frullino

Caratteristiche

Il frullino è un piccolo e caratteristico uccello appartenente alla famiglia degli Scolopacidi e al genere dei Lymnocryptes, di cui rappresenta l’unica specie. Di dimensioni molto ridotte è grande appena venti centimetri per un peso complessivo inferiore ai 100 grammi. Caratteristica del frullino è il becco lungo e appuntito, molto simile a quello del beccaccino, ma, leggermente più corto. I due sessi non presentano dimorfismo sessuale, ma, il maschio e la femmina sono molto simili. Il piumaggio del frullino è marrone con riflessi verdi nella parte superiore del corpo. Sulla pancia è bianca con striature scure. Il lungo becco è color carnicino con apice scuro. La coda è a forma di cuneo e dotata di particolari piume che emettono un suono caratteristico della specie. Le zampe sono verde scuro. In generale il corpo è piccolo e slanciato. I giovani della specie assomigliano molto agli adulti, ma hanno dimensioni inferiori. In volo il frullino assomiglia molto al beccaccino, da cui si distingue per le dimensioni più piccole e per l’andatura più lenta. Le due specie sono molto simili anche nel piumaggio e le uniche caratteristiche distintive sono rappresentate dalle minori dimensioni del corpo e del becco da parte del frullino e dalla forma della coda, che nel beccaccino è a ventaglio, mentre nel frullino è appuntita.
frullino

Yaheetech Gabbia Voliera per Pappagalli Uccelli Grandi Inseparabili Calopsite con Piedistallo Ruote in Metallo e Legno da Interno e Esterno 78,3 x 52 x 132 cm Nera

Prezzo: in offerta su Amazon a: 91,99€


Habitat naturale

e distribuzione

Il frullino ha un areale di distribuzione molto vasto. E'presente in tutta Europa; in Asia ad esclusione del Laos e della Corea del Nord; in Africa, dove si spinge fino al Congo; in Alaska, negli Stati Uniti e in alcune delle isole dell’Oceano Atlantico. Uccello migratore, sverna nelle regioni a sud dell’Equatore. In Italia è una specie di passo e si può incontrare tra Settembre e Ottobre o in primavera. Il suo habitat naturale è costituito da aree acquitrinose come risaie, stagni, prati allagati, acquitrini, paludi, fiumi, laghi, bacini artificiali e anche paludi costiere. Predilige le aree caratterizzate da una fitta vegetazione dove potersi nascondere durante il giorno. Fondamentale è la presenza di acqua circondata da una ricca vegetazione acquatica dove reperisce gran parte degli insetti che compongono la sua dieta quotidiana.

  • Fringuello Il fringuello è un piccolo uccello passeriforme della famiglia dei Fringillidi. Grande appena quindici centimetri, per un peso di circa 20 grammi, è caratterizzato da una livrea molto appariscente neg...
  • beccaccino Il beccaccino è un piccolo e caratteristico uccello appartenente alla famiglia delle Scopacidae e alla specie Gallinago gallinago. Caratteristica principale di questa specie è il becco lungo e molto s...
  • cardellino Il Carduelis carduelis, meglio noto come cardellino, è un uccello passeriforme appartenente alla famiglia dei fringillidi. Questo piccolo uccellino, grande appena 12 centimetri, deve il suo nome alla...
  • Tordo Il tordo è un piccolo uccello passeriforme della famiglia dei Turdidi. Gli esemplari possono raggiungere un massimo di 33 centimetri per un peso di circa 80 grammi. La colorazione del piumaggio varia ...

Old-print L'Uccello Britannico di Storia Naturale di Morris C1875 della Stampa di Colore Eggs il Piviere Tortolino Kentish

Prezzo: in offerta su Amazon a: 15€


Riproduzione

frullino La stagione degli amori per il frullino inizia nel mese di giugno, in netto ritardo rispetto alla maggior parte delle altre specie. In questo periodo i maschi della specie si esibiscono in caratteristiche danze nuziali che prevedono spettacolari voli acrobatici di circa 50 metri, con ondulazioni e canti. E’ una specie monogama, il che significa che le coppie una volta formatesi restano insieme per tutta la stagione riproduttiva. Una volta fecondata la femmina depone tre o quattro uova. Le deposizioni avvengono due volte l’anno. La femmina costruisce il nido in avvallamenti del terreno che vengono ricoperti di erba e muschio. Le uova sono grandi, con il guscio marroncino con striature scure. La femmina cova le uova per circa quattro settimane. Le operazioni della costruzione del nido e della cova sono affidate esclusivamente alla femmina, mentre le cure parentali vengono svolte da entrambi i genitori. Appena nati i piccoli del frullino sono ciechi e indifesi e vengono nutriti e accuditi da entrambi i genitori. La dieta dei piccoli è costituita da insetti, vermi e larve. Dopo circa un mese i piccoli prendono il volo e lasciano il nido.


frullino: Abitudini

e alimentazione

Il frullino è un uccello diffidente e schivo, con abitudini terragnole e solo raramente si alza in volo. Trascorre le sue giornate nascosto nel fitto della vegetazione e al crepuscolo esce allo scoperto per andare alla ricerca di cibo. L’alimentazione del frullino consiste essenzialmente in insetti e larve. Ma la sua dieta varia in base alle stagioni e alla disponibilità del cibo e non disdegna di cibarsi anche di bacche e di semi. Si nutre prevalentemente di insetti acquatici, molluschi, crostacei, alghe e semi. Cerca le sue prede scavando nel terreno e solo in casi eccezionali spicca il volo per cercare da mangiare. E’ un uccello solitario e monogamo e trascorre la sua esistenza in solitudine. Uccello migratore tende a compiere lunghi viaggi per svernare nelle regioni a sud dell’Equatore. A terra ha un’andatura molto ritmata, caratterizzata dal movimento verso l’alto e verso il basso della testa. Il volo è lento e dritto. Quando si alza in volo non emette nessun verso a differenza, invece, del beccaccino. Ha abitudini crepuscoli. Durante il giorno si riposa nascosto nel fitto della vegetazione, mentre al crepuscolo si avventura alla ricerca di prede di cui sfamarsi. Il frullino non è contenuto nelle lista delle specie a rischio e come tale è tra quelle cacciabili in Italia, nonostante, la popolazione europea di questi uccelli abbia subito negli ultimi decenni un notevole decremento. Decremento dovuto principalmente a fattori quali la progressiva distruzione degli habitat di nidificazione e l’utilizzo massiccio di pesticidi e insetticidi che hanno limitato di molto la disponibilità di cibo. Altre minacce sono rappresentate dall’inquinamento delle acque e dal prelievo venatorio.



COMMENTI SULL' ARTICOLO