capovaccaio

Caratteristiche

Il capovaccaio è un piccolo avvoltoio africano, noto anche come avvoltoio degli egizi perché presente in molti geroglifici dell’antico Egitto. Il capovaccaio ha un piumaggio completamente bianco, con penne remigato rie nere. La testa è nuda e grinzosa con una colorazione giallognola. Il becco è giallo con la punta nera. Appuntito e arcuato, il becco viene utilizzato per scavare nella carne delle carogne. Le zampe sono gialle e gli occhi marroni. La coda ha la forma di un cono. Il capovaccaio è alto circa 70 centimetri per un chilo e mezzo di peso e un’apertura alare di 180 centimetri. Si tratta del più piccolo avvoltoio europeo.
capovaccaio

Il becco del capovaccaio

Prezzo: in offerta su Amazon a: 11,4€
(Risparmi 0,6€)


Habitat naturale

e distribuzione

Il capovaccaio ha un areale di distribuzione molto vasto che comprende l’Africa, l’Asia e l’Europa Mediterranea. In Italia questo avvoltoio è presente con pochissimi esemplari in Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia. Le coppie presenti in Italia sono tutte nidificanti. Il suo habitat naturale è costituito principalmente da zone desertiche, savana e foresta pluviale. Predilige i climi aridi e secchi. E’ una specie migratoria e tende a svernare nelle regioni africane.

  • grifone Il grifone è un grosso uccello della famiglia degli accipitridi. Nell’aspetto assomiglia molto all’avvoltoio comune, infatti, il suo nome latino, Gyps fulvus, significa avvoltoio fulvo. Il grifone è u...
  • gipeto Il gipeto è un grosso uccello appartenente all’ordine degli Accipitriformes, unico membro della famiglia dei Gypaetus. Noto anche come avvoltoio barbuto o avvoltoio degli agnelli, il gipeto è uno dei ...
  • corvo Il corvo comune, o Corvus frugilegus, è un uccello appartenente al genere Corvus e alla famiglia dei Corvidi. E’ caratterizzato dall'inconfondibile piumaggio nero brillante, omogeneo su tutto il corpo...
  • gazza La Pica Pica, meglio nota come Gazza Ladra, è un uccello rapace appartenente alla famiglia dei corvidi da cui deriva alcune caratteristiche peculiari della specie. La gazza è riconoscibile per il suo ...

Pantofola Donna ,feiXIANG® Donne donna Slip su cursori birichino pelliccia finta pantofola flip flop sandalo-pelliccia del faux+Eva (40, bianco)

Prezzo: in offerta su Amazon a: 3,99€


Riproduzione

La stagione degli amori per il capovaccaio inizia in primavera inoltrata. Le femmine preparano il nido lungo dirupi e pareti rocciose, in punti inaccessibili. I nidi sono molto grandi e sono costruiti con i materiali più diversi, dai rovi intrecciati, alle ossa, fino alla spazzatura umana. La femmina depone due uova dal guscio giallastro con macchie scure. La cova dura un mese e i pulcini sono accuditi da entrambi i genitori per circa tre mesi. Vengono nutriti con carogne che sono conservate nel nido fino alla decomposizione.


capovaccaio: Abitudini

e alimentazione

Come tutti gli altri avvoltoi, il capovaccaio si nutre principalmente di carogne. Non disdegna nessun animale, dai mammiferi, ai rettili, fino ai pesci. Se necessario, questo avvoltoio non disdegna di nutrirsi anche di frutta. Deve il suo nome alla sua abitudine di seguire le mandrie di bestiame alla ricerca di carogne di cui nutrirsi. Non è raro vedere esemplari di questi avvoltoi scavare tra i rifiuti. Sono molto ghiotti di uova di struzzo che rompono lanciando delle grosse pietre mentre sono in volo. Si tratta di una specie protetta dalla legge perché a rischio estinzione. La popolazione europea e africana ha subito una notevole diminuzione negli ultimi decenni con rischi per la sopravvivenza della specie. Tra le principali minacce per il capovaccaio c’è l’utilizzo di insetticidi e diserbanti, il disboscamento selvaggio e gli incendi boschivi.



COMMENTI SULL' ARTICOLO