Oca granaiola

Caratteristiche

L’Oca granaiola, Anser Fabalis, appartiene alla famiglia degli Anatidi ed è caratterizzata da un piumaggio marrone omogeneo su tutto il corpo con penne più chiare ai margini, la testa e il collo sono leggermente più scuri e il becco può variare dal nero all’arancio. La coda è marrone con una evidente fascia bianca. Il petto è bianco crema.Le zampe sono arancioni. Leggermente più piccola dell’oca selvatica, la Granaiola misura in media tra i 66 e gli 84 centimetri per un peso complessivo di circa quattro chili. La specie non presenta dimorfismo sessuale, ma, entrambi i sessi si presentano molto simili ed è molto difficile riuscire a distinguere il maschio dalla femmina. Anche gli esemplari più giovani sono molto simili agli adulti. Tra le ‘Oche grigie’, di cui fanno parte anche l’Oca Lombardella e l’Oca Zamperosa, la Granaiola è quella che raggiunge la maggiori dimensioni. Questa specie presenta in natura due sottospecie: l’Anser Fabalis Fabalis, meglio conosciuta come Oca Granaiola della Taiga e l’Anser Fabalis Rossicus, o Oca Granaiola della Tundra. La prima ha un corpo più tozzo, il becco è quasi completamente arancione con macchie nere sulla punta e il collo e le zampe sono più lunghe. Entrambe hanno dorso, fianchi e ali marroni, ventre chiaro e coda marrone attraversata da un’ampia striscia bianca. Si tratta di una specie gregaria e durante le migrazioni si associa spesso all’Oca Lombardella. Può volare anche per molte ore di seguito senza stancarsi percorrendo lunghe distanze prima di fermarsi per dei brevi riposi. Il volo è rettilineo e veloce e quando sono in gruppo formano la tipica formazione a ‘V’ nel cielo. I richiami dell’oca granaiola sono molto forti e melodiosi. L’oca granaiola è una specie molto sospettosa e quando si avventura alla ricerca del cibo c’è sempre un altro esemplare che funge da sentinella e che da l’allarme al minimo sospetto di pericolo. Non ama la vicinanza all'uomo e tende ad evitare le aree abitate.
Oca granaiola

TININNA 50 pezzi 3-4 pollici oro naturali Piuma d'oca plumes per la decorazione domestica del mestiere

Prezzo: in offerta su Amazon a: 7,99€


Habitat naturale

e distribuzione

La Granaiola è una specie migratrice originaria dell’Europa settentrionale e dell’Asia. Si può trovare nelle regioni scandinave, negli Urali, nella taiga della Siberia occidentale e orientale e nella tundra Russa fino alla penisola del Tajmyr. Nidifica nelle fredde regioni nord europee, tra la Scandinavia e la Russia, e si trasferisce a sud per svernare spingendosi fino al bacino del Mediterraneo. Non è insolito trovare queste oche anche in Italia dove arrivano a svernare nella zona del delta del Po. Il suo habitat naturale è costituito dalle torbiere e dalla tundra. Predilige le aree boscose che circondano paludi, laghi e fiumi. Sverna, invece, nelle zone costiere o in praterie umide e coltivate. Negli ultimi anni, a causa dei cambiamenti climatici, è sempre più raro che si spinga fino al sud per svernare, fermandosi, invece, un po’ più a nord. I periodi di riposo vengono trascorsi in zone palustri , isole o in acqua.

  • vendita oche Le oche vengono allevate principalmente per la produzione di carne, di fegato e di uova. Esistono numerosi allevamenti, dove si possono trovare in vendita oche di tutte le razze. Nel mondo le razze di...
  • oca romagnola L’oca Romagnola è un’oca italiana, originaria dell’Emilia Romagna, allevata fin dall’antichità per la sua carne – molto ricercata – e per la spiccata attitudine alla deposizione di uova. E’ tra le oc...
  • oca domestica L’oca domestica discende dall’oca selvatica, meglio nota con il nome di oca cenerina per la colorazione del suo piumaggio. L’addomesticamento delle oche affonda le sue radici nella notte dei tempi. Da...

TRIXES Contenitore portatile rigido per 6 uova, scatola rigida per il campeggio.

Prezzo: in offerta su Amazon a: 4,99€
(Risparmi 5€)


Riproduzione

Oca granaiola La stagione degli amori per le oche granaiole coincide con l'arrivo della primavera, mentre la deposizione delle uova si ha tra maggio e giugno per garantire ai piccoli temperature e condizioni climatiche più favorevoli con l'arrivo dell'estate. In genere la femmina depone tra le quattro e le sei uova che poi cova da sola, senza l’aiuto del compagno. La gestazione dura circa un mese. Le oche granaiole effettuano un’unica covata ogni anno. I piccoli nascono nudi e ciechi. L’oca granaiola è gregaria per tutto l’anno eccetto che nel periodo della riproduzione, quando le coppie si staccano dal branco per nidificare. I nidi vengono preparati sulla terra ferma, utilizzando delle foglie, del muschio e qualche piuma. Vengono nascosti tra i cespugli nei boschi di betulle, di abeti rossi nei pressi di paludi e corsi d’acqua. Il nido viene posizionato a circa due chilometri dall'acqua in luoghi riparati e leggermente sopraelevate per prevenire casi di allagamento. Nel corso dei primi mesi di vita vengono accuditi da entrambi i genitori. Iniziano a volare dopo circa quaranta giorni dalla nascita.


Oca granaiola: Alimentazione

e conservazione

della specie

L’oca granaiola, come si può immaginare anche dal nome, si ciba prevalentemente di cereali e leguminose che si procura andando a caccia nei boschi che circondano le paludi e i laghi o avventurandosi all’interno di campi coltivati. Per questo motivo tendono a stanziarsi nei pressi di foraggiere e canneti dove la presenza dell’uomo non è eccessivamente invadente. Si tratta essenzialmente di una specie erbivora e la sua dieta è costituita prevalentemente da erbe, muschio, bacche, grano, fagioli, patate e germogli di cereali. Questa specie non compare tra quelle a rischio estinzione in Europa, anche se il loro habitat naturale è costantemente minacciato dall’intervento dell’uomo. Le aree più a rischio sono quelle in cui l’oca granaiola tende a svernare. Attualmente, comunque, si contano circa 125mila coppie tra la Finlandia, la Svezia e la Russia. La specie, inoltre, è minacciata anche dall’attività venatoria. In alcune regioni, tra cui l’Italia, si è reso necessario un intervento per incrementare la popolazione svernante .


Guarda il Video

COMMENTI SULL' ARTICOLO