Passerotti

Caratteristiche

I passerotti o passeri domestici sono piccoli uccelli appartenenti al genere Passer molto diffusi in Europa, tanto da essere noti anche con il nome di Passera Europea. I passerotti sono grandi al massimo quindici centimetri per un peso di appena trenta grammi. Il piumaggio è generalmente bruno e presenta una piccola macchia grigia sulla testa. La livrea presenta leggere differenze a seconda del sesso e dell’età dell’esemplare, ma anche a seconda della zona di provenienza. Il corpo è tozzo e le zampe sono piccole e gracili. Il becco è corto, a cono e appuntito grazie al quale riesce a procurarsi da mangiare. Non è raro confondere il passero comune con gli esemplari di altre specie appartenenti allo stesso genere poiché le differenze sono molto lievi e riguardano piccolissime variazioni di colore. Al genere Passer appartengono, infatti, circa sedici specie tutte molto simili tra loro. Tra i passerotti possono notarsi delle piccole differenze a seconda dei luoghi in cui vivono come ad esempio per i passerotti inglesi che sono più piccoli e più scuri rispetto a quelli che vivono nelle altre regioni europee. Si tratta di una specie gregaria, tende a vivere in gruppi di più di dieci esemplari. Il volo è aggraziato, mentre, le piccole zampette sono poco adatte per camminare sul suolo e per questo tende a muoversi con piccoli saltelli.
Passerotti

Passerotti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,99€


Habitat naturale

e distribuzione

I passerotti sono uccelli autoctoni presenti in Europa, nei paesi del bacino del Mediterraneo e in quelli Mediorientali. L’ampia diffusione geografica del passero, pur non essendo una specie migratoria, è dovuta principalmente alla sua capacità di adattarsi agli ambienti più disparati compresi quelli più urbanizzati. Convive bene con l’uomo e non teme di avvicinarsi per procurarsi da mangiare. Lo si può, quindi, trovare nelle città, nelle campagne coltivate e nei paesi. Qui riesce a trovare tutto quanto gli serve per sopravvivere, dal cibo al rifugio. In Italia è molto diffuso il passero italiano che ha un piumaggio grigio con sfumature marroni. E’ un uccellino vivace e irrequieto. In generale i passerotti preferiscono regioni a clima temperato con inverni non troppo rigidi, non essendo una specie migratoria, ma, stanziale.

  • piviere dorato Il Piviere dorato, il cui nome scientifico è Pluvialis apricaria, è un volatile Caradiforme. Si caratterizza per le piccole dimensioni del suo corpo, con un peso che si aggira sui 200 grammi. Presenta...
  • uccelli selvatici Il termine uccelli selvatici si rifà ad una precisa definizione giuridica riportata nella legge 157/92 secondo la quale possono definirsi uccelli selvatici “l’insieme delle specie di uccelli le cui po...

Bartolomeo Passerotti

Prezzo: in offerta su Amazon a: 79,02€
(Risparmi 13,94€)


Riproduzione

passerotti Il periodo degli amori per i passerotti coincide con la primavera. In genere è il maschio a prendere l’iniziativa corteggiando la femmina in maniera prepotente e insistente. Non è raro che, in questo periodo, i maschi litighino tra loro per conquistare una femmina. Una volta formata la coppia i passerotti rimangono insieme per tutta la vita trattandosi di una specie monogama. La preparazione del nido è affidata la maschio della specie che tende a prepararne diversi contemporaneamente, poi, sarà la femmina a scegliere quello più confortevole per deporre le uova. Di solito sceglie luoghi riparati come le tegole dei tetti e le cavità presenti negli edifici, solo raramente in cima a qualche albero. I nidi vengono sempre imbottiti con paglia e piume di altri uccelli. L’ingresso del nido viene fatto lateralmente. Le femmine del passero depongono in media dalle quattro alle otto uova che coverà da sola per quindici giorni. Durante il periodo di riproduzione arrivano a fare fino a quattro covate. La cura dei nidiacei è però affidata ad entrambi i genitori. I piccoli vengono nutriti inizialmente con insetti per poi passare ad un’alimentazione esclusivamente granivora. I pulcini lasciano presto il nido.


Passerotti: Alimentazione

e abitudini

I passerotti sono uccelli stanziali e gregari. In natura vivono in gruppi composti da numerosi esemplari e si muovono tutti insieme. Sono socievoli con l’uomo e spesso si avvicinano alle abitazioni, si posano sui davanzali alla ricerca di briciole o per riposarsi durante il volo. Non temono il contatto con l'uomo che anzi tendono a considerare un loro compagno. E’ un animale abitudinario che si adatta bene ad essere allevato in cattività e instaura con il padrone un rapporto talmente stretto da rendere superfluo anche l’utilizzo della gabbietta. Nella gabbietta devono essere sempre disponibili acqua fresca e della sabbia per i bagni di terra per ripulire le piume. Tra gli accessori necessari per l'allevamento di un passerotto ci sono le mangiatoie e i posatoi. In caso di allontanamento della gabbia il passerotto tenderà comunque a ritornare spontaneamente poiché si tratta di un uccello stazionario e molto abitudinario. Per quanto concerne l’alimentazione, la dieta dei passerotti si basa soprattutto su granaglie e semi vari che vanno mescolati per garantirgli un’alimentazione equilibrata. Nei negozi di animali sono in vendita appositi mangimi e pastoni secchi composti da un mix di semi e granaglie per rispondere a tutte le esigenze nutrizionali dell’uccello. Ai mangimi vanno abbinate sempre verdure e frutta fresca per garantire la giusta dose di vitamine. Tra i frutti consigliati ci sono le mele, le pere, le albicocche e le ciliegie. Durante il periodo della riproduzione si deve garantire alla femmina un pastone a base di uovo. Di tanto in tanto è buona abitudine garantire anche qualche insetto fonte di proteine animali.



COMMENTI SULL' ARTICOLO