprio a causa della scarsa disponibilità di habitat naturali. In Italia la caccia al tordo sassello è regolamentata dalla Legge quadro Nazionale sulla base della quale, ogni regione, ha poi elaborato un proprio regolamento. La legge regolamenta l’utilizzo dei richiami per tordi e consente esclusivamente l’utilizzo di richiami vivi, mentre, vieta severamente l’uso di richiami acustici sia meccanici che elettrici. La detenzione e l’utilizzo di questi ultimi è punita con salatissime sanzioni pecuniarie e con una denuncia penale. La legge nazionale, inoltre, definisce anche i periodi in cui è consentita la caccia al fine di tutelare la sopravvivenza della specie e garantire con un attento monitoraggio l’attività nidificatrice.



COMMENTI SULL' ARTICOLO