uccelli selvatici

Definizione uccelli selvatici

Il termine uccelli selvatici si rifà ad una precisa definizione giuridica riportata nella legge 157/92 secondo la quale possono definirsi uccelli selvatici “l’insieme delle specie di uccelli le cui popolazioni vivono in naturale stato di libertà sul territorio nazionale”. Tali popolazioni possono essere stazionarie, migranti o sostare solo per brevi periodi. Il termine ‘popolazione’ è un termine generico e indica quantitativamente un numero di esemplari tale da consentire la riproduzione e la sopravvivenza della specie. In base alla popolazione gli uccelli selvatici possono essere più o meno tutelati dalla legge italiana al fine di scongiurarne l’estinzione. Per le specie dette ‘in buona salute’, ovvero, con un numero di esemplari cospicuo la legge italiana consente anche il prelievo in natura secondo tempi, modi e numeri rigidamente stabiliti. La dicitura “vivere in stato di naturale libertà”, invece, indica l’attitudine di una determinata specie a vivere e completare il proprio ciclo vitale indipendentemente dalle cure e dalla gestione dell’uomo, come avviene nel caso degli animali domestici. In base alla loro presenza sul territorio nazionale, infine, gli uccelli selvatici possono dividersi in migratori o stanziali. Nel primo caso le popolazioni tendono a spostarsi da un territorio all’altro in base alle stagioni e al ciclo riproduttivo. Al secondo gruppo, invece, appartengono tutte le specie che trascorrono tutta la loro vita e si riproducono nello stesso territorio, in cui trovano il loro habitat naturale ottimale.
uccelli selvatici

5 litri Chubby Dried Mealworms con spedizione gratuita per uccelli selvatici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 16,96€


Normativa tutela

uccelli selvatici

La legge 157 del 1992 considera tutti le specie di uccelli selvatici come beni indisponibili dello Stato e come tali ne prevede la tutela. La tutela dell’aviofauna selvatica si esplica attraverso diversi livelli di attenzione in base allo stato di salute delle popolazioni. La tutela, naturalmente è più stretta nel caso delle specie in declino o addirittura in via di estinzione. Le maglie tendono ad allargarsi man mano che i rischi per la sopravvivenza della specie diminuiscono. Anche l’Unione Europea è impegnata nella lotta alla tutela della biodiversità e già nel 1979 emanò la “Direttiva Uccelli” poi recepita dall’Italia con leggi successive. Il complesso sistema normativo europeo a tutela degli uccelli selvatici individua un totale di 98 specie (Allegato I) sottoposte a “speciali misure di conservazione” e per le quali la caccia è assolutamente vietata, salvo rare eccezioni. L’Italia ha successivamente stilato un suo elenco di specie protette. Nell’Allegato II della Direttiva, invece, sono indicate tutte le specie di uccelli selvatici che possono essere oggetto di attività venatoria a discrezione dei singoli stati membri. La caccia è sempre vietata – anche per le specie per cui è consentita – nel periodo riproduttivo e di migrazione di ritorno. E’ sempre vietato, inoltre, l’utilizzo di metodi di cattura indicati nella direttiva come ‘non selettivi’.

  • cardellino Il Carduelis carduelis, meglio noto come cardellino, è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi. Questo piccolo uccellino, grande appena 12 centimetri, deve il suo nome alla...
  • Tordo Il tordo è un piccolo uccello passeriforme della famiglia dei Turdidi. Gli esemplari possono raggiungere un massimo di 33 centimetri per un peso di circa 80 grammi. La colorazione del piumaggio varia ...
  • Airone cenerino L’airone cenerino è un grosso uccello appartenente alla famiglia degli Ardeidi, tipico delle regioni del Vecchio Continente. L’airone cenerino conta tre diverse sottospecie: l’Ardea Cinerea cinerea, l...
  • Cinciallegra La cinciallegra, il cui nome scientifico è Parus Major, è la specie più grande della famiglia dei Paridi. Si tratta di un piccolo uccello grande appena 15 centimetri caratterizzato dalla presenza di u...

Chapelwood, Nido artificiale per uccelli selvatici

Prezzo: in offerta su Amazon a: 12,27€


Salvaguardia sopravvivenza specie

a rischio

uccelli selvatici Per quanto concerne la salvaguardia delle specie di uccelli selvatici considerate ad alto rischio di estinzione la legge prevede, oltre alla tutela, anche l’attuazione di particolari misure volte a salvaguardarne la sopravvivenza e al ripristino delle popolazioni. Il legislatore dopo aver determinato i ‘target di conservazione’ per ciascuna specie ha fornito anche indicazioni sul tipo di interventi da mettere in atto al fine di evitarne la scomparsa. Tali interventi possono riguardare la tutela degli habitat naturali, considerati fondamentali per la sopravvivenza di determinate specie. Nel corso dei decenni a causa dell’inquinamento, dell’urbanizzazione selvaggia e dei cambiamenti climatici, molte specie hanno visto scomparire gradualmente, ma, inesorabilmente i propri habitat naturali con gravi ripercussioni per la loro sopravvivenza. L’habitat naturale, infatti, rappresenta il luogo specifico in cui una determinata specie trova le condizioni ideali per vivere, nutrirsi e riprodursi e senza il quale non riescono a sopravvivere perché incapaci di adattarsi a condizioni diverse. La legge può prevedere anche interventi diretti volti a ripristinare le condizioni necessarie per invertire la tendenza all’estinzione, come ad esempio nel caso del Capovaccaio, che a meno di interventi diretti è destinato a scomparire nel giro di pochi decenni. Tra gli interventi diretti contemplati dal legislatore c’è anche la ‘reintroduzione’ della specie. Un processo molto delicato e difficile da attuare. Ulteriori interventi riguardano il contrasto e la lotto al bracconaggio e alla caccia illegale che causa ogni anno la morte di centinaia di esemplari appartenenti a specie protette.


Uccelli selvatici

italiani

Nell’elenco degli uccelli selvatici italiani, sia stanziali che migratori ci sono: tutte le specie di pellicani, di cicogne, di rapaci diurni e notturni e tutte le specie di picchi. Compaiono anche il Marangono del Ciuffo, il Marangone minore, il Fenicottero, il Mignattaio, il Cigno reale e quello selvatico, la Spatola, il Fistone turco, il Pollo Sultano, la Volpoca, la Gru, il Gobbo ruggioso, l’Otarda, l’Avocetta, la Gallina Prataiola, l’Occhione, il Cavaliere d’Italia, il Piviere tortolino, il Gabbiano Corso, la Pernice di Mare, la Sterna Zampe nere, il Gabbiano Corallino, la Sterna maggiore, il Gabbiano Roseo, la Ghiandaia Marina e il Gracchio corallino. Queste specie sono tutti uccelli selvatici e come tali sono tutti tutelati dalla legge vigente in materia.


Uccelli selvatici

italiani

Nell’elenco degli uccelli selvatici italiani, sia stanziali che migratori ci sono: tutte le specie di pellicani, di cicogne, di rapaci diurni e notturni e tutte le specie di picchi. Compaiono anche il Marangono del Ciuffo, il Marangone minore, il Fenicottero, il Mignattaio, il Cigno reale e quello selvatico, la Spatola, il Fistone turco, il Pollo Sultano, la Volpoca, la Gru, il Gobbo ruggioso, l’Otarda, l’Avocetta, la Gallina Prataiola, l’Occhione, il Cavaliere d’Italia, il Piviere tortolino, il Gabbiano Corso, la Pernice di Mare, la Sterna Zampe nere, il Gabbiano Corallino, la Sterna maggiore, il Gabbiano Roseo, la Ghiandaia Marina e il Gracchio corallino. Queste specie sono tutti uccelli selvatici e come tali sono tutti tutelati dalla legge vigente in materia.




COMMENTI SULL' ARTICOLO